--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tarquinia - Matteo Anselmi, ventenne bagnino del Mirage, racconta il suo soccorso in un tratto di spiaggia libera

“Ho preso il salvagente perché ho capito che dovevo salvare quella donna”

Condividi la notizia:

Matteo Anselmi

Matteo Anselmi

Tarquinia – In quel momento non ha esitato nemmeno per un secondo. Ha solo ragionato per capire organizzare le idee e capire come muoversi. L’unico pensiero era quello di entrare in acqua e salvare quella donna in difficoltà.

Matteo Anselmi, 20enne di Tarquinia con la passione per l’atletica nel lancio del peso e del martello, d’estate fa l’assistente bagnanti al Mirage e lunedì verso l’ora di pranzo ha portato in salvo una signora che rischiava di annegare nelle acque antistanti la spiaggia libera tra il Monumento e lo stabilimento dove presta servizio.

“Ero in postazione – racconta Matteo – e c’era questa signora che stava nuotando al di là delle prime boe, quindi abbastanza lontana.

A un certo punto, l’ho vista fermarsi e col binocolo ho notando che faceva segno con un braccio. Ho capito che aveva bisogno di aiuto quindi mi sono alzato e ho fischiato all’altro bagnino Mirko Fattori dei “Marinai”.

Ho indossato il giubbotto salvagente e ho preso in mano il baywatch attaccato al rullo. Ho chiesto quindi al mio collega di tenermi la corda perché sarei andato a prendere la donna”.

Matteo si è tuffato in acqua: “Toccavo e a un certo punto ho iniziato a non toccare più e ho dovuto nuotare. Non senza difficoltà – ammette -, perché in quel punto ci sono correnti e risacche. Alla fine, però, ho raggiunto il punto e la signora era giustamente spaventata. Ho provato a calmarla dicendole che ero un soccorritore e le ho dato il salvagente per avere un appiglio”.

Da lì è iniziata la corsa per raggiungere la riva. “Nuotavo tenendo la signora e col mio collega che tirava la corda per aiutarmi a faticare di meno. Alla fine ci siamo riusciti, siamo arrivati sulla spiaggia e lei mi ha ringraziato, tornandosene all’ombrellone”. 

Rivela il giovane: “All’inizio, avevo paura, ma poi quando è arrivato il mio collega Mirko ho capito che dovevo andare a salvarla e che era l’unica cosa che volevo fare. Sono stato freddo e ho ragionato su quello che dovevo fare, quindi mi sono tuffato e tutto è andato bene”.


Condividi la notizia:
9 luglio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR