--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

La lenta morte del centro storico - Ventiquattro locali in vendita o in affitto - Una strada ormai deserta con un patrimonio storico dimenticato oppure abbandonato - Anche su Palazzo Poscia c'è il cartello "vendesi" - Il racconto del ristoratore Domenico Vittori - FOTO E VIDEO

Commercio, la “strage” di via Saffi

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Viterbo – Era una delle vie del commercio più belle di Viterbo. Via Saffi. La via Condotti della città dei papi. Oggi, di quello che è stata un tempo la strada degli acquisti di lusso e qualità, quasi un simbolo, resta soltanto un pallido ricordo. 

Tutt’attorno una vera e propria “strage” di attività commerciali. I negozi ancora aperti sono 28, i locali in vendita o in affitto, dove un tempo c’erano soprattutto commercianti, sono 24. Persino sul cancello d’ingresso a Casa Poscia, splendida abitazione trecentesca lungo la via, campeggia il cartello “Vendesi”.


Viterbo - Via Saffi

Viterbo – Via Saffi


“Dal 2012, quando è iniziata la crisi nera – racconta il ristoratore Domenico Vittori -, hanno cambiato gestione e poi chiuso almeno una ventina di negozi”. In meno di 6 anni.

Domenico Vittori è in via Saffi dal 2010. La sua Spaghetteria ha più di 40 anni. Prima stava in piazza del teatro, poi Vittori ha deciso di spostarsi in via Saffi. “All’epoca – commenta – una delle vie più prestigiose”.

Oltre 320 passi e quasi cinque minuti a piedi. Tanto serve per percorrere via Saffi da un capo all’altro. Da piazza delle Erbe, che apre a corso Italia, a piazza fontana grande, che porta invece dritta a piazza del plebiscito dove ha sede l’amministrazione comunale.


Viterbo - Il ristoratore Domenico Vittori

Viterbo – Il ristoratore Domenico Vittori


Partendo da piazza delle erbe la strage delle attività commerciali è subito evidente. Guardando sia a destra che a sinistra il primo tratto della via è quasi tutto in vendita o in affitto. E lì, una volta, c’erano negozi di tutti i tipi. Negozi che hanno chiuso i battenti, probabilmente per sempre. Da piazza delle erbe fino all’altezza di via del collegio, subito dopo palazzo Gentili dove si trovano consiglio e giunta provinciale, i negozi aperti sono 7, i locali rimessi sul mercato immobiliare 11. Addirittura, tra via fontanella di Sant’Angelo e la spaghetteria di Vittori i negozi sono letteralmente scomparsi. Tra questi anche Jadicicco, storico negozio di scarpe… dal 1890. Ha preferito spostarsi al Riello.

Lungo questo tratto di strada, gli ultimi a provarci sono stati un gruppo di imprenditori romani che hanno aperto un locale, affitandone anche altri. Alla fine del 2016. Dopo pochi mesi hanno chiuso.

“I negozi – commenta Vittori – si sono spostati perché era inutile rimanere qua. La gente qui non ci passa più. E le persone non passano più da queste parti perché si sono formati poli commerciali fuori le mura. Adesso gli acquisti si fanno lì”.


Viterbo - Un negozio chiuso in via Saffi

Viterbo – Un negozio chiuso in via Saffi


Non va meglio neanche lungo il tratto di strada tra la spaghetteria e Casa Poscia. Qui i negozi aperti sono 8. I locali dove non c’è più nessuno pure. La situazione migliora, se così si può dire, tra Casa Poscia e piazza fontana grande. Tredici attività aperte e 5 locali a disposizione del miglior offerente. Da queste parti, fino a qualche tempo fa, c’era anche la sede del partito democratico. Pure quella è stata chiusa.

“Chi di dovere avrebbe dovuto dividere la città per zone – sottolinea Vittori – garantendo a tutti i commercianti la vivibilità. Permettendo agli abitanti e ai turisti di potersi muovere per tutta Viterbo. Altrimenti, come è successo, si creano soltanto zone morte e zone troppo vive”.

Uno dei negozi che ha chiuso, quand’era aperto, aveva pensato bene di scrivere una citazione di Henry Ford. “Chi smette di fare pubblicità per risparmiare soldi – disse Ford – è come se fermasse l’orologio per risparmiare tempo”. Neanche la pubblicità, nemmeno quella è servita.


Viterbo - Casa Poscia

Viterbo – Casa Poscia


Anche il patrimonio storico di via Saffi è stato abbandonato a se stesso. Significativa la guida “Tuscia. Viterbo, città dei Papi” pubblicata a cura dell’azienda di promozione turistica della provincia di Viterbo in tempi non sospetti. Nel 2009, prima ancora che iniziasse la crisi che, come ha fatto notare Vittori, ha trasformato la via in un “deserto”. Una guida per “aree”, consultabile ancora on line. A via Saffi è dedicato un trafiletto dove si parla solo di Casa Poscia. E basta. In realtà lungo la via c’è un mondo ampiamente sottovalutato. Non solo Casa Poscia, ma anche le chiese dei Santi Giacomo e Martino, la chiesa di Sant’Ignazio, oggi chiesa ortodossa, palazzo Gentili e la sala Anselmi, una volta anch’essa una chiesa, con la sua splendida facciata.


Viterbo - L'affresco distrutto in via Saffi

Viterbo – L’affresco distrutto in via Saffi


Per non parlare di stemmi, epigrafi e piccole sculture che di tanto in tanto emergono dai muri. Ci sono anche graffiti più recenti, dichiarazioni d’amore e altro risalenti agli anni ’70 del secolo scorso. Anch’esse storia cittadina. Realtà queste che, se fossero state valorizzate per tempo, avrebbero molto probabilmente attratto turisti da ogni dove. Come, ad esempio, le facciate dei palazzi medievali, in diversi casi ridotte piuttosto maluccio, e un affresco settecentesco, vicino alla scalinata che porta a via Cavour. Raffigura Cristo. L’unico volto che si vede. Tutto il resto dell’affresco è andato perduto. Distrutto da incuria e degrado. 

Dal punto di vista turistico via Saffi è stata letteralmente dimenticata.


Viterbo - I cartelli del centro commerciale naturale di via Saffi

Viterbo – I cartelli del centro commerciale naturale di via Saffi


Un tempo, circa una decina di anni fa, 33 imprese commerciali della via diedero vita a un centro commerciale naturale. “Viviamo il centro storico”, questo era il nome. Restano solo i cartelloni turistico-pubblicitari appiccicati su una vetrina. Uno di questi riporta anche i nomi delle attività che diedero vita al centro. Molte di loro nel 2011 erano ancora aperte. Oggi, quell’elenco rischia invece di trasformarsi in una lista di caduti. Il centro commerciale naturale aveva anche un sito, www.viasaffi.com, scomparso dalla rete. 


Viterbo - Palazzo Gentili

Viterbo – Palazzo Gentili


“Non credo ci sia più una via Saffi. Siamo rimasti quattro negozi, si fa per dire, e qualcuno che ha ancora il coraggio di aprire. E’ una tragedia. Uno sta aperto per onor di firma. Tutto è lasciato a se stesso, un degrado allucinante. Ormai – chiude Vittori – di via Saffi non importa più niente a nessuno”.

Daniele Camilli


Multimedia – Fotogallery: La “strage” di via Saffi – Video: Il deserto lungo via SaffiIl patrimonio storico di via SaffiLa testimonianza di Domenico Vittori 


Condividi la notizia:
6 agosto, 2019

Reportage 2 ... Gli articoli

  1. Por la libertad de Josè Pacella - Per la libertà di Josè Pacella
  2. "L'Islam è amore per la vita"
  3. Le strade che raccontano la memoria di chi non c'è più
  4. "Pasquinelli e Carloni si devono subito dimettere..."
  5. Il turismo "dimezzato" della città dei papi
  6. "Io e mio figlio siamo vivi per miracolo..."
  7. Sfiorata la strage di mamme e bambini
  8. Centoquarantadue soldati francesi sepolti "gloriosamente" lungo la Cassia...
  9. "Possiamo finalmente riavere la nostra libertà..."
  10. "Siamo intrappolati in casa da settimane per colpa di un ascensore..."
  11. "Il fuoco sembrava come una mietitrebbia..."
  12. A cena con i briganti ai piedi di Montefogliano...
  13. "Gli immigrati ci danno lavoro, mancano invece i servizi e il quartiere è dimenticato..."
  14. "La morte di Joshua richiama tutti alle nostre responsabilità..."
  15. Le porte della città vanno di male in peggio...
  16. "Avrei voluto una famiglia e dare ai miei figli tutto ciò che io non ho avuto..."
  17. "Abbiamo voluto riscattare le ex Terme Inps..."
  18. "Scegliamo di essere migliori perché si è scelto di amare..."
  19. "Dedicheremo il prossimo anno scolastico a Joshua Anyanwu..."
  20. "I soldi non ci sono... e i saldi non funzionano"
  21. Il Lazio tra le regioni con il più alto numero di morti sul lavoro, la Tuscia tra le province
  22. Vanno salvati gli affreschi dimenticati di Santa Maria delle Fortezze
  23. Venticinque milioni e mezzo di "tasse occulte" nella Tuscia
  24. Torna alla luce un fontanile del XVI secolo
  25. "Il festival di Modena avrebbe fatto meglio a invitare altre persone"
  26. Sotto "controllo" il cantiere di Belcolle
  27. "Una volta lavoravano marito e moglie, adesso la crisi si è ripresa tutto..."
  28. "Alla fine ce l'hanno cavata!"
  29. Benvenuti nella savana
  30. "E' un mese che siamo senza gas e mio marito è disabile"
  31. "La comunità islamica è parte integrante della nostra società"
  32. La battaglia di Ferento
  33. Pratogiardino Lucio Battisti nel degrado e nel più completo abbandono
  34. La città invasa dall'erba...
  35. "Le fontane erano il simbolo del buon funzionamento del comune"
  36. "Sui diritti umani non si può abbassare la guardia"
  37. Il tempo delle ciliegie vince quello della pioggia
  38. Gli studenti del Ruffini "processano" la violenza di genere
  39. "Viviamo in un paese dove associazioni a delinquere fasciste tentano di dividere i poveri..."
  40. "Sono quattro mesi che siamo "carcerati"..."
  41. Piazza del comune gremita per costruire una città migliore
  42. "Non parlava con nessuno, abitava qui e ogni tanto prendeva l'auto della donna con cui viveva"
  43. "Mezzetti ha offeso le forze armate, ha fatto bene il generale Riccò a lasciare la cerimonia"
  44. "Se non mi spiegano dove ho offeso l'esercito, sono dei cialtroni e dei mascalzoni..."
  45. "C'hanno messo una crocetta e quel tedesco sul terreno nostro è sotterrato..."
  46. "Il tempo com'è, bono o cattivo, noi venimo sempre qui da Pucciarella..."
  47. La "faccia" sporca della città
  48. Una linea d'abbigliamento e un logo per rafforzare l'identità della scuola
  49. La Pasqua al rallentatore nella città dei papi
  50. La processione del Cristo morto illumina Bagnaia
  51. "Frammenti di vita per riuscire a stare insieme..."
  52. "Chi ha fatto del male pagherà..."
  53. "Va fatto un restauro complessivo di tutte le fontane storiche e monumentali"
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR