--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tarquinia - Nel degrado l’area esterna dell’edificio, accanto a uno dei belvedere più panoramici del centro storico

La chiesa di San Giacomo imbrattata dalle scritte

Condividi la notizia:

Chiesa di San Giacomo a Tarquinia

Chiesa di San Giacomo a Tarquinia

Scritte sulle mura della chiesa di San Giacomo a Tarquinia

Scritte sulle mura della chiesa di San Giacomo

Scritte sulle mura della chiesa di San Giacomo

Scritte sulle mura della chiesa di San Giacomo

Scritte sulle mura della chiesa di San Giacomo

Scritte sulle mura della chiesa di San Giacomo

Butto pieno di rifiuti

Butto pieno di rifiuti

Tarquinia – La chiesa di San Giacomo imbrattata dalle scritte.

Sorge isolata nella parte alta del centro storico di Tarquinia. Da lì si ammira uno dei panorami più belli. Da una parte la valle del fiume Marta e le colline della Tuscia. Dall’altra il mar Tirreno e il monte Argentario. La piccola chiesa di San Giacomo è una delle bellezze architettoniche del centro storico.

Ma incuria e degrado la fanno da padroni. Numerose scritte, fatte con le bombolette spray, imbrattano l’abside e le mura esterne. Mentre bottiglie di plastica e vetro riempiono il fondo dei butti. Questo nonostante una ringhiera che dovrebbe impedire l’accesso all’area, a strapiombo sulla valle del Marta.

La chiesa di San Giacomo risale al XII secolo ed è in stile romanico. Sconsacrata alla fine del XVIII secolo, è stata poi adibita a cappella del cimitero pubblico. Una piccola cupola a pianta ellittica di derivazione araba la caratterizza.

Spesso l’edificio viene usato per mostre e manifestazioni culturali. Gli atti vandalici sono ricorrenti. Più volte le varie amministrazioni comunali sono intervenute per far ripulire le pareti. Il problema però non è mai stato risolto definitivamente. Sebbene sia uno dei luoghi più suggestivi della città etrusca.  

Daniele Aiello Belardinelli


Condividi la notizia:
14 agosto, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR