--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Caffeina - Lode sperticata del “gattolico” convinto Alberto Mattioli al suo felino

“Un gatto non dice sciocchezze, non è intollerante, non è ridicolo e… non abbaia”

di Giuseppina Ruggiero - Tusciaweb academy

Condividi la notizia:

Il giornalista Alberto Mattioli

Il giornalista Alberto Mattioli

Caffeina - Il giornalista Alberto Mattioli

Caffeina – Il giornalista Alberto Mattioli

Il giornalista Alberto Mattioli

Il giornalista Alberto Mattioli

Viterbo – Piazza San Lorenzo al tramonto, uno spicchio di luna e la lode sperticata di un “gattolico” convinto al suo felino. Si può riassumere così la bella serata gattara, offerta da Caffeina festival giovedì scorso. Sul palco a presentare il suo libro Il gattolico praticante, esercizi di devozione felina, edito da Garzanti, Alberto Mattioli, giornalista della Stampa, esperto d’opera e di teatro, affetto da passione sfrenata per i gatti, una passione che solo chi ha subito lo stesso incantesimo può capire.

“Ho visto un gatto e ho visto la luce – esordisce, ironico, lo scrittore – che mi ha folgorato sulla via di Damasco. Mi sono convertito e sono approdato al “gattolicesimo”, che attualmente è la mia religione”.

Una “conversione” arrivata in tarda età, perché “in casa mia, a parte i miei familiari, non c’erano altri animali”, ma ha subito rimediato, facendosi adottare da ben due gatte, che portano entrambe il nome di famose opere liriche: Violetta e Isolde.

“Vanno matte per la musica classica, come tutti i gatti del resto, e se ne intendono molto più di tanti critici che conosco, me compreso – racconta il giornalista gattolico -. Violetta ama Wagner, il Parsifal in particolar modo, mentre Isolde preferisce il barocco. Tutte e due adorano ascoltare musica placidamente distese sulla mia larga pancia, regalandomi momenti di pura estasi. Sono proprio un uomo fortunato”.

E’ stata la consapevolezza della sua buona sorte a convincerlo a scrivere il libro, un libro che fosse rivolto non ai gatti, ma ai loro “umani”, per consigliarli a mettersi volontariamente e felicemente al loro servizio.

“Il gatto – afferma Mattioli, fra il riverente e l’irriverente – rende l’uomo migliore. La sua presenza è taumaturgica. Abbiamo bisogno di gatti in ogni dove e in ogni campo, soprattutto in politica.

I tempi della politica sono troppo veloci e la riflessione viene meno, fermo restando che chi fa politica sia anche capace di riflettere. Nulla stimola il ragionamento come una lunga seduta in compagnia di un gatto. Lui rifugge dai furori, dalla fretta, dai gesti spicci, dalla volgarità, e la politica, in generale, e quella italiana, in particolare, è notevolmente volgare. Inoltre, a differenza di tanti politici, il gatto non è mai ipocrita”.

La simpatica devozione dello scrittore per i felini e per la sua famiglia con zampe e vibrisse contagia la platea. Anche la moderatrice Maria Rita De Alexandris, “cane munita”, come si è definita all’inizio della presentazione, ride divertita. Gli aneddoti sul mondo gatto, riportati da Mattioli durante la conferenza, sono numerosi e lui li racconta con un linguaggio colto e raffinato.

Tante anche le citazioni perché, come dice questo fan sfegatato, “il gatto piace alla gente che piace” e la storia è piena di umani che hanno subito il fascino dell’eroe peloso e antiborghese per eccellenza. L’imperatore Augusto, Leonardo, il cardinale Richelieu, Petrarca, Maometto, Churchill sono solo alcuni esempi. Il gatto ha conquistato il passato e conquisterà il futuro, Mattioli ne è convinto, non è un caso che i micini, futuri dominatori, spopolino sul web.

E anche se sono tante le false dicerie sul loro conto, messe in giro da gente invidiosia, i buoni motivi per farsi adottare dai gatti sono di più.

“Un gatto non dice mai sciocchezze – afferma Mattioli –, non è intollerante, idioti a parte. Non è mai ridicolo, ma può essere buffo. Non commenta la moviola. Non ti chiede che fine abbia fatto la Sinistra. Non abbaia”. Su questo ultimo punto la concorrenza che è in platea si fa sentire, un bassotto, accucciato sotto la sedia della sua padrona, mugola educato. Per il poveretto non deve essere stato facile sentir tessere, in continuazione, le lodi del nemico e per giunta sopra la calda e nuda terra. Se al suo posto ci fosse stato un gatto, non avrebbe palesato la sua presenza, anzi, si sarebbe goduto il freschetto della sera, incurante di ciò che accadeva intorno, acciambellato sulla sedia, con la sua “umana” come cuscino. E Mattioli, accarezzando il bassotto, glielo fa notare.

Giuseppina Ruggiero – Tusciaweb academy


Condividi la notizia:
1 luglio, 2019

Caffeina 2019 ... Gli articoli

  1. “Hanno voluto colpire don Peppe Diana nel suo essere sacerdote...”
  2. "Nel silenzio delle parole c'è la grandezza del rapporto tra genitori e figli"
  3. Uno straordinario simbolo di libertà...
  4. "Metteremo a disposizione di tutti i libri di Massimo Bordin..."
  5. “La camorra uccide anche senza premere il grilletto”
  6. “Il Trono di Spade è la patria letteraria di questo tempo”
  7. "L'omicidio Moro è stata la fonte dei mali della politica d'oggi"
  8. "Sciascia? Attuale come Dante o Shakespeare”
  9. "Matteo Salvini se la fa sotto quando deve prendere di petto un potente..."
  10. "Quella volta che decisi di smettere di giocare per due tunnel di Messi..."
  11. "Nella scala etica che creiamo, alcuni valgono dieci e altri uno"
  12. "Non bisogna avere paura di essere liberi"
  13. "Le nuove generazioni prendono spunto dalla femminilità oggettivizzata"
  14. "Caffeina è un riferimento nazionale che dà speranza..."
  15. "C'è un ministro multifelpa che decide per tutti..."
  16. “Il conflitto di interessi è l’anticamera della corruzione”
  17. “Perché rinunciare a qualcosa? Prendi tutto, pagalo a rate! "
  18. "E' la storia di un eroe del nostro tempo che pensa di poter comprare un riscatto sociale"
  19. “L'eroina ti toglie ogni tipo di sensazione, di dolore, di sofferenza... come la morte”
  20. Lo sfortunato destino del soldato di Berlino Est che saltò il muro...
  21. Gianluigi Paragone: "Non farò carriera politica..."
  22. “Può il più grande partito italiano passare di padre in figlio?"
  23. La militanza politica, il compagno Sallusti e Pelo superfluo...
  24. "La mia scelta di vita è ricaduta sui miei figli e ho avuto paura di non essere capita..."
  25. "E' puro terrorismo psicologico..."
  26. “Diversità e gentilezza, il mio viaggio insieme a mio figlio Nino affetto da autismo...”
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR