--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Previsto uno stanziamento di 1,5 milioni di euro per il risanamento e il recupero delle zone più inquinate

Regione, approvata la legge sulle aree a rischio ambientale

Condividi la notizia:

Inquinamento

Inquinamento

Roma – Il Consiglio regionale del Lazio ha approvato oggi la legge per la salvaguardia delle aree a elevato rischio di crisi ambientale. Il provvedimento, primo firmatario Marco Cacciatore (M5s), ha ottenuto il via libera con 32 voti favorevoli e 6 astenuti.

Secondo quanto comunica la regione, la nuova legge consentirà d’individuare le zone più critiche dal punto di vista ambientale e “intervenire preventivamente con un piano di risanamento e recupero”.

La norma definisce aree ambientali ad alto rischio quelle in cui esistono “gravi alterazioni degli equilibri ecologici del suolo e del sottosuolo, nell’atmosfera, nelle acque superficiali e sotterranee”, “elevata concentrazione di stabilimenti industriali con possibilità di incidenti rilevanti” o “impianti, anche in fase di smaltimento, che impieghino materiali radioattivi destinati alla fabbricazione e stoccaggio del combustibile nucleare e dei rifiuti radioattivi”.

Il monitoraggio delle aree a rischio sarà affidato ad Arpa, Asl, province e Città metropolitana di Roma.

Per gli interventi è prevista una copertura finanziaria di 1 milione e mezzo di euro nel biennio 2020 e 2021.

 


Condividi la notizia:
4 luglio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR