--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Castelforte - Tentativo di intimidazione ai danni di Emiliano Ciotti dell’associazione nazionale vittime delle marocchinate

Tentano di dare fuoco alla macchina del presidente dell’Anvm

Condividi la notizia:

Giancarlo Cardillo ed Emiliano Ciotti

Giancarlo Cardillo ed Emiliano Ciotti

Castelforte – Riceviamo e pubblichiamo – Grave tentativo di intimidazione ai danni del presidente dell’associazione nazionale vittime delle marocchinate, Emiliano Ciotti.

Ieri sera, venerdì 12 luglio, mentre era impegnato nella presentazione del suo libro dal titolo “Le Marocchinate, cronaca di uno stupro annunciato”, sul palco della manifestazione “Diamo voce agli autori locali” a Castelforte (Lt), ignoti hanno cosparso di olio una delle ruote della sua vettura e hanno tentato di appiccare il fuoco alla stessa utilizzando del combustibile solido a base di kerosene.

Fortunatamente l’attentato non è riuscito e gli ignoti malintenzionati alla fine hanno desistito e si sono dileguati. Ad accorgersi dell’insano gesto è stato lo stesso Emiliano Ciotti, quando è andato a riprendere l’autovettura per tornare a casa.

“Oggi sono stato alla questura di Latina – ha detto Ciotti – e ho presentato regolare denuncia dell’accaduto. Sono molto dispiaciuto per quanto è successo, poiché un isolato personaggio ha tentato di rovinare una bella serata di dibattito e cultura. Ringrazio per l’ospitalità il sindaco Giancarlo Cardillo, l’amministrazione comunale di Castelforte e il Sistema Bibliotecario del Sud Pontino.

Questo ennesimo atto scellerato non ci ferma – conclude Ciotti – proseguiamo nella nostra opera di informazione sulla vergogna delle marocchinate, stupri di guerra compiuti ai danni delle donne italiane nel 1943-1944″.

Non è la prima volta che Ciotti subisce minacce. Già nel febbraio e nell’aprile scorsi rinvenne scritte minacciose sulla sua autovettura e nelle vicinanze dell’abitazione e una busta, contenente una cartuccia a salve e un foglio di minacce scritto in francese, venne recapitata al suo posto di lavoro.

Anvm
Associazione nazionale vittime delle marocchinate onlus


Condividi la notizia:
13 luglio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR