--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Massimo Erbetti (M5s): "In 12 anni nessun atto ufficiale"

“Cose dell’altro mondo, mai ceduti asset e mezzi da Robur a Talete”

Condividi la notizia:

Massimo Erbetti

Massimo Erbetti

Viterbo – (g.f.) – Da Robur a Talete, si sono “scordati” di formalizzare il passaggio di beni e asset.

Una dimenticanza non di poco conto. Tra la società che a Viterbo gestiva il servizio idrico e quella a cui è stato ceduto, avrebbe dovuto esserci un atto formale. Pare di no.

Non si parla del core business, ovvero l’acqua, ma di macchinari, mezzi, locali e altro, rimasti in capo alla ormai defunta ma ancora in vita società.

Il perché se lo è chiesto Massimo Erbetti, consigliere M5s, ieri in quinta commissione, convocata proprio su questo.

“Cose dell’altro mondo – esclama Erbetti – dal 2007 a oggi non esiste un atto formale fra le due società, così ci ha spiegato il liquidatore societario”.

Da 12 anni Robur poteva chiudere, non avendo più ragione d’esistere. “Non è successo perché mancava un passaggio – continua Erbetti – i bilanci Robur sono in negativo, non c’è niente in entrata, ma macchinari e strutture le sono rimasti”.

Senza una ragione apparente. Per gli automezzi, fino a un certo punto utilizzati da Robur e poi da Talete, come si sono regolati?

“Per bolli, assicurazioni, ammortamenti – prosegue Erbetti – mi è venuto il dubbio”. Soddisfatto dal liquidatore. “Ha spiegato in commissione che Robur ha continuato a pagare e poi emetteva fattura a Talete, ma non tutte sarebbero state saldate”.

Negli anni si sono succeduti amministratori, ma la situazione non è cambiata. Sono passate anche le amministrazioni comunali Marini e Michelini, ma niente. Fino ad arrivare ad Arena, in cui la “svista” è emersa.

“Fra due privati – conclude Erbetti – se ci fosse stata una cessione, tutti gli asset sarebbero dovuti passare, con un atto formale”. Nel pubblico non cambia, ma stavolta non è successo.


Condividi la notizia:
9 luglio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR