--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sport - Tiro con l'arco - La squadra di Orte sfiora il successo assoluto con Eugenia Gelanca - Podi anche per Giuseppe Ranuncolo, Francesco Berardi e Sauro Calderari

Sei argenti per la Hortinae Classes ai campionati regionali

Condividi la notizia:

Sport - Tiro con l'arco - Il podio dei campionati regionali a Soriano

Sport – Tiro con l’arco – Il podio dei campionati regionali a Soriano

Sport - Tiro con l'arco - Il podio dei campionati regionali a Soriano

Sport – Tiro con l’arco – Il podio dei campionati regionali a Soriano

Soriano nel Cimino – (a.c.) – Scorpacciata di medaglie per la Hortinae Classes ai campionati regionali di tiro con l’arco, specialità hunter & field, disputati domenica alla Faggeta di Soriano nel Cimino.

Gli arcieri di Orte hanno portato a casa complessivamente sei medaglie, cinque d’argento e una di bronzo, con quattro atleti differenti.

La migliore della squadra è stata Eugenia Gelanga, che ha portato a casa il secondo posto assoluto e di categoria nel compound femminile, arrivando a contendere il titolo regionale fino agli spareggi a Viviana Spano, atleta della nazionale italiana.

Doppio argento, assoluto e di categoria, anche per Giuseppe Ranungolo, che ha gareggiato nell’arco nudo. Bronzo assoluto nel compound per Francesco Berardi, mentre Sauro Calderari è stato secondo nella categoria Master maschile del compound. 

La gara si è svolta ai piedi della Faggeta, ottimamente organizzata dalla compagnia Arcieri Orsini di Soriano nel Cimino. La bellezza naturale della zona ha aiutato la riuscita della manifestazione, che richiedeva proprio terreni incontaminati e grandi pendenze per esaltare gli atleti.

La specialità hunter & field, detta anche tiro di campagna, consiste in un percorso all’aria aperta, su superfici naturali prevalentemente boschive, durante il quale gli arcieri incontrano dei bersagli a distanze conosciute e sconosciute. Oltre al sangue freddo e la coordinazione tipicamente indispensabili nel tiro con l’arco, quindi, la specialità richiede anche un’ottima capacità di adattamento ai vari bersagli e alle differenti pendenze del terreno.


Condividi la notizia:
16 luglio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR