Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Violenza sessuale su bambine in centro - I difensori dopo la decisione del gip che ha scarcerato il 29enne a seguito del confronto all'americana

“Uomo accusato di pedofilia, l’ordinanza di liberazione è una pietra tombale sull’indagine”

di Silvana Cortignani
Condividi la notizia:

Viterbo - Pedofilo inchiodato dalle telecamere

Viterbo – Pedofilo inchiodato dalle telecamere

Tribunale - I difensori Marina Bernini e Samuele De Santis

I difensori Marina Bernini e Samuele De Santis

La pm Chiara Capezzuto

La pm Chiara Capezzuto – Ha detto no alla scarcerazione

Viterbo – Presunto pedofilo seriale fuori dal carcere 24 ore dopo l’incidente probatorio. “Quadro indiziario fortemente mutato”, scrive il gip.

Durante il confronto all’americana di giovedì, le quattro presunte vittime non hanno riconosciuto il 29enne pakistano arrestato dalla squadra mobile del dirigente Gian Fabrizio Moschini lo scorso primo giugno. Per il giovane, rimasto per quasi due mesi a Mammagialla, il gip ha quindi disposto, ieri, il solo obbligo di firma, tutti i giorni presso la polizia giudiziaria. “Tenendo conto delle eventuali esigenze lavorative dell’indagato”, specifica al termine delle tre pagine di ordinanza il giudice Francesco Rigato. 

“Alla luce del fortemente mutato quadro indiziario, mutate debbono ritenersi anche le esigenze cautelari – si legge nelle conclusioni del gip – ormai tali da non giustificare più in alcun modo l’applicazione della misura massimamente afflittiva e tali da poter essere fronteggiate con l’assai più blanda misura dell’obbligo quotidiano di presentazione alla polizia giudiziaria in orari che saranno concordati con il dirigente del reparto cui i controlli vengono demandati, tenendo conto delle eventuali esigenze lavorative dell’indagato”. 

“Il quadro indiziario posto a base della misura fondata su riconoscimenti fotografici dell’indagato effettuati in termini di certezza davanti alla polizia giudiziaria da parte delle 13enne e dell’11enne può ritenersi notevolmente mutato, sia pure non del tutto venuto meno alla luce di quanto dichiarato, sia pure in termini dubitativi, dall’11enne, che pur riconoscendo l’indagato, ha tuttavia affermato di non essere sicura che si trattasse proprio di lui”, spiega il giudice per le indagini preliminari.


No del pubblico ministero alla scarcerazione

Il gip ha rimesso in libertà, seppure con l’obbligo di firma, l’indagato.

La pm Chiara Capezzuto, invece, si era detta contraria perfino alla sostituzione della misura con i domiciliari, ritenendo “immutate le esigenze cautelari” che hanno fatto scattare l’arresto dello scorso 1 giugno per violenza sessuale aggravata a danno delle due ragazzine di 11 e 13 anni aggredite nel giro di poche ore lo scorso 2 maggio. 

Entrambe hanno confermato l’aggressione subita nel corso dell’incidente probatorio di giovedì 25 luglio, durante il quale sono state sentite anche le altre due presunte vittime, di 10 e 12 anni, che invece sarebbero state molestate il 9 e il 28 maggio, sempre nella stessa zona, tra piazza della Rocca e il quartiere di San Faustino, in pieno centro.


Fuori grazie al confronto all’americana

Il confronto all’americana ha cambiato totalmente le carte in tavola. Tutte e quattro le minori hanno confermato al giudice quanto già raccontato agli investigatori. 

“Chiamate tuttavia ad effettuare ricognizione di persona dell’indagato – scrive il gip Rigato – la 13enne ha dichiarato che tra i soggetti posti al di là dello specchio unidirezionale non figurava l’autore dei fatti, mentre l’11enne, pur riconoscendo l’indagato, ha tuttavia affermato di non essere sicura che si trattasse proprio di lui”.

“A sua volta la bambina di 10 anni – si legge nell’ordinanza del gip – ha dichiarato di non essere in grado di riconoscere tra le persone collocate dalla parte opposta dello specchio unidirezionale l’autore, pur nutrendo qualche dubbio sul soggetto posto al centro, non corrispondente all’indagato”.

Infine la 12enne: “Ha dichiarato di essere indecisa tra l’indagato e altro soggetto utilizzato per la ricognizione mediante specchio unidirezionale”. 


“Siamo soddisfatti, giustizia è fatta”

“Giustizia è fatta, fin dal primo momento abbiamo sostenuto che il nostro assistito on questa vicenda non c’entra niente”, commentano i difensori Marina Bernini e Samuele De Santis, che avevano chiesto un alleggerimento della misura, come gli arresti domiciliari.

“E’ stato scarcerato, meglio di così non poteva andare, siamo più che soddisfatti”, sottolineano, ribadendo che per loro i filmati della videosorveglianza, in cui sembra pedinare una vittima, non inchiodano il giovane operaio agricolo, che a un certo punto avrebbe preso un’altra direzione, come proverebbe il testimone sentito a sommarie informazioni durante le indagini. 

“L’ordinanza di liberazione è una pietra tombale sull’indagine. A questo punto ci aspettiamo che la procura richieda l’archiviazione del procedimento nei confronti del nostro assistito. Pochi gli avrebbero creduto, in questo sta il centro del diritto di difesa e della dignità di essere avvocati, anche d ufficio”, concludono i legali.

Silvana Cortignani


Presunzione di innocenza
Per indagato si intende semplicemente una persona nei confronti della quale vengono svolte indagini preliminari in un procedimento penale.

Nel sistema penale italiano vige la presunzione di innocenza fino al terzo grado di giudizio. Presunzione di innocenza che si basa sull’articolo 27 della costituzione italiana secondo il quale una persona “non è considerata colpevole sino alla condanna definitiva”.


Condividi la notizia:
27 luglio, 2019

Violenza sessuale su due bambine ... Gli articoli

  1. Pedofilo seriale tra piazza della Rocca e San Faustino, attendibili le sei piccole vittime
  2. Pedofilo seriale in centro, davanti al gip a fine mese la psicologa delle sei piccole vittime
  3. Pedofilo seriale a San Faustino, al vaglio l'attendibilità delle piccole vittime
  4. Pedofilo seriale, la procura punta al processo lampo
  5. Pedofilo seriale, nuovamente in carcere il 29enne arrestato a giugno
  6. Molesta minorenni in centro, le vittime identificano
  7. Presunto pedofilo seriale, oggi davanti al giudice altre due vittime
  8. "Il pedofilo seriale è tornato a colpire dopo la scarcerazione"
  9. Presunto pedofilo seriale scarcerato, spuntano altre due vittime
  10. "Due mesi dietro le sbarre, quando sarebbe bastato fare prima il confronto all'americana"
  11. Scarcerato il 29enne accusato di pedofilia
  12. "Non è lui il maniaco, il vero pedofilo è ancora in giro e potrebbe colpire di nuovo"
  13. Pedofilo seriale, le piccole vittime non riconoscono l'indagato
  14. Pedofilo seriale, davanti al giudice le quattro piccole vittime
  15. Pedofilo seriale, via libera all'incidente probatorio
  16. Pedofilo seriale inchiodato dalle telecamere, salgono a quattro le vittime
  17. "Quei video non provano che il violentatore delle due bambine è lui..."
  18. Il presunto pedofilo inchiodato dalle telecamere, pedinava la 13enne
  19. Il presunto pedofilo nega tutto: "Non conosco le due bambine, io andavo dal tabaccaio"
  20. "A Viterbo aumentano i reati del 2,5%, ma diminuiscono i poliziotti..."
  21. Violenza sessuale su due minori, Salvini: "Il delinquente potrà essere espulso"
  22. Due bambine palpeggiate, l'arrestato davanti al gip
  23. "Le bambine terrorizzate dopo essere state palpeggiate nelle parti intime"
  24. Violenza sessuale su due bambine, il Viminale ad alzo zero contro i magistrati
  25. "Arresto per violenza sessuale, plauso alle forze dell'ordine"
  26. Le bambine di 11 e 13 anni avvicinate per strada e molestate
  27. Violenza sessuale su due bambine, arrestato

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR