--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Così Luigi Di Maio nell'assemblea dei gruppi parlamentari alla Camera

“Salvini è disperato e parla solo di M5s, ci affidiamo a Mattarella”

Condividi la notizia:

Luigi Di Maio

Luigi Di Maio

Roma – Assemblea in corso, alla Camera, per i gruppi parlamentari del M5S. Stando a quanto riporta Repubblica, il vicepremier pentastellato Luigi Di Maio ha preso la parola. Duro il suo affondo verso l’ormai ex alleato gialloverde Matteo Salvini.

“Salvini ha aumentato il livello di attacco nei nostri confronti, ha bisogno di parlare di noi per fare notizia, è disperato – ha detto –. Spero che nella Lega si apra un dibattito sul disastro che ha compiuto in pochi giorni e in totale autonomia da Salvini”.

“Molti leghisti – ha aggiunto il vicepremier grillino – mi hanno scritto ‘non sapevamo nulla’. È colpa di Salvini e lo si vede anche da alcune interviste rilasciate da altri esponenti leghisti”.

E ancora: “Non si sa cosa sia successo tra un mojito e l’altro. Hanno aperto una crisi in spiaggia, noi la stiamo portando in parlamento perchè è il luogo democratico dove dibattere”.

Luigi Di Maio dice di non vedere alleanze alle porte e rimette la costituzione di una nuova maggioranza nelle mani del presidente della Repubblica. “Ho visto – ha chiarito – che alcuni stanno già facendo proposte a mezzo stampa su aperture ad altre forze politiche. Secondo me è profondamente sbagliato. Noi dobbiamo affidarci al presidente della Repubblica e al percorso istituzionale che vorrà delineare. Un governo Renzi, Lotti e Boschi è frutto solo delle bufale della Lega e nemmeno gli rispondiamo. Lanciano bufale per nascondere la coltellata data al paese”.

Poi la piena fiducia al presidente del Consiglio Giuseppe Conte che domani prenderà la parola in Senato. “Quello che vi chiedo di condividere oggi – ha detto Di Maio rivolto ai suoi parlamentari – è prima di tutto la piena fiducia nel discorso che farà Giuseppe Conte. Giuseppe non merita di essere trattato come in questi giorni. E neanche di essere accusato di trame segrete. È un uomo di una rettitudine che non ho mai visto in nessuno”.

Un passaggio sull’iva e il temuto aumento. “Non vogliamo che aumentino le tasse – ha concluso –. Per colpa della Lega ora c’è il rischio che aumenti l’iva. Faremo di tutto per evitare aumento dell’iva alle famiglie”.

In conclusione il riferimento al taglio dei parlamentari, calendarizzato per il 22 agosto, e all’ambiente. “Il taglio dei parlamentari deve essere un obiettivo di legislatura – ha chiarito Di Maio -. Ma non dobbiamo fermarci, dobbiamo puntare a tagliare anche gli stipendi, c’è una nostra proposta”.

E sul tema ambiente: “Non derogheremo mai la nostra battaglia per difendere l’ambiente e le future generazioni. No inceneritori, no discariche, il futuro è un’altra cosa”.

Prima dell’assemblea alla Camera Di Maio ha incontrato, a palazzo Chigi, il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, per fare il punto sulla situazione dei conti pubblici italiani.


Condividi la notizia:
19 agosto, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR