--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - A Vejano ha distrutto una macchina dell'ex cognata, a Barbarano si è scagliata contro una donna - Sul posto carabinieri, vigili del fuoco e 118

Armata di martello la “picconatrice” semina il panico e poi si barrica in casa

Condividi la notizia:

Vigili del fuoco, 118 e carabinieri

Vigili del fuoco, 118 e carabinieri – Foto di repertorio

Barbarano Romano – (sil.co.) – Armata di martello, la “picconatrice” semina nuovamente il panico nella Bassa Tuscia, stavolta a Barbarano Romano. Poi si barrica in casa. Sul posto carabinieri, vigili del fuoco e 118. 

E’ la stessa donna che domenica, a Vejano, ha fatto irruzione nel giardino della villa e distrutto la macchina dell’ex cognata. motivo per cui è stata denunciata a piede libero per danneggiamento aggravato e violenza privata.

Martedì sera, a Barbarano Romano, dove risiede, ha scavalcato il cancello di un’altra abitazione privata, scagliandosi con un martello contro la padrona di casa, moglie di un poliziotto, rimasto ferito per disarmarla. 

Poi si è data alla fuga, braccata dai carabinieri della locale stazione e delle stazioni vicine, cui è stato immediatamente diramato l’allarme, data la pericolosità della donna, una 57enne con problemi psichici originaria del Frusinate. Alla fine è stata rintracciata nella sua abitazione, dove vive da sola dopo la separazione, all’interno della quale si è asserragliata, rifiutandosi di aprire la porta ai carabinieri.

Per farla uscire, vista l’inutilità delle trattative, è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco, costretti a fare irruzione nell’appartamento per permettere l’ingresso dei carabinieri assieme al personale del 118.

I sanitari, visto lo stato di grande agitazione, hanno sottoposto la donna a un trattamento sanitario obbligatorio, quindi l’hanno condotta in ambulanza all’ospedale di Belcolle, dove è tuttora ricoverata nel reparto di medicina protetta.

La 57enne è stata nuovamente denunciata per violenza privata, oltre che per lesioni e porto abusivo di arma impropria. Il caso è stato segnalato alle autorità competenti e non si esclude che per la donna, già in cura presso il Cim, possa essere chiesta una misura di custodia cautelare per la sua tutela e a tutela della pubblica incolumità, come il ricovero presso una struttura dove possa esserle garantita la terapia domiciliare di cui ha bisogno. 


 – Piomba armata di piccone a casa dell’ex cognata e le sfonda la macchina, denunciata

 


Condividi la notizia:
18 luglio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR