--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Maxinchiesta sui rifiuti - Mancano documenti e trascrizioni delle intercettazioni - Il collegio blocca il primo testimone dell'accusa

Vento di maestrale – Viterbo Ambiente, prima udienza lampo

Condividi la notizia:

Inchiesta rifiuti - Ernesto Dello Vicario col suo avvocato all'uscita dal tribunale

Inchiesta rifiuti – Ernesto Dello Vicario col suo avvocato all’uscita dal tribunale

Inchiesta rifiuti - Maurizio Tonnetti (Viterbo Ambiente) col suo avvocato all'uscita dal tribunale

Inchiesta rifiuti – Maurizio Tonnetti (Viterbo Ambiente) col suo avvocato all’uscita dal tribunale

Inchiesta rifiuti - Francesco Bonfiglio (Viterbo Ambiente) col suo avvocato all'uscita dal tribunale

Inchiesta rifiuti – Francesco Bonfiglio (Viterbo Ambiente) col suo avvocato all’uscita dal tribunale

Viterbo – (sil.co.) – Vento di maestrale, è stato appena una brezzolina l’interrogatorio del primo testimone dell’accusa al processo scaturito dal filone Viterbo Ambiente della maxinchiesta sulla raccolta e la gestione dei rifiuti.

Tre gli imputati. Sono l’ex dirigente comunale Ernesto Dello Vicario, il direttore tecnico della società Francesco Bonfiglio e  il consigliere Maurizio Tonnetti, finiti ai domiciliari su richiesta del pm Massimiliano Siddi nel blitz del 3 giugno 2015. Devono rispondere di truffa, frode e falso. 

Ha parlato una manciata di minuti il luogotenente Giovanni D’Angelo del Noe di Roma, che ha avuto giusto il tempo di dire che le indagini sono andate avanti sei mesi, da giugno al dicembre 2014, e che a Viterbo il servizio di spazzamento non funzionava, anzi “era un grande disservizio”, prima di essere bloccato dalla presidente del collegio, giudice Silvia Mattei, e dal difensore Manlio Morcella. 

E’ successo quando, interrogato dal pm Siddi, D’Angelo si è messo a parlare di clausole penali di garanzia, di un appalto da 50 milioni di euro per sette anni, di 9 milioni di euro circa su base annua, di Pef-Piano economico finanziario, nonché di intercettati e intercettazioni.

La presidente ha mostrato un fascicoletto tenuto comodamente tra due dita. “Noi abbiamo solo questo, dove si rimanda a faldoni che non ci sono stati dati. Mancano il contratto, il capitolato d’appalto, la polizza fideiussoria e altri documenti senza i quali il collegio non è in grado di seguire il processo ed eventualmente interloquire con i testimoni. E mancano anche le trascrizioni delle intercettazioni”, ha fatto notare al pubblico ministero, che ha subito chiesto la perizia sulle intercettazioni e si è impegnato a depositare le carte in tempo per l’udienza del 9 luglio. 

Contro la presunta richiesta tardiva di perizia, col processo già in fase istruttoria e non in sede di ammissione delle prove, si è opposto Morcella. Ma la perizia, ha deciso il collegio, si farà. E l’incarico verrà dato all’udienza del 9 luglio. 

Nel frattempo, però, sono saltate le testimonianze previste per ieri. Oltre al luogotenente del Noe dovevano essere sentiti, per il nucleo di polizia giudiziaria della stradale, gli investigatori Secondiamo Veruschi e Mauro Di Paola. Tutti e tre dovranno tornare in data da destinarsi, dopo la trascrizione delle intercettazioni telefoniche e ambientali. 

Il 9 luglio, intanto, è stato fissato il contraddittorio tra i periti: il ctu Stefano Vignone per la procura, i consulenti Riccardo Venturi e Salvatore Genova per la difesa. 

Presupposto della frode, secondo il pm Siddi, l’appalto da 50 milioni del 26 marzo 2011: si aggiudica il servizio la Ati Gesenu spa di Perugia e Cns di Bologna, poi si costituisce la Viterbo Ambiente scarl, composta al 51% dalla Gesenu e al 49% dalla Cosp Tecno Service.

Due distinti filoni d’indagine sono confluiti nell’operazione Vento di maestrale, sfociata nel 2015 in complessive nove ordinanze di custodia cautelare ai domiciliari. Oltre ai tre imputati del filone Viterbo Ambiente, sono in attesa che entri nel vivo il processo anche gli otto imputati scaturiti dal filone Ecologia Viterbo, bloccati dalla costituzione di oltre un centinaio di parti civili, che devono ancora essere passate al vaglio dai difensori degli imputati. 


I blitz: video – fotocronaca – slide – fotocronaca2  – slide 
La conferenza stampa: fotocronaca – slide


Condividi la notizia:
12 giugno, 2019

Inchiesta "Vento di maestrale" ... Gli articoli

  1. Casale Bussi, 78 parti civili contro la malagestione della discarica
  2. Maxinchiesta sui rifiuti, un solo processo per otto imputati
  3. Inchiesta Viterbo Ambiente, parte il processo a Dello Vicario, Bonfiglio e Tonnetti
  4. Truffa rifiuti, al via il processo al dirigente comunale Dello Vicario
  5. Maxinchiesta sui rifiuti, processo al via anche per il direttore tecnico di Casale Bussi
  6. Maxinchiesta sui rifiuti, record di oltre cento parti civili contro Ecologia Viterbo
  7. Maxinchiesta sui rifiuti, processo al via per sette imputati
  8. Inchiesta rifiuti, sette rinvii a giudizio
  9. Truffa milionaria sui rifiuti, cinque avvisi di fine indagine
  10. Inchiesta rifiuti, gli atti tornano in procura
  11. "Ecologia Viterbo, il Comune si costituirà parte civile"
  12. Inchiesta rifiuti, la procura vuole il processo
  13. "Viterbo Ambiente, pericolo di condizionamento mafioso"
  14. "Nessun collegamento con Mafia capitale"
  15. Inchiesta rifiuti, sette avvisi di garanzia
  16. Rifiuti, il comune consegna documenti alla procura
  17. "Ordinanza d'arresto appiattita sull'accusa"
  18. Libero anche l'ultimo uomo di Ecologia Viterbo
  19. Liberi Zadotti, Rizzo e Sacchetti
  20. Zadotti fuori dalla Ternana Calcio
  21. Revocati i domiciliari a Francesco Bonfiglio
  22. Tonnetti torna libero, annullati i domiciliari
  23. Inchiesta rifiuti, è corsa al tribunale del riesame
  24. Viterbo Ambiente, Bonfiglio interrogato per tre ore
  25. Rifiuti, ascoltato il segretario generale del comune
  26. La difesa di Dello Vicario: "Viterbo Ambiente sanzionata per 96mila euro"
  27. "Poi c'è la riccia che magari me fa 'na foto..."
  28. Revocati i domiciliari al presidente di Viterbo Ambiente
  29. Tutti i soldi che Viterbo Ambiente voleva
  30. Revocati i domiciliari a Dello Vicario
  31. Maxi interrogatori per Dello Vicario e Quintarelli
  32. "La ditta sta giocando sporco..."
  33. "Dovete spazzà, svuotà le isole e pulì per terra"
  34. Una frode da più di un milione di euro
  35. Gestione dei rifiuti, nove arresti
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR