--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Caffeina - L'ex difensore Billy Costacurta ha presentato ieri a piazza San Lorenzo a Caffeina il libro di aneddoti per i più piccoli, scritto col telecronista Sky Marco Cattaneo, "Il calcio e lo scolapasta"

“Quella volta che decisi di smettere di giocare per due tunnel di Messi…”

di Paola Pierdomenico
Condividi la notizia:

Billy Costacurta e Marco Cattaneo a Caffeina

Billy Costacurta e Marco Cattaneo a Caffeina

Billy Costacurta

Billy Costacurta

Billy Costacurta e Marco Cattaneo a Caffeina

Billy Costacurta e Marco Cattaneo a Caffeina

Billy Costacurta e Marco Cattaneo a Caffeina

Billy Costacurta e Marco Cattaneo a Caffeina

Billy Costacurta

Billy Costacurta

Billy Costacurta

Billy Costacurta

Billy Costacurta e Marco Cattaneo a Caffeina

Billy Costacurta e Marco Cattaneo a Caffeina

Viterbo –  “Quella volta che decisi di smettere di giocare per due tunnel di Messi…”. Un ironico Billy Costacurta ha presentato ieri a piazza San Lorenzo a Caffeina il libro scritto col telecronista Sky Marco Cattaneo Il calcio e lo scolapasta.
Una divertente serata tra finte telecronache, risate e numero della bicicletta eseguito sul palco. Con un messaggio di Costacurta a Maldini…

“Sono estasiato dallo scenario che ho intorno – ha detto Costacurta prima di iniziare -. Voi magari ci siete abituati,
ma è incredibile la sensazione che dà”.
Dopo aver ricordato le due volte che era stato nella città dei papi, il calciatore, bandiera del Milan, ha spiegato di aver scritto il libro per raccontare il calcio ai piccoli.

Ci sono tre protagonisti: “Questo – ha raccontato Cattaneo – è il primo di una serie che speriamo sia lunga. La storia ruota intorno a Camillo che a causa di un asteroide caduto nel suo giardino da quel giorno sa tutto del calcio. Abbiamo scelto un personaggio conosciuto dai bambini, è cioè Lionel Messi, uno dai conosciuto dai padri, l’imbattibile portiere extra-large William Foulke e Arrigo Sacchi che è legato a Billy per una serie di aneddoti”.

Il libro è scritto con una vena simpatica. “Esce fuori – racconta Costacurta – un Sacchi che è un genio per i suoi metodi strani e la sua maniacalità. Prima di ogni partita non voleva si ridesse o parlasse. Per noi era strano. Quando andavamo in ritiro dalle 8 alle 20 ci massacrava parlandoci perché voleva imparassimo atteggiamenti che dovevamo fare in campo. Solo che i suoi discorsi andavano avanti oltre l’orario. Anche in stanza. Per evitarli, però, appena Sentivamo l’inconfondibile rumore delle sue ciabatte che lo precedevano, spegnevamo la luce e fingevamo di dormire.
Sono aneddoti che ho iniziato a raccontare a mio figlio e che poi ho visto che gli interessavano. Da qui, dopo l’incontro con Marco Cattaneo è nata l’idea di farne un libro”.

Ancora sui protagonisti.
“Li abbiamo scelti – dice ancora Costacurta – perché quando erano bambini volevano fare i calciatori. Foulke però era troppo grande, Sacchi veniva sempre lasciato per ultimo nelle formazioni dell’oratorio. Mente Messi nasce con un problema”.

Spiega Costacurta: “Avevo 40 anni e giocammo un’amichevole contro il Barcellona. Gli ultimi due minuti, Ancelotti mi chiese di scaldarmi, quando vedo Messi, che all’epoca ne aveva 16, ma era alto come un bambino di qualche anno di meno. Chiesi chi fosse e mi risposero ‘vedrai’. In effetti, in campo, mi fece due tunnel e due dribbling. Da lì probabilmente decisi di smettere di giocare”.
Su Gianfranco Zola e Antonio Conte: “A un ritiro – racconta Costacurta – durante i pasti, loro presero il posto a tavola vicino a Sacchi. Non facevano che parlare.
Solo che, alla prima partita, Zola venne espulso dopo due minuti dall’ingresso in campo, forse per la tensione accumulata durante i discorsi con Sacchi che faceva sempre tutti quei gesti. Mentre Conte deve aver appreso così tanto che è diventato il più grande allenatore italiano del momento”.

L’ex difensore del Milan ha rivelato: “Maldini (ora sono responsabile dell’area tecnica, del club rossonero, ndr) da sempre è stato per me un consulente nel senso che ha una memoria incredibile e quando mi chiedono di fare interviste su partite, lo chiamo. Ora che che mi doveva chiamare lui invece mica è partita una telefonata… Sto stronzo”, ha ironizzato sulla possibilità di un incarico dirigenziale nella squadra.
Sui suoi miti: “Il mio idolo è Marini, ex capitano del Varese. Poi al Milan, mi sono trovato di fronte il monumento Franco Baresi”.

Costacurta poi ha rivelato il nome dell’attaccante che, in difesa, lo ha messo più in difficoltà: “Ronaldo il brasiliano, non ci faceva dormire la notte. Era micidiale e ci faceva fare figure barbine”.
Su chi fosse un extraterrestre ha detto: “Ho giocato con 14 palloni d’oro e dirne uno non è facile, ma forse Van Basten, Sheva e Baggio. Difficile dire chi fosse più bravo”.

Un consiglio ai piccoli che volessero seguire le orme dei due ospiti. Ha iniziato Cattaneo: “Ci vogliono passione, entusiasmo, bisogna non prendersi mai sul serio e divertirsi… poi ovviamente ci vuole parecchia fortuna. Quando il divertimento scema negli anni, va ricercato nelle piccole cose che non hanno necessariamente a che fare per l’azienda per cui lavori. Scrivere questo libro ne è l’esempio. Vedere i bambini che si divertono nel leggere, mi è piaciuto. Per trasmettere quei valori che fanno amare questo lo sport”.

Poi ‘zio Billy’: “Molti mi chiedono quanti sacrifici ho fatto per fare questo lavoro. Io però vivevo per questa passione, quindi non mi è pesato nulla. A 14 anni sono stato preso dal Milan e dovevo fare l’allenamento a Milano, mentre io ero di Gallarate, quindi percorrere 50 km di treno. Erano gli anni dell’attentato alla stazione di Bologna e ho avuto la fortuna di avere mia madre vicino che mi accompagnava. Ha visto cosa c’era nei miei occhi e mi ha aiutato a seguire questo sogno”.

Paola Pierdomenico


Condividi la notizia:
29 giugno, 2019

Caffeina 2019 ... Gli articoli

  1. “Hanno voluto colpire don Peppe Diana nel suo essere sacerdote...”
  2. "Un gatto non dice sciocchezze, non è intollerante, non è ridicolo e... non abbaia"
  3. "Nel silenzio delle parole c'è la grandezza del rapporto tra genitori e figli"
  4. Uno straordinario simbolo di libertà...
  5. "Metteremo a disposizione di tutti i libri di Massimo Bordin..."
  6. “La camorra uccide anche senza premere il grilletto”
  7. “Il Trono di Spade è la patria letteraria di questo tempo”
  8. "L'omicidio Moro è stata la fonte dei mali della politica d'oggi"
  9. "Sciascia? Attuale come Dante o Shakespeare”
  10. "Matteo Salvini se la fa sotto quando deve prendere di petto un potente..."
  11. "Nella scala etica che creiamo, alcuni valgono dieci e altri uno"
  12. "Non bisogna avere paura di essere liberi"
  13. "Le nuove generazioni prendono spunto dalla femminilità oggettivizzata"
  14. "Caffeina è un riferimento nazionale che dà speranza..."
  15. "C'è un ministro multifelpa che decide per tutti..."
  16. “Il conflitto di interessi è l’anticamera della corruzione”
  17. “Perché rinunciare a qualcosa? Prendi tutto, pagalo a rate! "
  18. "E' la storia di un eroe del nostro tempo che pensa di poter comprare un riscatto sociale"
  19. “L'eroina ti toglie ogni tipo di sensazione, di dolore, di sofferenza... come la morte”
  20. Lo sfortunato destino del soldato di Berlino Est che saltò il muro...
  21. Gianluigi Paragone: "Non farò carriera politica..."
  22. “Può il più grande partito italiano passare di padre in figlio?"
  23. La militanza politica, il compagno Sallusti e Pelo superfluo...
  24. "La mia scelta di vita è ricaduta sui miei figli e ho avuto paura di non essere capita..."
  25. "E' puro terrorismo psicologico..."
  26. “Diversità e gentilezza, il mio viaggio insieme a mio figlio Nino affetto da autismo...”
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR