--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civitavecchia - Confermato per mercoledì 24 luglio dalla Fiom-Cgil Civitavecchia Roma nord Viterbo

Scoppio di una valvola alla centrale di Torre Valdaliga, sciopero di 8 ore per la sicurezza

Condividi la notizia:

La centrale di Torrevaldaliga Nord a Civitavecchia

La centrale di Torrevaldaliga Nord a Civitavecchia

Civitavecchia – Scoppio di una valvola alla centrale di Torre Valdaliga, sciopero di 8 ore per la sicurezza e le manutenzioni con presidio nel piazzale antistante la centrale di Torre Valdaliga Nord.

La conferma della protesta in programma mercoledì 24 luglio arriva dalla Fiom-Cgil Civitavecchia Roma nord Viterbo, che dà appuntamento alle ore 9,30 al Molo Vespucci a chiunque voglia portare solidarietà ai lavoratori.

Allo sciopero dei metalmeccanici Fiom-cgil aderisce anche la Usb. 

“Nella notte tra il 20 e il 21 luglio è scoppiata la valvola di un gruppo che era stato attivato per rispondere a un picco di richiesta energetica, poi subito fermato per evitare danni peggiori. Per fortuna non c’erano persone a lavorare, ma è doveroso chiedersi quali conseguenze ci sarebbero state se fosse successo in un giorno ordinario”, scrive in una nota la Fiom-Cgil Civitavecchia Roma nord Viterbo, denunciando: “Da settimane denunciamo la necessità urgente di manutenzioni regolari, ordinarie e straordinarie, perché gli impianti della centrale ne hanno bisogno per funzionare anche quando sono mantenuti al minimo e comunque proprio in previsione del massimo funzionamento quando la richiesta energetica aumenta, come è avvenuto sabato scorso”.

“È assurdo e irresponsabile che, con una urgenza di questa portata, quasi tutti i metalmeccanici dell’indotto addetti alla manutenzione siano sotto ammortizzatori sociali o coinvolti in vere e proprie crisi industriali e licenziamenti. Chiediamo alle autorità competenti a tutti i livelli di attivarsi immediatamente per verificare le condizioni di sicurezza della centrale e ad Enel di disporre urgentemente le manutenzioni”, conclude il sindacato. 

 


Condividi la notizia:
22 luglio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR