--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Lauteria Rodriguez e Saverio Balestra abitano in via Petroselli - Enel energia ha fissato più di un appuntamento ma i tecnici non si sarebbero presentati - Una condizione diventata ormai insostenibile - VIDEO

“E’ un mese che siamo senza gas e mio marito è disabile”

di Daniele Camilli

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:


Viterbo – Vivere senza gas da un mese perché Enel energia non si è decisa ancora a riallacciarlo. Nonostante le bollette siano state tutte pagate. E’ la situazione che stanno vivendo Saverio Balestra e Leuteria Rodriguez. Sessantatré e cinquantaquattro anni. Abitano a Viterbo in via Petroselli in una casa popolare dell’Ater dal 2000. Balestra inoltre è disabile. Costretto a vivere in un letto oppure, quando riesce ad alzarsi, su una sedia a rotelle. Una situazione diventata insostenibile. E per molti versi inaccettabile.

“E’ un mese che viviamo in queste condizioni – racconta Leuteria Rodriguez -. E le difficoltà sono enormi. Mio marito è disabile, allettato per quasi tutto il giorno. Non posso cucinare e non possiamo nemmeno lavarci. Per mangiare devo chiedere aiuto a mia figlia. Per lavare mio marito utilizzo invece una stufetta elettrica per scaldare l’acqua”.


Viterbo - Leuteria Rodriguez

Viterbo – Leuteria Rodriguez


Tutto inizia qualche mese fa quando a Leuteria e Saverio arriva una bolletta salata. Quasi 300 euro da pagare. Decidono allora di rateizzare la spesa e lasciare alla figlia l’incarico di pagare la bolletta. Prima di partire per Santo Domingo, dove è nata Leuteria, dove restano per 6 mesi. Da novembre a maggio. Al ritorno la sorpresa. Il gas è stato staccato perché la figlia di Leuteria si dimentica di pagare una rata. A questo punto la famiglia di Saverio e Leuteria si attiva immediatamente e paga anche l’ultima rata. Ma il gas non viene riallacciato. Perché gli appuntamenti saltano. Anzi, vengono fissati però i tecnici non si sarebbero presentati.


Viterbo - Le case popolari in via Petroselli

Viterbo – Le case popolari in via Petroselli


“Una volta a maggio – continua a raccontare Leuteria -. L’ultima il 6 giugno. Nel frattempo abbiamo più volte contattato Enel energia. Li abbiamo fatti chiamare anche da altre persone. Niente. Il gas ancora non ce l’abbiamo e la situazione sta diventando insostenibile. Soprattutto per mio marito. Il 5 giugno, dopo diverse telefonate, sono stata contattata prima da un tecnico poi da un’altra persona. Ci avevano assicurato che il giorno dopo sarebbero venuti. Tra le 8 e le 10 di mattina. Li ho aspettati per tutto il tempo. Fuori casa. Non s’è visto nessuno”.


Viterbo - Leuteria Rodriguez

Viterbo – Leuteria Rodriguez


Ieri pomeriggio, l’ennesimo tentativo. Questa volta sotto l’occhio della telecamera. A chiamare il numero verde di Enel energia è il genero di Leuteria. 800.900.860. Risponde un ragazzo che dopo gli accertamenti di rito annuncia che “i colleghi sono stati informati e che sarà ricontattato dal reparto entro le 24 ore”. 

Daniele Camilli   


Video: Vivere senza gas da un mese


Condividi la notizia:
7 giugno, 2019

Reportage 2 ... Gli articoli

  1. Por la libertad de Josè Pacella - Per la libertà di Josè Pacella
  2. "L'Islam è amore per la vita"
  3. Le strade che raccontano la memoria di chi non c'è più
  4. "Pasquinelli e Carloni si devono subito dimettere..."
  5. Il turismo "dimezzato" della città dei papi
  6. "Io e mio figlio siamo vivi per miracolo..."
  7. Sfiorata la strage di mamme e bambini
  8. Commercio, la "strage" di via Saffi
  9. Centoquarantadue soldati francesi sepolti "gloriosamente" lungo la Cassia...
  10. "Possiamo finalmente riavere la nostra libertà..."
  11. "Siamo intrappolati in casa da settimane per colpa di un ascensore..."
  12. "Il fuoco sembrava come una mietitrebbia..."
  13. A cena con i briganti ai piedi di Montefogliano...
  14. "Gli immigrati ci danno lavoro, mancano invece i servizi e il quartiere è dimenticato..."
  15. "La morte di Joshua richiama tutti alle nostre responsabilità..."
  16. Le porte della città vanno di male in peggio...
  17. "Avrei voluto una famiglia e dare ai miei figli tutto ciò che io non ho avuto..."
  18. "Abbiamo voluto riscattare le ex Terme Inps..."
  19. "Scegliamo di essere migliori perché si è scelto di amare..."
  20. "Dedicheremo il prossimo anno scolastico a Joshua Anyanwu..."
  21. "I soldi non ci sono... e i saldi non funzionano"
  22. Il Lazio tra le regioni con il più alto numero di morti sul lavoro, la Tuscia tra le province
  23. Vanno salvati gli affreschi dimenticati di Santa Maria delle Fortezze
  24. Venticinque milioni e mezzo di "tasse occulte" nella Tuscia
  25. Torna alla luce un fontanile del XVI secolo
  26. "Il festival di Modena avrebbe fatto meglio a invitare altre persone"
  27. Sotto "controllo" il cantiere di Belcolle
  28. "Una volta lavoravano marito e moglie, adesso la crisi si è ripresa tutto..."
  29. "Alla fine ce l'hanno cavata!"
  30. Benvenuti nella savana
  31. "La comunità islamica è parte integrante della nostra società"
  32. La battaglia di Ferento
  33. Pratogiardino Lucio Battisti nel degrado e nel più completo abbandono
  34. La città invasa dall'erba...
  35. "Le fontane erano il simbolo del buon funzionamento del comune"
  36. "Sui diritti umani non si può abbassare la guardia"
  37. Il tempo delle ciliegie vince quello della pioggia
  38. Gli studenti del Ruffini "processano" la violenza di genere
  39. "Viviamo in un paese dove associazioni a delinquere fasciste tentano di dividere i poveri..."
  40. "Sono quattro mesi che siamo "carcerati"..."
  41. Piazza del comune gremita per costruire una città migliore
  42. "Non parlava con nessuno, abitava qui e ogni tanto prendeva l'auto della donna con cui viveva"
  43. "Mezzetti ha offeso le forze armate, ha fatto bene il generale Riccò a lasciare la cerimonia"
  44. "Se non mi spiegano dove ho offeso l'esercito, sono dei cialtroni e dei mascalzoni..."
  45. "C'hanno messo una crocetta e quel tedesco sul terreno nostro è sotterrato..."
  46. "Il tempo com'è, bono o cattivo, noi venimo sempre qui da Pucciarella..."
  47. La "faccia" sporca della città
  48. Una linea d'abbigliamento e un logo per rafforzare l'identità della scuola
  49. La Pasqua al rallentatore nella città dei papi
  50. La processione del Cristo morto illumina Bagnaia
  51. "Frammenti di vita per riuscire a stare insieme..."
  52. "Chi ha fatto del male pagherà..."
  53. "Va fatto un restauro complessivo di tutte le fontane storiche e monumentali"
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR