Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - La coltellata fatale allo stomaco - Il padre dell'americano accusato dell'omicidio: "Ho visto mio figlio, non riesce a darsi pace"

Carabiniere ucciso, l’autopsia: “Colpito a entrambi i fianchi”

Condividi la notizia:

Mario Cerciello Rega

Mario Cerciello Rega

Roma – Carabiniere ucciso, l’autopsia: colpito a entrambi i fianchi.

Ripetute coltellate sia al fianco destro che a quello sinistro. Poi un colpo più profondo, inferto da dietro, che ha raggiunto il vicebrigadiere Mario Cerciello Rega allo stomaco. Questo l’esito dell’autopsia che era stata disposta sul corpo del carabiniere ucciso a Roma durante un servizio in borghese.

Il carabiniere è stato ucciso da 11 coltellate. Nel frattempo Ethan Elder, il padre di Finnegan Lee Elder, il giovane americano accusato di aver accoltellato il vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, è arrivato nel carcere di Regina Coeli a Roma. Per la prima volta dall’arresto, ieri l’uomo ha avuto un colloquio con il figlio.

Stando a quanto riporta l’Ansa, il padre del ragazzo ha riferito che “il figlio non sapeva che il suo amico avesse con sé un coltello”.

L’uomo ha poi aggiunto che “il figlio non riesce a darsi pace per quello che è successo”.

“L’incontro – ha concluso – è stato molto duro per entrambi”.

 


Condividi la notizia:
1 agosto, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR