--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Gestione personalistica dell'Ater - Secondo i testi dell'ultima udienza, Ugo Gigli non avrebbe favorito le ditte amiche

“A rotazione gli incarichi alle imprese per i lavori di manutenzione alle case popolari”

Condividi la notizia:

Ugo Gigli

Ugo Gigli

L'avvocato di Mauro Rotelli, Roberto Massatani

L’avvocato Roberto Massatani

Viterbo – Nuovo giro di testimoni, cambia la musica per Ugo Gigli. Secondo i testi dell’ultima udienza, l’ex dirigente 79enne non avrebbe favorito le ditte amiche. 

E’ ripreso martedì davanti al collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei il processo per truffa, abuso d’ufficio, falso e violenza privata in cui sono imputati, a vario titolo, l’ex direttore generale dell’Ater e le dipendenti Antonella Zei e Simona Laureti. 

L’ex direttore generale, secondo l’accusa, avrebbe gestito l’azienda pubblica come un bene privato, procurando vantaggi economici a sé, a una cerchia di dipendenti, a parenti e amici.

Nell’udienza del 21 maggio era stato sentito l’ingegnere Giuseppe Tubolino, rimasto in carica solo tre giorni, dal 9 all’11 luglio 2012. Poco, ma abbastanza per fargli dire, tra le altre cose: “Ugo Gigli sceglieva perfino le ditte cui affidare direttamente i lavori i lavori sotto soglia. Non dico che fosse illegittimo, ma che ogni cosa passava da lui”. 

Di diverso avviso i testi sentiti nell’ultima udienza, il dirigente che ha sostituito per breve tempo Gigli alla scadenza del mandato e un dirigente del servizio manutenzioni delle ex case popolari.

“Gli incarichi venivano e vengono dati a rotazione, ma può capitare che alcune ditte lavorino di più. Dipende anche dalle esigenze. Se in un periodo servono più interventi idraulici o più interventi in muratura o più interventi elettrici, ovviamente cambia anche il tipo di imprese cui vengono affidati”, è stato detto in aula, spiegando perché su tre milioni, circa un milione sia andato a un numero ridotto di ditte.

“Gli interventi richiesti sono tutti siglati dal dirigente tecnico e dal capo manutenzione, dopo il sopralluogo del geometra, cui spetta anche stilare un preventivo per i lavori. Poi, se i lavori richiesti sono sotto la soglia dei 40mila euro, si procede all’affidamento diretto a una delle imprese. Il sistema è lo stesso con più ditte, il metodo, uguale per tutti: quello della rotazione”, la conclusione. 

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
20 giugno, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR