--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - I rappresentanti della delegazione Svp, Patt e Uv al termine del colloquio al Colle - Proseguono le consultazioni al Quirinale

“Gruppo Autonomie, sì a governo M5s-Pd”

Condividi la notizia:

Roma - Il gruppo per le Autonomie nella conferenza stampa dopo il colloquio al Quirinale

Roma – Il gruppo per le Autonomie nella conferenza stampa dopo il colloquio al Quirinale

Roma - Elisabetta Casellati e il presidente della Repubblica

Roma – Elisabetta Casellati e il presidente della Repubblica

Roma - Roberto Fico e il presidente della Repubblica

Roma – Roberto Fico e il presidente della Repubblica

Roma - Il gruppo per le Autonomie al Quirinale

Roma – Il gruppo per le Autonomie al Quirinale

Roma - Il gruppo misto al Quirinale

Roma – Il gruppo misto al Quirinale

Roma – “Gruppo Autonomie, sì  a governo M5s-Pd”. I rappresentati del gruppo parlamentare delle Autonomie, guidato da Juliane Unterberger, si dichiarano favorevoli ad appoggiare un possibile esecutivo M5s – Pd.

Giornata di consultazioni al Colle. Tra oggi e domani il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, incontrerà diversi rappresentanti dei partiti. I colloqui sono iniziati alle 16. Tra gli ultimi incontri quello con il gruppo parlamentare per le autonomie. 

Alla fine del colloquio la delegazione (Svp, Patt e Uv), guidata da da Juliane Unterberger (Svp), ha aperto un primo spiraglio per un possibile nuovo governo. “Siamo intenzionati ad appoggiare un nuovo progetto che nascerà – ha affermato la senatrice Juliane Unterberger -.Una buona ipotesi sarebbe anche un Conte bis, con una maggioranza diversa, purché abbia una vocazione europeista”.

E poi l’impossibilità di andare alle urne: “Sarebbe grave per il bilancio economico del paese andare al voto adesso”.

Il primo colloquio politico ha quindi dato esito positivo per la nascita di un nuovo esecutivo e non ha escluso che Giuseppe Conte possa rimanere al suo posto di presidente del Consiglio. 

La giornata e gli incontri stanno comunque proseguendo. Per primi, alle 16, sono saliti al Colle i presidenti del Senato e della Camera. Elisabetta Casellati ha tenuto un colloquio di 15 minuti. Roberto Fico si è trattenuto per poco più di mezz’ora. Entrambi non hanno rilasciato dichiarazioni. 

Dopo il gruppo per le Autonomie, Sergio Mattarella ha incontrato il gruppo misto del Senato, quello della Camera e Liberi Uguali della Camera.

Il gruppo misto del Senato si è dichiarato concorde nell’appoggiare un governo di legislatura per evitare il voto.

La prima a parlare è stata Loredana De Petris (Si). “Ci possono essere le condizioni per un governo politico, non breve, non di transizione – ha detto -. Riteniamo questa idea di voto anticipato precipitoso pericolosa per il paese. Si rischierebbe, per molte forze politiche, di non potere neanche presentare le liste. Se si vuole e si fa tutti uno sforzo, noi, Pd e M5s si può riuscire, non basandosi solo sui numeri ma su idee chiare, a stabilire 4-5 punti di contenuti per un governo di legislatura”.

Sulla stessa linea anche Emma Bonino (+ Europa) che ha aggiunto: “Serve un governo autorevole del fare ma anche del disfare, che elimini alcune leggi inaccettabili come il decreto sicurezza”.

E Pietro Grasso (Leu) concorda: “Ci vuole un po’ di coraggio per andare avanti e garantire un futuro della legislatura molto concreto”.

Tutti i componenti del gruppo Misto hanno aggiunto di non essere stati ancora convocati a nessun tavolo per chiedere il loro sostegno a un possibile governo.


Condividi la notizia:
21 agosto, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR