--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Giallo di Ronciglione - Parla l'avvocato dei familiari di Maria Sestina: "Tra il trentenne e i suoi parenti più stretti ci sono stati 100 contatti telefonici tra mezzanotte e le sei del mattino, ma una sola chiamata, alle 9,30, ai genitori della ragazza"

“Il riesame dice che la nonna di Landolfi mente su tutta la linea”

di Silvana Cortignani

Condividi la notizia:

Andrea Landolfi e Maria Sestina Arcuri

Andrea Landolfi e Maria Sestina Arcuri

L'avvocato Vincenzo Luccisano, legale della famiglia Arcuri

L’avvocato Vincenzo Luccisano, legale della famiglia Arcuri

Giallo di Ronciglione - Il terzo sopralluogo dei Ris - Gli avvocati Luca Cococcia e Vincenzo Luccisano

Giallo di Ronciglione – Il terzo sopralluogo dei Ris – Gli avvocati Luca Cococcia e Vincenzo Luccisano

Ronciglione - I Ris e il Pm Franco Pacifici sul luogo della tragedia

Ronciglione – I Ris e il Pm Franco Pacifici sul luogo della tragedia

Ronciglione – Un giallo nel giallo, il ruolo avuto dai parenti e dalla nonna ottantenne di Andrea Landolfi Cudia la notte della tragica caduta di Maria Sestina Arcuri, precipitata dalle scale della sua casa di Ronciglione, dove la coppia di fidanzati, conviventi a Roma, stava trascorrendo fuori porta il primo weekend di febbraio. 

“Il riesame dice che la donna mente su tutta la linea”, spiega l’avvocato Vincenzo Luccisano, che assiste i familiari della vittima, venuta a Roma col sogno di fare la parrucchiera da Nocara, il piccolo centro in provincia di Cosenza,in Calabria, dove vivono i suoi familiari.

Tra Landolfi e i parenti più stretti, inoltre, tra mezzanotte e le sei gli investigatori hanno contato cento contatti telefonici. 

“La nonna ha mentito su tutto. Sia sulla dinamica della caduta, che lei sostiene essere avvenuta con il nipote. Sia sulle lesioni che lei stessa ha subito da parte del nipote, che aveva clamorosamente riferito di essersi procurata da sola, cadendo con la spesa e poi urtando contro un tavolo”, sottolinea il legale, un fiume in piena a fronte della decisione con cui i giudici di piazzale Clodio hanno blindato l’impianto accusatorio della procura. 

“La nonna mente su tutta la linea, ma non il figlio di 5 anni di Landolfi Cudia, che era presente quella sera ed è stato sentito nella forma dell’audizione protetta. A differenza di quanto sostiene il gip, per il riesame quel colloquio è stato effettuato con tutte le garanzie del caso. E il bimbo risulta pienamente attendibile nel suo racconto e nella ricostruzione di quanto avvenuto davanti ai suoi occhi”, dice l’avvocato.

Un macigno dell’impianto accusatorio la deposizione del bambino, mentre sarebbero menzogne quelle raccontate dalla nonna Mirella Iezzi.

L’anziana, come si ricorderà, è uscita da sola, nel cuore della notte tra il 3 e il 4 febbraio, per recarsi al punto di primo soccorso del Sant’Anna di Ronciglione, poi sarebbe poi stata soccorsa dal genero, venuto apposta da Campagnano, e refertata la mattina successiva in un ospedale romano, dove le sono state diagnosticate le fratture di alcune costole. 

Secondo il pm Franco Pacifici sarebbe stato il nipote, cui sono contestate anche le lesioni aggravate, dopo che la 26enne, verso le due di notte, è caduta dalle scale.

In base all’autopsia effettuata per la procura dai professori Mauro Bacci e Massimo Lancia le condizioni di Maria Sestina sarebbero state subito gravissime. Ciononostante nè l’80enne, nè altri familiari hanno dato l’allarme nell’immediatezza. Sono passate ore. Nel frattempo, in base ai tabulati, ci sarebbe stato un fitto scambio di telefonate tra il pugile dilettante accusato di omicidio volontario aggravato e i suoi parenti.

“Parliamo di 100 contatti tra mezzanotte e le sei del mattino successivo. Landolfi Cudia ha chiamato tutti, la mamma, le sorelle, la nonna, la zia. Ha chiamato dal suo telefono e anche da quello di Maria Sestina, ci sono chiamate ai familiari anche dal telefono della ragazza. Tutte telefonate tra di loro, nessuna ai parenti della ragazza, nemmeno quando ha chiamato il 118. Li ha chiamati per avvisarli soltanto alle 9,30 del mattino”, dice il legale della famiglia. 

Il trentenne, con nozioni da operatore sociosanitario, è accusato anche di omissione di soccorso, oltre che di omicidio volontario. Accusa questa per cui sia il pm Pacifici, sia il riesame – con la decisione di lunedì – hanno chiesto la misura di custodia cautelare in carcere, rigettata dal gip Francesco Rigato del tribunale di Viterbo lo scorso 15 aprile.

L’ultima parola spetterà alla corte di cassazione, cui ha annunciato ricorso  il difensore Luca Cococcia. Nel frattempo Landolfi non sarà arrestato. 

Silvana Cortignani


 – Sì all’arresto di Landolfi, fidanzato di Maria Sestina


Presunzione di innocenza
Per indagato si intende semplicemente una persona nei confronti della quale vengono svolte indagini preliminari in un procedimento penale.

Nel sistema penale italiano vige la presunzione di innocenza fino al terzo grado di giudizio. Presunzione di innocenza che si basa sull’articolo 27 della costituzione italiana secondo il quale una persona “non è considerata colpevole sino alla condanna definitiva”.


Condividi la notizia:
12 giugno, 2019

Cade dalle scale e muore ... Gli articoli

  1. Andrea Landolfi in carcere? Dopo l'estate la decisione della Cassazione
  2. Arresto di Landolfi, depositato il ricorso in Cassazione
  3. "Questa è l'ultima volta che vedi Maria Sestina..."
  4. "La madre e la nonna avevano paura che Landolfi potesse 'buttare di sotto' anche loro"
  5. Andrea Landolfi: "Ho lanciato Maria Sestina dalle scale"
  6. "Maria Sestina lanciata dalle scale e poi insultata"
  7. "Quello che ha detto il figlio di 5 anni di Landolfi non può valere come prova"
  8. Sì all'arresto di Landolfi, fidanzato di Maria Sestina
  9. I testimoni: "Sestina pronta a lasciare Landolfi, quella notte voleva dormire da sola in albergo"
  10. I Ris per altre 4 ore nella casa della tragedia, sequestrati vestiti sporchi di sangue
  11. Se arriva l'arresto per Landolfi, non sarà immediato
  12. Arresto sì o no, la sorte del fidanzato di Maria Sestina è nelle mani del riesame
  13. "Siamo tranquilli"
  14. Landolfi al 118: "Stavamo giocando e siamo caduti dalle scale, ma la botta più forte l'ho presa io..."
  15. Il figlio di 5 anni di Landolfi: "Ho visto papà buttare Sestina dalle scale"
  16. Ragazza caduta dalle scale, si saprà entro fine mese se il fidanzato sarà arrestato
  17. "Maria Sestina in coma subito dopo la caduta"
  18. "Landolfi in carcere? Non ci sono elementi"
  19. La procura: "Il fidanzato ha ucciso Maria Sestina Arcuri"
  20. Ragazza caduta dalle scale, chiesto l'arresto per omicidio del fidanzato
  21. "Maria Sestina Arcuri volata giù dal pianerottolo delle scale"
  22. "Non incolpo nessuno, voglio sapere cosa è successo a mia sorella"
  23. "Tu con una figlia morta e io con un figlio in galera"
  24. "Sestina non è stata picchiata, ma potrebbe essere stata spinta"
  25. Giallo di Ronciglione, Landolfi indagato anche per omissione di soccorso
  26. "La famiglia Arcuri è distrutta, vuole verità"
  27. "Ho visto Sestina battere la testa, ma non si era fatta nulla..."
  28. "Sestina era il mio amore"
  29. "Andrea caduto dalle scale anche con la ex, ma lui non si fa mai male"
  30. "Ho finito le lacrime, ma ho tanta rabbia"
  31. La ex di Andrea Landolfi: "Mi ha picchiata, tirato i capelli e riempita di morsi"
  32. Cade dalle scale e muore, i Ris per altre cinque ore nella casa della tragedia
  33. "Andrea è ancora in condizioni di affanno psicologico"
  34. "Mio figlio era innamorato, la voleva sposare e avere un bambino da lei"
  35. I Ris tornano nella casa della tragedia, la nonna di Landolfi testimone oculare
  36. "Quei 17 gradini verso la mansarda dove Sestina è caduta..."
  37. "Mia sorella caduta dalle scale? Non ci credo"
  38. “Sestina era irriconoscibile aveva testa e un occhio gonfi"
  39. I Ris per sei ore nella casa della tragedia, sequestrata l'auto della coppia
  40. "Hanno discusso, e lei non era serena..."
  41. Femminicidio o incidente? Fondamentali Ris e autopsia
  42. I vicini: "Quella notte non abbiamo sentito niente"
  43. Donati gli organi della ragazza precipitata dalle scale
  44. Ragazza precipitata dalle scale, il fidanzato indagato per omicidio
  45. Ragazza precipita dalle scale e muore, non si esclude il femminicidio
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR