--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - Gli operatori: "Stagione sottotono rispetto a quella dello scorso anno" - Male le località di mare, meglio i laghi

“Estate nella Tuscia, in calo i turisti”

Teverina-Buskers-560x60-sett-19

Condividi la notizia:

Tarquinia lido

Tarquinia lido

La spiaggia di Montalto Marina

La spiaggia di Montalto Marina

Lago di Vico

Lago di Vico

Vista del lago di Bolsena

Vista del lago di Bolsena

Viterbo – Turismo estivo nella Tuscia: male le località di mare, meglio i laghi di Vico e Bolsena. Ma anche qui si registra un calo di presenze rispetto al 2018. Gli operatori turistici: “Quest’anno abbiamo perso gli incassi di maggio e di giugno a causa del maltempo. Una ripresa c’è stata a luglio e ad agosto, ma non è riuscita a compensare le perdite dei due mesi precedenti”.

Marzia Marzoli, presidente del Sib di Tarquinia e responsabile del Tibidabo, non usa mezzi termini. “La stagione – dice – è iniziata malissimo. A maggio e a giugno le prenotazioni sono state poche a causa del maltempo, con presenze di turisti last minute. Abbiamo lavorato malissimo, perché con le presenze improvvisate non sai mai come organizzarti. Rispetto allo scorso anno, abbiamo registrato perdite anche a luglio. Ad agosto, invece, i turisti sono aumentati, ma comunque non riusciremo a compensare quanto abbiamo perso nei mesi precedenti”.

Marzoli lamenta “un picco troppo alto di presenze durante la domenica e un picco troppo basso nel resto della settimana. A livello di incassi – rivela -, zero spaccato a maggio e a giugno. Luglio e agosto, invece, sono stati più o meno in linea con quelli del 2018. I turisti? Quelli stranieri sono aumentati del 20%, ma anche loro vengono solo per un giorno. La maggior parte sono russi, tedeschi e francesi”.

Tanti tedeschi e francesi anche al campeggio Europing di Tarquinia. A cui si aggiungono olandesi e polacchi e turisti da Roma, dall’Umbria e dalla bassa Toscana. “La maggior parte – racconta l’amministratore del camping Alessandro Sampietro – vengono in camper o soggiornano nelle case mobili. Anche noi, rispetto allo scorso anno, abbiamo registrato un leggero calo di presenze. Del 10% circa. Maggio e giugno a causa del maltempo sono stati i mesi peggiori della stagione. Ora, invece, siamo più o meno in linea con il 2018. In questa settimana di Ferragosto siamo pieno, e abbiamo prenotazioni ancora fino al 24 e, fortunatamente, dovremmo lavorare anche a settembre”.

La stessa situazione di Tarquinia lido la si trova a Montalto Marina. Anche per Maurizio Eleuteri del camping Pionier etrusco “il periodo primaverile è stato quasi inesistente, con un luglio invece in ripresa. Ma – dice – è stata una ripresa soft. L’andamento della stagione è stato compromesso dal maltempo di maggio e di giugno e dalla crisi economica generale. Le prenotazioni non superano i sette giorni e mancano le famiglie. Il turismo giovanile, invece, si vede solo durante il weekend”.

Per semplificare. “A maggio – conclude Eleuteri – c’è stato un calo di presenze del 60% e a giugno del 30/40%. A luglio, invece, il livello è stato quasi uguale a quello del 2018. Mentre nei primi quindici giorni di agosto c’è stato un netto aumento rispetto allo scorso anno. Ma la ripresa è stata blanda, e comunque non siamo riusciti a compensare le perdite dei mesi precedenti”.

Meglio delle località di mare sembrano fare i laghi di Vico e di Bolsena. Ma anche qui i problemi non mancano. “Rispetto al 2018, abbiamo subito un calo del 5% – afferma Luigi Cozza Caposavi del camping Valdisole a Bolsena -. Le cause? Sicuramente hanno influito il maltempo, problemi con la balneazione del lago e con l’utilizzo e l’ormeggio delle imbarcazioni. Le prenotazioni non superano i dieci giorni, e i turisti sono quasi tutti stranieri. Soprattuto tedeschi e olandesi”.

Fortunati, invece, al Riva Felice di Ronciglione, sul lago di Vico. “La stagione – esulta il responsabile – sta andando molto bene. Abbiamo addirittura registrato un migliormento rispetto alle presenze dello scorso anno. Da noi vengono tanti romani e turisti stranieri. Olandesi, svedesi e norvegesi su tutti”.


Condividi la notizia:
17 agosto, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR