--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Capranica - L'associazione A testa alta scrive a Pietro Nocchi: "Abbia la forza e la dignità di far tornare quell'immobile patrimonio di tutti i cittadini"

“Caro sindaco, fai di tutto per salvare l’immobile della ex Mineralneri”

Condividi la notizia:

Capranica - L'ex stabilimento della Mineralneri

Capranica – L’ex stabilimento della Mineralneri

Capranica – Riceviamo e pubblichiamo – Caro sindaco,

veramente senti l’esigenza di essere ricordato come colui che ha sottratto ai capranichesi l’immobile (stabilimento ex Mineralneri) che rappresenta la storia della tua comunità?

Caro sindaco, Capranica dal dopoguerra in poi è stata identificata in tutta Italia con la Mineralneri, era un’eccellenza che ci faceva sentire orgogliosi e ci rendeva protagonisti sulla scena nazionale. Tutti noi capranichesi siamo cresciuti con il suono delle sirene che scandivano i turni di lavoro, tutti siamo cresciuti recandoci a comprare le nostre bibite in quello stabilimento, tutti eravamo fìeri di essere capranichesi quando vedevamo la pubblicità del chinotto Neri al carosello o vedevamo sull’autostrada un cartello pubblicitario della Mineralneri indicante il nome di Capranica.

Caro sindaco, non è colpa tua se lo stabilimento della Mineralneri ha chiuso, anche se, forse, l’amministrazione comunale dell’epoca (di cui tu facevi parte) avrebbe dovuto lottare per tutelare il patrimonio della tua comunità, ma è sicuramente colpa tua se consentirai a chi ha sottratto al tuo paese la sua più importante eccellenza di completare l’opera speculando su quell’immobile alle spalle e in barba ai capranichesi.

Caro sindaco, non siamo così sciocchi di pensare che l’immobile dello stabilimento ex Mineralneri debba rimanere nell’attuale degrado.

Il destino ti ha offerto una grande oppm1unità di poter dare dignità alla storia di Capranica. Ricomprando come comune l’immobile, immaginando di poterlo far tornare patrimonio di tutti i tuoi cittadini e dando a quell’impianto e al futuro del tuo paese la possibilità di essere di nuovo orgogliosi di quella struttura.

Caro sindaco, a te e alla tua maggioranza spetta la scelta, noi amando il nostro paese, la scelta l’abbiamo già fatta, tu al contrario, dovrai dimostrare al consiglio comunale, se la tua maggioranza proseguirà nel solco di chi ti ha preceduto; di chi ci ha trasformato piazza della Madonna del piano da un giardino dove amavamo incontrarci, a una distesa rada di lastre di pietra, di chi ha trasformato piazza Garibaldi da una cartolina di colori e festa in una conca degna di una periferia metropolitana.

Caro sindaco, a te la scelta, se anche lo stabilimento della Mineralneri diventerà soltanto una cartolina da esibire durante le feste estive che ci riempie il cuore di nostalgia o se avrai la forza e la dignità per farla tornare ad essere patrimonio di tutti i capranichesi.

Dicono i romani per raccontare la deturpazione della loro città: “quello che non fecero i barbari, fecero i Barberini”. Non vorremmo, caro sindaco, sabato mattina dover dire “quello che non fecero gli Anguillara, fece la giunta Nocchi”.

Per raccontare l’ennesimo impoverimento, imbruttimento, depauperamento della nostra città.

Associazione “A testa alta”


Condividi la notizia:
7 agosto, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR