--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - L'anno scorso un'inchiesta di Tusciaweb ne aveva già evidenziato lo stato di abbandono e degrado - A distanza di un anno nessuno ha fatto niente per salvarle - FOTO E VIDEO

Le porte della città vanno di male in peggio…

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:



Viterbo – Le porte d’ingresso alla città di Viterbo vanno di male in peggio. Lo scorso anno un’inchiesta di Tusciaweb ne aveva evidenziato lo stato di abbandono e di degrado. Un anno dopo non è stato fatto niente e le porte stanno sempre lì. Nelle stesse condizioni. Moribonde. A testimoniarlo, l’ennesimo giro lungo le mura. Assieme, in qualche modo, e in video, a Ivo il poeta. Porte antiche, quasi quando la città cui aprono. E si aprono non solo agli occhi di chi ci abita, ma ai turisti che da anni si cerca in qualche modo di attirare.

Le Porte di Viterbo sono in tutto 15. Un tempo erano 21. Sei sono scomparse. Quattro conservano ancora le porte in legno. Carmine, Faul, Porta romana e porta murata, San Leonardo, San Pietro e Porta della Verità.


Viterbo - Porta Romana

Viterbo – Porta Romana


Porte in legno cui va messa mano. Sarebbero una copia di quelle antiche. Realizzate dopo la guerra da un vetrallese. Oggi, per come sono ridotte, andrebbero sostituite. Sembrano infatti marce. Su molte qualcuno, nel corso degli anni, ha tirato del colore, oggi sbiadito ma ben visibile. E a un anno dall’inchiesta di Tusciaweb, nonostante i buoni propositi, nessuno ha pensato di sistemarle.


Viterbo – Le porte a nord della città


Su diverse porte, specialmente Faul, Fiorentina e Romana, crescono da tempo piante e vegetazione. Con tanto di radici che si infilano nel peperino. A Porta Fiorentina si notano anche delle macchie bianche, in alto a destra. Alcune riportano anche dei graffiti, fatti con la bomboletta o la vernice. Qualcuna è addirittura storica, come quella che sta su Porta della Verità. Msi, in rosso, movimento sociale italiano, l’ex partito nato dall’esperienza della repubblica fascista di Salò durante la seconda guerra mondiale. Altre sono addirittura ricorrenti. Come la scritta “Iole”, che compare su diversi ingressi. Da anni, mai cancellata. Come se fosse un tratto identificativo della città. Su altre scritte, ad esempio Porta della Verità, c’hanno semplicemente messo una pezza, imbiancandole. Sempre a porta della Verità gli stemmi che stanno in alto sono imbracati, con una rete di ferro, per evitare che i piccioni vi si possano avventare. Tuttavia, gli stemmi sono neri e lerci per i gas di scarico delle macchine. Nessuno sembrerebbe averli mai puliti. Oppure, più semplicemente, pensato almeno di farlo.


Viterbo – Le porte a est della città


Per non parlare delle macchine. Laddove è possibile, basta pensare a porta San Leonardo o porta Fiorita, le persone parcheggiano fin sotto la porta. Come se nulla fosse. Contribuendo ad alimentare il degrado di uno dei più importanti biglietti da visita di Viterbo. L’ingresso alla città medievale.

Per non parlare poi dei pannelli turistici messi accanto alle porte. Avrebbero dovuto raccontare ai turisti cosa avrebbero trovato una volta passati sotto l’arco. Se ne salva soltanto uno. Quello di porta Fiorentina. Tutti gli altri sono arrugginiti. Illeggibili. E, francamente, a guardarli fanno anche un po’ schifo.


Viterbo – Le porte a sud della città


Due soltanto le eccezioni. Porta di Valle, vicino alla rotonda di valle Faul. E porta San Marco, lungo viale Raniero Capocci. Un gioiellino, che pochi conoscono. Tenuta meravigliosamente bene. Al punto che sembra di entrare in un’altra Viterbo. In entrambi i casi si tratta di porte dove non hanno accesso le macchine. E soprattutto, sono tenute su un palmo di mano dalle persone che ci abitano attorno.


Viterbo – Le porte a ovest della città


Tre porte, San Leonardo, Carmine e San Pietro, sono affrescate. Scene religiose, con angeli, santi, cristi e madonne. Tutti agonizzanti, o sul punto di scomparire per sempre. Semi distrutti. Divorati dal tempo e dal menefreghismo.

Daniele Camilli


Multimedia – Fotogallery: Le porte a nordLe porte a estLe porte a sudLe porte a ovestIl degrado delle porte nel 2018 – Video: Da porta Romana a porta BoveDa porta Fiorentina a porta della VeritàL’inchiesta di Tusciaweb del 2018


Condividi la notizia:
15 luglio, 2019

Reportage 2 ... Gli articoli

  1. Il turismo "dimezzato" della città dei papi
  2. "Io e mio figlio siamo vivi per miracolo..."
  3. Sfiorata la strage di mamme e bambini
  4. Commercio, la "strage" di via Saffi
  5. Centoquarantadue soldati francesi sepolti "gloriosamente" lungo la Cassia...
  6. "Possiamo finalmente riavere la nostra libertà..."
  7. "Siamo intrappolati in casa da settimane per colpa di un ascensore..."
  8. "Il fuoco sembrava come una mietitrebbia..."
  9. A cena con i briganti ai piedi di Montefogliano...
  10. "Gli immigrati ci danno lavoro, mancano invece i servizi e il quartiere è dimenticato..."
  11. "La morte di Joshua richiama tutti alle nostre responsabilità..."
  12. "Avrei voluto una famiglia e dare ai miei figli tutto ciò che io non ho avuto..."
  13. "Abbiamo voluto riscattare le ex Terme Inps..."
  14. "Scegliamo di essere migliori perché si è scelto di amare..."
  15. "Dedicheremo il prossimo anno scolastico a Joshua Anyanwu..."
  16. "I soldi non ci sono... e i saldi non funzionano"
  17. Il Lazio tra le regioni con il più alto numero di morti sul lavoro, la Tuscia tra le province
  18. Vanno salvati gli affreschi dimenticati di Santa Maria delle Fortezze
  19. Venticinque milioni e mezzo di "tasse occulte" nella Tuscia
  20. Torna alla luce un fontanile del XVI secolo
  21. "Il festival di Modena avrebbe fatto meglio a invitare altre persone"
  22. Sotto "controllo" il cantiere di Belcolle
  23. "Una volta lavoravano marito e moglie, adesso la crisi si è ripresa tutto..."
  24. "Alla fine ce l'hanno cavata!"
  25. Benvenuti nella savana
  26. "E' un mese che siamo senza gas e mio marito è disabile"
  27. "La comunità islamica è parte integrante della nostra società"
  28. La battaglia di Ferento
  29. Pratogiardino Lucio Battisti nel degrado e nel più completo abbandono
  30. La città invasa dall'erba...
  31. "Le fontane erano il simbolo del buon funzionamento del comune"
  32. "Sui diritti umani non si può abbassare la guardia"
  33. Il tempo delle ciliegie vince quello della pioggia
  34. Gli studenti del Ruffini "processano" la violenza di genere
  35. "Viviamo in un paese dove associazioni a delinquere fasciste tentano di dividere i poveri..."
  36. "Sono quattro mesi che siamo "carcerati"..."
  37. Piazza del comune gremita per costruire una città migliore
  38. "Non parlava con nessuno, abitava qui e ogni tanto prendeva l'auto della donna con cui viveva"
  39. "Mezzetti ha offeso le forze armate, ha fatto bene il generale Riccò a lasciare la cerimonia"
  40. "Se non mi spiegano dove ho offeso l'esercito, sono dei cialtroni e dei mascalzoni..."
  41. "C'hanno messo una crocetta e quel tedesco sul terreno nostro è sotterrato..."
  42. "Il tempo com'è, bono o cattivo, noi venimo sempre qui da Pucciarella..."
  43. La "faccia" sporca della città
  44. Una linea d'abbigliamento e un logo per rafforzare l'identità della scuola
  45. La Pasqua al rallentatore nella città dei papi
  46. La processione del Cristo morto illumina Bagnaia
  47. "Frammenti di vita per riuscire a stare insieme..."
  48. "Chi ha fatto del male pagherà..."
  49. "Va fatto un restauro complessivo di tutte le fontane storiche e monumentali"
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR