--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bomarzo - La neosposa lo segnala su Facebook per chiedere aiuto a chiunque abbia visto qualcosa

Gli svaligiano casa mentre è al matrimonio della figlia

Condividi la notizia:

Bomarzo

Bomarzo

Bomarzo – Gli svaligiano casa mentre è al matrimonio della figlia.

Era convinto che quello potesse essere uno dei giorni più belli della sua vita, quello in cui doveva preoccuparsi soltanto di portare all’altare sua figlia senza commuoversi troppo. Invece, una volta rientrato a casa, ha fatto la brutta scoperta: l’abitazione era stata svaligiata dai ladri che hanno avuto tutto il tempo di mettere a segno il colpo.

A segnalarlo su Facebook è stata la stessa sposa che ha chiesto ai suoi amici e conoscenti di far girare la notizia affinché se qualcuno possa aver visto qualcosa si faccia vivo, oppure lo segnali alle forze dell’ordine.

Il fatto è successo a Bomarzo, nella notte di sabato 10 agosto.

“Durante i festeggiamenti del mio matrimonio più precisamente dalle 21 alle 12,30 circa – scrive su Facebook la neosposa – sono entrati dei ladri a casa di mio padre (zona Vigna della Corte, proprio davanti alla palestra). Portavano con sé una scala abbastanza lunga che poi hanno lasciato sul giardino e un frullino con il quale hanno aperto due cassaforti facendo anche abbastanza rumore. Essendo una zona frequentata da gente che passeggia di sera con cani e bambini vi chiedo una mano: chiunque abbia visto o sentito qualcosa di strano mi può contattare in privato o farlo presente direttamente ai carabinieri di Bomarzo. Grazie per l’aiuto”.


Condividi la notizia:
13 agosto, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR