--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Colpo di scena al processo per la gestione personalistica dell'azienda - Rinviata a settembre la testimonianza dell'ex commissario Pierluigi Bianchi

Ater contro l’ex dirigente e due dipendenti, Gigli rinomina l’avvocato Valentini

Teverina-Buskers-560x60-sett-19

Condividi la notizia:

Ugo Gigli ed Enrico Valentini

Ugo Gigli ha rinominato difensore l’avvocato Enrico Valentini

Viterbo – Ennesimo colpo di scena targato Ugo Gigli, ha rinominato difensore l’avvocato Enrico Valentini.

L’ex direttore generale dell’Ater, contro il quale l’azienda si è costituita parte civile nel processo per la presunta gestione personalistica dell’ente, ha cambiato di nuovo avvocato ed è così saltata per la richiesta di termini a difesa l’udienza prevista ieri davanti al collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei. 

Un ritorno all’antico per l’ex dirigente 79enne, che ha nominato solo nella tarda serata di lunedì l’avvocato Enrico Valentini. Non una new entry, dal momento che si tratta dello storico difensore di Gigli, che ha ripreso, per ora, il posto di Roberto e Francesco Massatani, i legali che lo hanno invece seguito negli ultimi mesi.

Valentini, che sarà affiancato dal collega Massimo Bevere del foro di Roma, dati i tempi stretti, meno di 24 ore tra la nomina e l’udienza, ha chiesto un rinvio: “Per studiare le carte, perché è vero che ho seguito la vicenda, ma non so a che punto sia arrivato il processo”.

Saltata l’udienza, si tornerà quindi in aula il 17 settembre, come da calendario, quando dovrà essere sentito l’ex commissario dell’Ater, nonché avvocato ed ex sindaco di Faleria, Pierluigi Bianchi, ieri pronto a testimoniare, che fu nominato commissario dell’azienda diretta da Ugo Gigli nel luglio 2013. 

L’ex direttore generale, secondo l’accusa, avrebbe gestito l’azienda pubblica come un bene privato, procurando vantaggi economici a sé, a una cerchia di dipendenti, a parenti e amici.

Oltre a Gigli, nel processo per truffa, abuso d’ufficio, falso e violenza privata, sono imputate, a vario titolo, anche le dipendenti Antonella Zei e Simona Laureti.

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
17 luglio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR