Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Come promesso, il senatore Fusco (Lega) torna alla carica: "L'assetto nei comuni dopo il voto è cambiato e chi è stato eletto non ci rappresenta"

“Talete, il cda va azzerato”

Condividi la notizia:

Umberto Fusco

Umberto Fusco

Viterbo – (g.f.) – “Talete, il consiglio d’amministrazione va azzerato”. Detto, fatto Umberto Fusco (Lega), sulla società idrica aveva rimandato tutto a dopo il ballottaggio e il 10 giugno, senza perdere tempo riparte da dove si era fermato.

Contrario all’elezione del nuovo cda a ridosso delle elezioni comunali in 27 centri della Tuscia, aveva chiesto di rinviare, ma la politica era andata avanti. Eleggendo consiglieri e nuovo presidente, ma il senatore leghista non ci sta.

Col voto amministrativo è cambiata la geografia politica, si sono modificati i pesi e i nuovi sindaci, di certo quelli della Lega, non si riconoscono in questo cda. I comuni sono anche soci di Talete.

“Io non faccio altro che ribadire quanto vado dicendo da settimane – ricorda Fusco – la situazione non è più quella di dieci giorni fa”. D

Diverse amministrazioni hanno cambiato colore politico. Quindi anche gli equilibri societari di Talete si sono modificati. “Il cda va azzerato. Lo chiederò nelle prossime ore, ma non è una novità.

L’avevo ribadito prima del voto. Bisognava aspettare solo qualche giorno. Non c’era nulla di male.

Oggi, invece, ci troviamo nella situazione in cui abbiamo nuovi sindaci che questo consiglio d’amministrazione non l’hanno votato”. Ma chiederanno d’azzerarlo.

“Io lo proporrò – precisa Fusco – poi, la mia è appunto una proposta. Faranno quello che riterranno opportuno.

Di certo, per una questione di correttezza verso i comuni che sono andati al voto era necessario rinviare la scelta. È anche una questione di numeri. Civita Castellana e Tarquinia hanno un loro peso”. E adesso governa la Lega.

“Ma anche in altri centri la situazione è cambiata”. Le acque in Talete restano agitate.


Condividi la notizia:
11 giugno, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR