--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Stupro al circolo di CasaPound - Così il gip motiva il rigetto dei domiciliari a Licci e Chiricozzi - Chiede "pubbliche scuse" il difensore della vittima - L'ORDINANZA INTEGRALE

“Allarmante spregiudicatezza, senso di impunità e spregio della vittima”

di Silvana Cortignani

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Riccardo Licci e Francesco Chiricozzi

Riccardo Licci e Francesco Chiricozzi

Stupro al pub di Casapound - Il caso a "Chi l'ha visto?"

L’avvocato Franco Taurchini

Gli avvocati Domenico Goriziglia, Valerio Mazzatosta e Giovanni Labate all’uscita dal tribunale di Viterbo

i difensori Domenico Goriziglia, Valerio Mazzatosta e Giovanni Labate

Viterbo – “Allarmante spregiudicatezza, senso di impunità e spregio della vittima”, scrive il gip Savina Poli nelle tre pagine dell’ordinanza di rigetto dei domiciliari chiesti dai due ventenni che la sera dell’11 aprile hanno picchiato, stuprato e filmato una 36enne al circolo di CasaPound.

“lo non ho capito perché lei ci ha denunciato, io pensavo che lei si fosse risentita che noi avevamo ripreso l’atto”, dice al pm Riccardo Licci. 

“Lei sicuramente il giorno dopo ha pensato di non essere stata trattata bene, si è sentita umiliata, forse ha visto che l’avevamo filmata… io non lo so perché mi abbia denunciato”, gli fa eco Francesco Chiricozzi.

Per il giudice “nessuna vera resipiscenza”, consapevolezza dell’errore seguita da ravvedimento. Il pentimento mostrato durante l’interrogatorio, anzi, appare “strumentale alla richiesta di alleggerimento della misura”. 

“Le scuse siano pubbliche”. Così commenta invece l’avvocato Franco Taurchini, che assiste la 36enne violentata e filmata, l’11 aprile, al circolo CasaPound di piazza Sallupara, la conferma della misura di custodia cautelare a Mammagialla per Licci e Chiricozzi. 

“No al processo mediatico, il parere favorevole del pm è motivato”, avverte intanto l’avvocato Marco Valerio Mazzatosta per il collegio difensivo di cui fanno parte anche i legali Domenico Gorziglia e Giovanni Labate. “Giuridicamente rispettiamo l’ordinanza del gip, ma non la condividiamo. Siamo sorpresi e perplessi, perché il pm, titolare dell’azione penale, non solo ha dato parere favorevole, ma lo ha anche motivato”, sottolinea.


“Condotta occasionale, sviluppata in un determinato contesto”

“Il parere favorevole ai domiciliari, che è dello stesso pm che aveva chiesto il carcere, è motivato”, ribadisce Mazzatosta.

“Impossibile l’inquinamento delle prove, c’è stato l’incidente probatorio. Impossibile la reiterazione del reato, la condotta è stata occasionale, sviluppata in un determinato contesto. I domiciliari, ad esempio col braccialetto, sarebbero stati più che contenitivi. Sempre di arresti si tratta, non si capisce questo accanimento nel volerli dietro le sbarre, non ci sono elementi perché due ventenni debbano restare a Mammagialla. I precedenti dei quali si parla tanto, sono due scazzottate”, conclude il difensore.

Tempi tecnici permettendo, tra settembre e ottobre è attesa la richiesta di giudizio immediato da parte della procura. 


“Non basta dirsi pentiti, se si insinua che è colpa della vittima”

“Non basta un pentimento di facciata. Si scusino pubblicamente, scrivano una lettera, la facciano leggere in conferenza stampa dai loro avvocati. Non basta dirsi pentiti, se si torna a insinuare che è colpa della vittima. Loro davanti al pm hanno insistito, mentre migliaia di persone possono vedere su internet il video, con cui l’hanno definitivamente ammazzata. Lei non se lo meritava. Da casa, possono continuare a far girare il video, possono ricominciare da capo. Il carcere è garanzia”, dice l’avvocato Taurchini, spiegando il no della vittima alla scarcerazione. 

I due militanti di estrema destra, espulsi dal movimento neofascista in seguito all’arresto del 29 aprile per violenza sessuale di gruppo, hanno chiesto i domiciliari dopo l’interrogatorio del 12 luglio davanti al pm Michele Adragna, che ha dato parere favorevole. Il 17 luglio il gip Savina Poli ha rigettato la richiesta. 

Una guerra contro il tempo per il difensore di parte civile. “Sono soddisfatto che il gip abbia accolto la mia richiesta. Ho saputo solo all’ora di pranzo di sabato 13 luglio della richiesta di scarcerazione, avendo solo 48 ore per oppormi. Essendoci di mezzo il fine settimana, solo il 15 luglio, lunedì mattina, ho potuto dare una ‘occhiatina al volo’ ai verbali di interrogatorio, la cui copia non mi è stata consegnata. Immediatamente dopo sono corso a studio per incontrare i genitori della mia assistita e concordare con loro cosa scrivere nel parere che dovevo consegnare entro le 12,30. Non sapevo nemmeno del parere favorevole del pm”, ci tiene a spiegare Taurchini. 

Silvana Cortignani


Video – Gli avvocati: Franco Taurchini all’uscita dal tribunale – Mazzatosta e Labate all’uscita dal tribunale – “Per i ragazzi il rapporto era consensuale” – Il procuratore capo Auriemma: “Solidi elementi di prova” – Violenza di gruppo, l’arresto dei due giovani  – Violenza di gruppo, l’arresto dei due giovani


L’ordinanza integrale del gip Savina Poli

“Allo stato resta invariato il quadro indiziario valutato nel provvedimento di applicazione della misura cautelare. Del pari non si puo ritenere che le esigenze cautelari siano venute meno o si siano attenuate in ragione degli elementi di novità posti alla base della richiesta dei difensori, Ovvero, il decorso del tempo e le dichiarazioni effettuate dagli indagati nell’interrogatorio reso dinanzi al pm il 12 luglio 2019.

Quanto al tempo – rilevato, comunque, che i fatti sono recentissimi, al pari dell’esecuzione dell’ordinanza – si osserva che l’incidenza in termini specialpreventivi di una misura, anche di quella carceraria, deve ritenersi maggiormente efficace su personalità che dimostrano una disponibilità al rispetto dell’autorità e della legge. Nel caso di specie, invece, gli elementi in atti danno contezza, per entrambi gli indagati, di personalità estremamente negative sotto questo profilo.

Entrambi, infatti, hanno carichi pendenti per fatti recentissimi commessi con violenza alla persona e, come in questo caso, tra loro in concorso (si evince, infatti, dal certificato dei carichi pendenti che si tratta dei medesimi fatti).

Il Chiricozzi risulta anche destinatario di un avviso orale del questore di Viterbo, notilicatogli il 13 aprile 2019 ed è sottoposto a procedimento penale per aver partecipato, quando era minorenne, ad una brutale aggressione nei confronti di un giovane, selvaggiamente picchiato per aver pubblicato su Facebook un post satirico nei confronti di CasaPound.

A ciò si aggiunga – sempre allo scopo di delineare la pericolosità degli indagati – che, in occasione dei fatti per cui si procede, i due hanno posto in essere una violenza sessuale di gruppo caratterizzata da reiterati abusi commessi nei confronti di una persona che, per quanto è dato apprezzare dai video e dalle foto in atti, è stata abusata, in modo violento, mentre era in palese stato di semicoscienza e derisa con insulti e minacce, anche nel momento in cui non aveva più capacità reattive c veniva manovrata, come un oggetto, dagli indagati, al solo scopo di soddisfare i loro istinti sessuali.

Come, inoltre, già ampiamente spiegato nell’ordinanza di applicazione delle misura, la violenza è stata ripresa con il telefono e le immagini della vittima sono state condivise dagli indagati con altri soggetti, i quali – ivi compreso il padre del Licci –  si sono esclusivamente preoccupati di eliminarle, essendo di immediata comprensione che si trattasse di immagini relative ad un abuso, tanto che è stato manomesso anche il sistema di videosorveglianza del Pub Old Manner, dove  è avvenuta la violenza.

La diffusione del video della violenza – che ha sicuramente aggravato l’offesa arrecata alla vittima – è sintomo, al pari della condotta pregressa, di allarmante spregiudicatezza e di senso di impunità, nonche palese espressione di un atteggiamento di spregio per l’altrui persona, ancora una volta trattata alla stregua di un oggetto da esibire e mortificata nella sua dignità.

E’ evidente, dunque, che si è in presenza di due soggetti che, a discapito della loro giovane età, hanno una personalità criminale di spessore e che, nonostante il loro precedente coinvolgimento in fatti di violenza, non hanno mutato condotta, arrivando anzi a commettere un fatto ancor più grave.

L’attenuazione delle esigenze cautelari non può desumersi neanche dall’interrogatorio reso dagli indagati, su loro richiesta, in data 12 luglio 2019, che nulla aggiunge alle dichiarazioni che essi avevano gia reso nell’interrogatorio di garanzia.

I due, infatti, pur pentiti, hanno continuato a sostenere la tesi – inverosimile alla luce del video in atti – secondo cui la notte dei fatti non si sarebbero resi conto dello stato in cui versava la persona offesa quando è stata da loro abusata.

Fermi restando, dunque, i diritti degli indagati di decidere di non parlare o di non autoaccusarsi nel caso in cui si sottopongano ad interrogatorio, appare palese che le dichiarazioni rese non esprimono vera resipiscenza o presa d’atto del grave fatto delittuoso di cui il Chiricozzi e il Licci si sono resi protagonisti, apparendo, anzi, strumentali alla richiesta di alleggerimento della misura, intervenuta a distanza di pochi giorni dall’interrogatorio stesso. 

Che due continuino a minimizzare il fatto commesso emerge, del resto, in tutta chiarezza, dalla circostanza che entrambi, nell’ultimo interrogatorio, hanno dichiarato di non capire, ancora oggi, perché la vittima li abbia denunciati (afferma il Licci: “lo non ho capito perché lei ci ha denunciato, io pensavo che lei si fosse risentita che noi avevamo ripreso l’atto”; il Chiricozzi, a sua volta, dichiara: “Lei sicuramente il giorno dopo ha pensato di non essere stata trattata bene, si è sentita umiliata, forse ha visto che l’avevamo filmata… io non lo so perché mi abbia denunciato”).

Quanto sopra, induce a ritenere che le esigenze cautelari – che già nell’ordinanza genetica si è ritenuto potessero essere contenute solo con la
misura carceraria – non si siano attenuate rispetto al momento di applicazione di tale misura e che, dunque, non possa ritenersi adeguata
una misura meno afflittiva. Ciò vale, non solo con riferimento al pericolo di reiterazione di reati della stessa specie di quello per cui si procede, ma anche per il pericolo di inquinamento probatorio, considerato che, sebbene si sia svolto l’incidente probatorio, le indagini non risultano ancora concluse, non essendo stata esercitata l’azione penale.

La misura degli arresti domiciliari sarebbe, dunque, inadeguata stante la spregiudicatezza dimostrata dagli indagati che devono ritenersi assolutamente non in grado di attenersi a prescrizioni di carattere fiduciario e considerato che l’ambiente loro circostante li ha favoriti nella condotta di eliminazione delle prove.


Presunzione di innocenza

Per indagato si intende semplicemente una persona nei confronti della quale vengono svolte indagini preliminari in un procedimento penale.

Nel sistema penale italiano vige la presunzione di innocenza fino al terzo grado di giudizio. Presunzione di innocenza che si basa sull’articolo 27 della costituzione italiana secondo il quale una persona “non è considerata colpevole sino alla condanna definitiva”.


Condividi la notizia:
20 luglio, 2019

Ragazza violentata indagati due esponenti di CasaPound ... Gli articoli

  1. "Per il giudice le immagini di una donna stuprata inviate agli amici non sono segno di disprezzo"
  2. "Stupro al pub di CasaPound, pene troppo lievi e sottovalutazione della violenza sulle donne"
  3. Stupro al pub di CasaPound, sale da 40mila a 60mila euro il risarcimento alla vittima
  4. Stupro al pub di CasaPound, "una sentenza chiamata giustizia che invece è un’assoluzione"
  5. "Hanno rovinato una ragazza per tutta la vita, faremo ricorso per il riconoscimento del danno"
  6. Stupro al pub di CasaPound, 3 anni a Chiricozzi e 2 anni e 10 mesi a Licci
  7. Stupro al pub di CasaPound, vittima parte civile contro Licci e Chiricozzi
  8. Stupro al pub di CasaPound, via libera al processo con lo sconto per Licci e Chiricozzi
  9. Stupro di gruppo al pub di Casapound, Licci e Chiricozzi chiedono l'abbreviato
  10. "Un pugno in pieno volto, poi stuprata mentre era inerme a terra"
  11. Stupro al pub di CasaPound, Licci e Chiricozzi a processo il 26 novembre
  12. Stupro al pub di CasaPound, la vittima portata a spalla fuori dall'Old Manners
  13. Stupro al pub di CasaPound, fuori dal carcere Licci e Chiricozzi
  14. Stupro al pub di CasaPound, Licci e Chiricozzi chiedono gli arresti domiciliari
  15. Stupro al pub di CasaPound, chiesto il giudizio immediato
  16. Stupro di gruppo al pub di CasaPound, depositata la perizia su telefoni e telecamere
  17. "Stupro al pub di Casapound, i ragazzi arrestati non si sono pentiti"
  18. Stupro al pub di CasaPound, carcere confermato per Riccardo Licci e Francesco Chiricozzi
  19. Stupro al pub di CasaPound, processo lampo per Licci e Chiricozzi
  20. Stupro al pub, sospeso dal prefetto Francesco Chiricozzi
  21. Stupro al pub di CasaPound, potrebbe salire il numero degli indagati
  22. "Butta il video che ci so' le guardie", indagato per favoreggiamento Daniele de Bracciano
  23. "Sembravano dei bravi ragazzi di cui potersi fidare..."
  24. "Mi hanno stordita, picchiata e violentata"
  25. Stupro di gruppo al pub di CasaPound, oggi l'interrogatorio protetto della vittima
  26. Stupro di gruppo nel pub di CasaPound, Licci e Chiricozzi assisteranno all'incidente probatorio
  27. Pub di Casapound, revocata la licenza
  28. Stupro al pub di CasaPound, interrogatorio protetto per cristallizzare le parole della vittima
  29. La donna stuprata: "Li spingevo via, ma hanno infilato le mani sotto la maglia e nei pantaloni..."
  30. Il fratello di Licci: "Leva i video e le foto di quella di ieri sera, ci so’ le guardie al pub"
  31. Cellulari al setaccio, saranno esaminati dallo stesso superperito del caso di Manduria
  32. Stupro al pub, al via la perizia sui telefonini di Chiricozzi e Licci
  33. "Cosa pensa CasaPound dei suoi simpatizzanti che guardavano in chat il video dello stupro..."
  34. "Mio figlio? L'ho cresciuto con dei valori"
  35. Stupro al pub di CasaPound, sì all'incidente probatorio
  36. "C'è il pericolo che la vittima venga avvicinata per farle cambiare versione"
  37. Stupro di gruppo, Chiricozzi e Licci restano in carcere
  38. "Necessaria lotta contro l’estrema destra che adotta la violenza come azione politica"
  39. "Diciamo no a ogni tipo di violenza"
  40. CasaPound Cimini attacca il sindaco di Vallerano, il Corriere della sera e la stampa italiana
  41. "Completamente nuda, in posizione fetale, del tutto inerme, sul pavimento del seminterrato"
  42. La madre di Chiricozzi: "Mio figlio mi è stato sottratto da quattro farneticanti di CasaPound"
  43. Il padre di Riccardo Licci: "Gli ho detto di buttare il telefono, ma non ho visto i video dello stupro"
  44. "Anche i sindaci scendano in piazza contro la violenza!"
  45. "Solidarietà ai difensori degli indagati"
  46. Manifestazione contro la violenza, anche Potere al popolo scende in piazza
  47. "Violenza sulle donne, saremo in piazza per gridare basta"
  48. “Manifestazione contro la violenza, il sindaco venga in piazza con il gonfalone”
  49. "Il comune di Viterbo si deve costituire parte civile"
  50. "Comune parte civile? E' prematuro, lasciamo lavorare gli inquirenti"
  51. "Un atto di violenza che va condannato senza se e senza ma"
  52. "In piazza per reagire a ogni forma di violenza"
  53. La giovane donna stuprata: "Ho ancora paura dei miei aggressori, spero che restino in carcere"
  54. Stupro nel pub di CasaPound, il pm potrebbe richiedere l'incidente probatorio
  55. E gli Hate For Breakfast del leader provinciale di CasaPound cantano: "Donna cesso, prendi più cazzi"
  56. "Ci sono state per anni aree politiche che potevano fare quello che volevano"
  57. Non fiori ma uomini perbene
  58. "Dobbiamo reagire alle violenze contro i più deboli"
  59. "Partiti come CasaPound hanno eletto la violenza a pratica politica"
  60. Le immagini dello stupro condivise su Whatsapp anche col padre di Licci
  61. Donna violentata al pub di Casapound, la Camera penale: "Gravissime offese indirizzate ai difensori degli indagati"
  62. "Altro che rapporto consensuale, l'hanno massacrata"
  63. "Non deve più esserci spazio per gruppi come CasaPound"
  64. "Il rapporto sessuale era consensuale"
  65. Giorgia Meloni: "Tolleranza zero per stupratori di qualsiasi nazionalità o appartenenza politica"
  66. "Riteniamo che gli elementi di prova siano solidi"
  67. "Nessuna giustificazione o tolleranza per atti di meschina ferocia"
  68. "Colpisce la strenua difesa di Casapound nei confronti dei due giovani"
  69. La ministra Trenta: "Salvini sfrutta la paura delle donne per fare campagna elettorale"
  70. Casapound Viterbo: "Le prove, ne siamo certi, scagioneranno i nostri ragazzi"
  71. "Attenzione a diffamare... ci sono ripercussioni, chi vuole capire capisca"
  72. Quarta Repubblica di fronte al pub dove si è consumato lo stupro
  73. La donna stuprata: "Potrei essere stata stordita con della droga"
  74. "I due stupratori appartengono alla fascia barbarica di Casapound"
  75. "Ipocrita propaganda su temi di legalità, ordine e disciplina"
  76. "CasaPound istruisce alla violenza"
  77. Ragazza violentata, sospesa la licenza all'Old manners
  78. "Troppi episodi di violenza, CasaPound va sciolta"
  79. "Casapound deve essere sciolta"
  80. "Bisogna fare giustizia velocemente"
  81. "I responsabili devono pagare in modo esemplare"
  82. "Triste vedere dei coetanei accusati di una simile mostruosità"
  83. "Ragazza violentata in un circolo privato, servono pene severe"
  84. Gregori: "Tutto il paese incredulo per una notizia così grave"
  85. Panunzi (Pd): "Dobbiamo combattere violenza e sopraffazione verso i più deboli"
  86. Troncarelli: "Violenza trova terreno fertile dove non c'è rispetto e tolleranza"
  87. "La Regione Lazio parte civile nel processo per stupro"
  88. Arena: "Niente sconti per gli autori della brutale violenza"
  89. "Salvini fa campagna elettorale su violenza ma non una parola su Casapound"
  90. Sul profilo Instagram di Chiricozzi un post contro la violenza sulle donne
  91. "Le donne non appartengono a nessuno e la violenza è sempre un crimine"
  92. "Un atto vergognoso da condannare"
  93. Salvini: "Ci vuole la castrazione chimica"
  94. "Non sono balordi, ma violenti: è ora di sciogliere CasaPound"
  95. "A Viterbo una mobilitazione contro ogni violenza di genere"
  96. "I balordi che hanno violentato la ragazza la pagheranno cara"
  97. Ragazza violentata in un circolo privato, indagati due esponenti di CasaPound
  98. Fatta ubriacare, presa a pugni e violentata
  99. Violentano donna in un circolo privato, due giovani arrestati
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR