--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Alessandro Gassmann al Tuscia film fest - All'attore romano il premio Pipolo per il film Croce e delizia

“Vivo nel profondo schifo di quello che faccio…”

di Erika Chilelli - Tusciaweb academy
Condividi la notizia:


Viterbo- Alessandro Gassmann al Tuscia film fest

Viterbo- Alessandro Gassmann al Tuscia film fest

Viterbo- Alessandro Gassmann al Tuscia film fest

Viterbo- Alessandro Gassmann al Tuscia film fest

Viterbo- Alessandro Gassmann al Tuscia film fest

Viterbo- Alessandro Gassmann al Tuscia film fest

Viterbo –  “Vivo nel profondo schifo di quello che faccio…”. Alessandro Gassmann al Tuscia film fest.

L’attore romano ha ricevuto il premio Pipolo Tuscia Cinema per il film del regista Simone Godano Croce e delizia.

A premiare Gassman è stato invitato Federico Moccia figlio di Giuseppe Moccia, personaggio importante del cinema italiano in arte “Pipolo” nato nel viterbese, e il direttore di Confartigianato Andrea De Simone.

“È un piacere tornare qui, è bellissimo vedere così tanta gente per un film – afferma l’attore romano che ricorda l’importanza di Pipolo per il cinema italiano -. Pipolo ha scritto e diretto film che hanno segnato la storia del nostro cinema, spero di meritarmi questo premio e continuare il mio mestiere con una spinta in più”.

Intervistato da Dario Zonta, produttore e critico cinematografico, Alessandro Gassmann ha successivamente rivelato alcuni retroscena del suo essere attore e parlato del film Croce e delizia, uscito nelle sale questo inverno e proiettato durante la serata, una commedia sociale sul tema dell’omosessualità, dell’omofobia e dei rapporti familiari.

“Sono quasi trentacinque anni che faccio questo mestiere – dice Gassmann -. A un certo punto della mia carriera mi è venuta voglia di fare il regista. Mi piacciono i film che hanno una storia che produce emozione, sono a caccia di storie che mi facciano venire voglia di raccontarle come regista.

Quanto al mio lavoro come attore – continua Gassmann scherzando sulla sua professione – vivo nel profondo schifo di quello che faccio, è questo che mi porta a farlo da trentacinque anni. È meraviglioso non riuscire a vedermi, come quando ti fanno i filmini a casa, a Natale, e li rivedi con schifo. Vivo la mia carriera nella speranza, un giorno, di non avere schifo della mia persona e, con questo film mi ci sono avvicinato abbastanza, per questo sono felice di presentarlo questa sera.

È un film che parla di due famiglie, una di pescivendoli di cui faccio parte io e una di gente altolocata di cui fanno parte Fabrizio Bentivoglio e Jasmine Trinca nel ruolo di sua figlia, che dividono una casa durante le vacanze estive”.

Parlando del film Croce e delizia, l’attore ne racconta in breve la trama.

“Il film  – spiega Gassmann – parla d’amore e di diversità, di due uomini ultracinquantenni che scoprono di essersi innamorati e decidono di sposarsi. Ha una valenza importante perché tratta questo tema con estrema semplicità, non indicando come dobbiamo comportarci, ma mostrando come ci comportiamo solitamente. È una storia d’amore bellissima che potrebbe essere tranquillamente la storia di un uomo e una donna, o di due donne, ed essere comunque la stessa storia. Questa è la forza di Croce e delizia”.

L’incontro con l’attore termina dopo aver ricordato una scena del film che vede il suo personaggio coinvolto in un dialogo con il figlio minore.

“È il momento in cui un padre confessa una cosa ad un bambino di dodici anni che risponde con semplicità e senza pregiudizi. Non è stato legato ancora dai preconcetti e da ciò che ci viene detto”. Gassman parla con affetto della sequenza padre-figlio.

“Questo  – dichiara Gassmann – mi fa pensare che se ascoltassimo di più i giovani ci troveremmo in condizioni migliori, siamo meglio di ciò che ci viene detto e i bambini sono qui per ricordarcelo”.  

Erika Chilelli – Tusciaweb academy


 – “Viterbo è una bella città ma non si dice abbastanza…”

Multimedia: Fotogallery:  Alessandro Gassmann al Tuscia film fest – video


Condividi la notizia:
9 luglio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR