--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Corte d'assise - Omicidio di Angelo Gianlorenzo - Il cognato della vittima "inchiodato" da vecchi rancori e dalle ammissioni fatte mentre parla da solo in auto

“E’ stata una morte violenta, ma nessun riscontro scientifico porta a Aldo Sassara”

di Silvana Cortignani

Condividi la notizia:

Angelo Gianlorenzo

Angelo Gianlorenzo

Tuscania – Omicidio Angelo Gianlorenzo – I Ris in località San Savino

Tuscania – Omicidio Angelo Gianlorenzo – I Ris in località San Savino

Viterbo - Maria Rosaria Covelli

Viterbo – Maria Rosaria Covelli

Viterbo - Il sostituto procuratore Massimiliano Siddi

Viterbo – Il sostituto procuratore Massimiliano Siddi

Tuscania – “Angelo Gianlorenzo vittima di morte violenta, ma nessun riscontro scientifico riconduce all’mputato”.

E’ stata la stessa presidente della corte d’assise, giudice Maria Rosaria Covelli, a sintetizzare la prima testimonianza dell’accusa al processo contro Aldo Sassara quella del comandante del Norm dei carabinieri di Tuscania, sentito ieri assieme al collega Lorenzo Valeriani della scientifica. 

L’imputato è il 77enne di Tuscania accusato dalla vigilia di ferragosto di tre anni fa dell’omicidio volontario del cognato Angelo Gianlorenzo, l’agricoltore di 83 anni il cui cadavere massacrato di botte fu trovato dal figlio Mario, verso l’una del 14 agosto 2016, in un terreno isolato nelle campagne in località San Savino.

“Chi se non lui?”, insistono i figli e la vedova, nipoti e sorella dell’imputato. “Un processo indiziario, ma dall’impianto accusatorio solido”, insiste il pm Massimiliano Siddi. “Si è indagato in una sola direzione, quella indicata dal figlio della vittima”, insiste la difesa. 


“Vicino al cadavere banconote e spicci per 20 euro, il movente dell’omicidio”

Il ritrovamento e le successive indagini sono stati ricostruiti ieri in aula dal maresciallo Paolo Clementucci, comandante del Norm di Tuscania, cui il corpo della vittima apparve “riverso a terra nel sangue”. Era la tarda mattinata di una giornata caldissima, con una temperatura di 38° e a terra addirittura di 50°. La prima ricognizione sul cadavere fu effettuata solo diverse ore dopo che era rimasto sotto il sole: “Era la vigilia di ferragosto e non fu subito disponibile il medico legale reperibile”, ha spiegato. “Il sangue appariva in parte già assorbito dalla terra arida”, ha proseguito.

Il corpo era supino con la camicia slacciata, ma lo aveva mosso il figlio provando a rianimarlo. Vicino c’erano degli oggetti, la dentiera del poveretto, il cappello, un falcetto, una fascina di erba per governare gli animali e dei soldi in contanti, banconote e spicci per circa 20 euro”, ha spiegato il militare. Il movente, secondo la procura. 


“Si è disfatto degli abiti indossati al momento del delitto”

Oltre alla vittima e al presunto assassino, sul posto sono state individuate solo altre due persone: un agricoltore che avrebbe visto Sassara uscire col trattore dal cancello del suo terreno, adiacente a quello del cognato, e un pastore macedone, espatriato nel frattempo, che avrebbe udito un violento litigio da dietro un canneto.

Poi ci sono gli occhi delle telecamere lungo il percorso, a circa 5 chilometri dal luogo del delitto le più vicine, all’isola ecologica di Marta, che hanno ripreso entrambi verso le 7 del mattino mentre andavano in campagna. Gianlorenzo non è più tornato indietro. Sassara invece lo ha fatto verso le 11,30, con lo stesso motorino, ma vestito diversamente: senza più il gilet marroncino e la t-shirt rossa a maniche corte, mai rinvenuti dagli investigatori, ma solo con una canottiera azzurrina.

La stessa canottiera che portava ancora la sera quando, dopo 10-12 ore di ricerche, i carabinieri lo hanno rintracciato in un oliveto di Capodimonte e portato in caserma per sentirlo come indagato, avendolo indicato subito il nipote Mario come principale sospettato, tanto che si è potuto avvalere della facoltà di non rispondere.

“Sarebbe bastato sentirlo a sommarie informazioni e sarebbe stato obbligato a rispondere alle domande”, ha sottolineato la difesa. “Si era disfatto degli abiti che indossava al momento dell’omicidio, in oltre dieci ore ha avuto tutto il tempo di disfarsi delle prove”, ha ribadito l’accusa. 


“Nessun riscontro scientifico a carico del 77enne”

Nessun riscontro scientifico a carico del 77enne. Né dai campioni prelevati sotto le unghie al momento del fermo. Né dall’esame del suo corpo per vedere se avesse graffi o altri segni di lotta. Né dal raffronto del Dna coi reperti sequestrati. Né dalla ricerca di sangue del presunto assassino mescolato al sangue della vittima. Né dai suoi attrezzi passati al luminol. Né dal motorino passato al setaccio dal Ris. Né dall’esame ematico e dattiloscopico sulle banconote vicino al cadavere. Niente sulla canottiera, sui pantaloni, sulle scarpe che indossava al momento del fermo. Nessuna traccia riconducibile all’efferato delitto.

Su di lui il peso di vecchi rancori familiari, di un contenzioso civile per l’eredità, di un processo penale per presunti abusi edilizi a carico di Sassara, di una recente multa di circa 40 euro da parte dei vigili di Capodimonte per un terreno cointestato che secondo lui il cognato avrebbe dovuto pagare per metà, per la quale pochi giorni prima tra i cognati era già scoppiato un violento alterco. Il movente dell’ennesimo scontro, sfociato stavolta in tragedia, secondo l’impianto accusatorio del pm Massimiliano Siddi, cui il gip Francesco Rigato a suo tempo ha negato l’arresto dell’attuale imputato.


“Se m’avevano trovato la maglietta… meno male che l’ho buttata fuori”

Rimasto sempre a piede libero, Sassara avrebbe inconsapevolmente confessato, parlando da solo in auto, senza sapere che oltre ad essere intercettato al telefono aveva anche delle microspie in macchina. Mentre i carabinieri subacquei cercavano i suoi abiti nel fiume Marta, distanza poche decine di metri dalla scena del crimine, e le unità cinofile passavano al setaccio in cerca di tracce i terreni, lui si sarebbe vantato con se stesso: “Se m’avevano trovato la maglietta… meno male che l’ho buttata fuori”.


“Potenzialmente potrebbe essersi trattato di un incidente”

Nessuna traccia nemmeno dell’arma del delitto. Si era pensato a una grossa tegola, un tavellone, con dei peli sopra, ma erano peli di animali. Si è pensato a un grosso sasso, ma sulla scena del crimine non è stato individuato. “Nessun riscontro scientifico relativo all’imputato”, ha confermato il maresciallo Clementucci alla precisa domanda della presidente Covelli.

“Potenzialmente potrebbe essersi trattato di un incidente, potrebbe essere caduto su un sasso, ma potrebbe anche avere ricevuto una spinta, un pugno, nel corso di un violento litigio”, ha detto sposando quest’ultima tesi il militare, pungolato dai difensori Marco Valerio Mazzatosta e Danilo Scalabrelli e incalzato dagli avvocati di parte civile della vedova e dei due figli, Corrado Cocchi, Giovanni Bartoletti e Francesco Bergamini.

Il 16 settembre saranno sentiti i consulenti delle parti. Un’udienza importante, in vista della quale le parti promettono battaglia. 


Il video di Chi l’ha visto? e il dialetto lacustre stretto

Il difensore del figlio Mario Gianlorenzo, avvocato Bartoletti, ha depositato il dischetto della trasmissione “Chi l’ha visto?” con la trascrizione dell’intervista all’imputato. Il video potrebbe essere proiettato in aula nel corso del processo. 

Via libera nel frattempo alle trascrizioni delle intercettazioni di Aldo Sassara e dei familiari che secondo il pm si sarebbero chiusi a riccio nel tentativo di coprirlo.

Con le insolite richieste delle parti civili di indicare anche lo stato d’animo dell’imputato (“i toni e gli umori, se piange o se ride”) e di disporre la traduzione dal dialetto lacustre stretto di Marta e Capodimonte alla lingua italiana. La corte d’assise per ora si è riservata.

Silvana Cortignani

 

 

 

 


Condividi la notizia:
16 luglio, 2019

Tuscania - Omicidio in campagna ... Gli articoli

  1. "Male non fare, paura non avere", si dichiara innocente il 76enne accusato di avere ucciso il cognato
  2. Accusato di avere ucciso il cognato, attesa per l'interrogatorio di Aldo Sassara
  3. "Se m'evono trovato la maglietta, da mo' che m'avevano arrestato"
  4. Omicidio Gianlorenzo, è il giorno della verità per il cognato accusato di averlo ucciso
  5. Omicidio Gianlorenzo, in aula il supertestimone rivela: "Voci di due uomini sul luogo del crimine..."
  6. Omicidio Gianlorenzo - Furgone sul luogo del delitto, è giallo
  7. "Non ha ucciso lui il cognato, quella mattina è andato col trattore in direzione opposta"
  8. Aldo Sassara sgridò la moglie: "Rifai la deficiente, tu chiacchieri troppo"
  9. "Aldo non è un fratello, ma una belva feroce. Pensammo avesse ucciso anche nostro padre"
  10. "Meno male che mio cognato è morto, uno di meno. Era un birbaccione, vaffanculo"
  11. "Gianlorenzo aveva il collo spezzato e tutte le costole rotte, ma è morto d'infarto"
  12. Due "interpreti" di dialetto martano per tradurre i soliloqui del presunto killer
  13. "Trenta-quaranta colpi che lui ansimava ancora ed era cosciente"
  14. Omicidio Angelo Gianlorenzo, tocca ai primi testi dell'accusa
  15. "Il cognato incastrato dal suo soliloquio in macchina e dalla videosorveglianza"
  16. Agricoltore massacrato e ucciso nelle campagne di Tuscania, processo al cognato al via il 17 giugno
  17. "Contro di me non hanno niente" diceva tra sé Aldo Sassara intercettato in macchina...
  18. Omicidio di Angelo Gianlorenzo, rinviato a giudizio Aldo Sassara
  19. Omicidio di Tuscania, Aldo Sassara davanti al gup
  20. "Contro di me solo congetture, i colpevoli sono altrove"
  21. "L'ha ucciso, si è cambiato e ha fatto sparire i vestiti sporchi di sangue..."
  22. Omicidio di Tuscania, chiuse le indagini
  23. Un anno fa l'omicidio dell'agricoltore Angelo Gianlorenzo
  24. Omicidio di Tuscania, dissequestrati il casale e i mezzi agricoli dell'indiziato
  25. Omicidio di Tuscania, nuovo interrogatorio in procura per Sassara
  26. Omicidio di Tuscania, è giallo sull’ora della morte
  27. "Massacrato di botte finché non è morto di crepacuore"
  28. Omicidio di Tuscania, restano sotto sequestro i mezzi agricoli
  29. "Ho pensato subito che era stato assassinato”
  30. Omicidio di Tuscania, chiesto il dissequestro dei mezzi agricoli
  31. Nessuna traccia di Gianlorenzo sull'uomo accusato dell'omicidio
  32. Al lavoro i sommozzatori dell'Arma
  33. Gianlorenzo aveva anche il torace fracassato
  34. Omicidio di Tuscania, i Ris sul luogo del delitto
  35. Si cercano i vestiti sporchi di sangue
  36. "Aldo? Incensurato e benvoluto da tutti"
  37. "Non dovevi decidere tu della morte di Angelo"
  38. "Assassini, costituitevi!"
  39. Anziano ucciso, indagato il cognato
  40. I Ris sulla scena del delitto
  41. I vestiti strappati e il cranio fracassato
  42. Colpito alla testa e ucciso dopo una lite
  43. Aggredito e ucciso con un colpo alla testa

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR