--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Carcere - Danilo Primi (Uspp) racconta la drammatica situazione in cui si sono trovati l'altro giorno con il blackout durato ore

“Mammagialla al buio, un inferno”

Condividi la notizia:

Viterbo - Danilo Primi

Viterbo – Danilo Primi

Viterbo - Il carcere Mammagialla

Viterbo – Il carcere Mammagialla

Viterbo – (g.f.) – “Mammagialla senza energia elettrica, un inferno”. L’interruzione che l’altro giorno ha interessato molti comuni della Tuscia non ha risparmiato il carcere di Viterbo e come segnala Danilo Primi (Uspp), sono state ore molto difficili.

“Ogni volta che va via la corrente – dice Primi – si blocca tutto. L’altro giorno è stato un putiferio. Senz’acqua, al buio e con gli ascensori bloccati non è stato possibile passare con le terapie o servire il vitto”. Per ore.

“Questo perché da dieci anni – osserva Primi – l’amministrazione non è stata in grado di sistemare i due generatori, guasti”. Quando i blackout out sono prolungati, sarebbero d’aiuto.

“Chi era in servizio è giustamente entrato nel panico – racconta Primi – la situazione era tesa, i detenuti hanno cominciato a fare confusione, lanciando oggetti e incendiandone altri. È stata chiesta un’autobotte, ma non era disponibile”.

Ore complicate. “Per fortuna attorno alle 13,30 la corrente elettrica è tornata e la situazione è andata pian piano verso la normalità. Quello che è anormale è che da dieci anni i generatori non funzionino”.

Quando tutto si spegne, manca tutto. Acqua compresa. “Perché arriva grazie a pompe elettriche. Chi non ha soldi e non ha acquista le bottiglie, beve quella del rubinetto”.

Una giornata pesante in una situazione a Mammagialla, già normalmente pesante.

“Con i vertici locali dell’amministrazione che fanno passare le cose così. Una volta andata, non ci si pensa più. Sono stati chiamati durante la fase di difficoltà, ma non si sono presentati”.


Condividi la notizia:
30 luglio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR