--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il bilancio dell'Unitus del quarto simposio mondiale per la protezione biologica delle piante dalle malattie batteriche

“Oltre 240 partecipanti al Biocontrol2019”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

I partecipanti del Biocontrol2019

I partecipanti del Biocontrol2019

Un momento del Biocontrol2019

Un momento del Biocontrol2019

Un momento del Biocontrol2019

Un momento del Biocontrol2019

Viterbo - Bagno alle Terme dei papi

Viterbo – Bagno alle Terme dei papi

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Un successo sotto ogni punto di vista.

Biocontrol2019, il quarto simposio mondiale per la protezione biologica delle piante dalle malattie batteriche, organizzato dal Dipartimento di scienze agrarie e forestali (Dafne) Unitus, in collaborazione con la Fao, e tenutosi a Viterbo questa settimana, si è appena concluso.

Alcuni numeri: 240 partecipanti provenienti da 44 differenti Paesi a rappresentare tutti i continenti; 112 relazioni scientifiche di altissimo livello, numero società private a proporre nuove soluzioni ed instaurare collaborazioni con prestigiosi gruppi di ricerca internazionali, incluso il Dafne per proteggere le piante riducendo al massimo l’impiego della chimica di sintesi.

Giovani ricercatori, studenti, liberi professionisti, associazioni di categoria e dei produttori biologici, insomma, per una settimana in virtù di oltre 2 anni di lavoro Viterbo è risultato il punto di riferimento mondiale dei massimi esperti e dell’industria per confrontarsi e fornire soluzioni per i produttori bio e non solo, rispetto a problematiche (le batteriosi) sempre più dannose per le coltivazioni ortive come a carico delle piante da frutto.

Ai principali relatori è stata regalata una ceramica originale e rappresentativa di Viterbo, della Macchina di S. Rosa e dei suoi facchini, prodotta da Creazioni Daniela.

Al termine del primo giorno di lavoro i partecipanti, con il supporto di Promotuscia, hanno potuto godere ed apprezzare il fascino del quartiere medioevale di San Pellegrino.

Successivamente, ai partecipanti è stata offerta la cena sul lungo lago di Montefiascone. Le delizie culinarie locali, particolarmente apprezzate, sono state accompagnate da vini biologici presentati per l’occasione dell’enologo di prestigio internazionale Mourad Ouada.

Durante la serata, un giovane ricercatore è stato premiato dal presidente dell’Associazione italiana per la protezione delle piante (Aipp) per l’originale contributo scientifico presentato al simposio.

Il giorno seguente, al termine dei lavori, ai partecipanti è stato offerto un bagno rilassante alle Terme dei Papi e, l’ultimo giorno del simposio al termine dei lavori, giro in traghetto del lago di Bolsena per far scoprire le bellezze naturali del nostro territorio con tanto di bagno rifrescante di fronte all’isola Bisentina.

A coronamento di un simposio internazionale dai contenuti particolarmente innovativi ed applicativi il Dafne, su indicazione e precisa volontà della Fao, ha definito un accordo di rilevanza internazionale dove, proprio in virtù del suo impegno e delle sue competenze tecnico-scientifiche riconosciute a livello internazionale, diventerà per la Fao il punto di riferimento per sviluppare collaborazioni e progetti internazionali inerenti le tematiche trattate durante Biocontrol2019.

Università degli studi della Tuscia


Condividi la notizia:
13 luglio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR