Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il baritono di fama internazionale e consigliere comunale Alfonso Antoniozzi tra i protagonisti dell'apertura della stagione di uno dei teatri più importanti al mondo - Il 7 dicembre a Milano, quando andrà in scena Tosca di Puccini

“La Scala mi ha chiesto di far parte del cast di inaugurazione”

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:

Viterbo – “Mi ha telefonato la Scala e mi ha chiesto se volevo far parte del cast di inaugurazione”. Così, con nonchalance. Alfonso Antoniozzi, consigliere comunale di Viterbo ma innanzitutto cantante lirico di fama internazionale, sarà tra i protagonisti che apriranno la nuova stagione della Scala di Milano il prossimo 7 dicembre quando andrà in scena Tosca, opera lirica in tre atti di Giacomo Puccini. La Scala è uno dei teatri più importanti al mondo.

“Faccio il sagrestano – dice il baritono Antoniozzi – l’unico ruolo buffo di tutta Tosca. Un atto. Sono contento di tornare perché sono 20 anni che non canto in quel teatro. Considerando che ho 55 anni e che non continuerò a fare questo mestiere per altri 55, devo dire che sono soddisfatto. Anzi, decisamente contento. Un modo per chiudere il cerchio”.


Viterbo - Alfonso Antoniozzi e Chiara Frontini

Viterbo – Alfonso Antoniozzi 


Quello di una carriera brillante. Iniziata anni fa, quando Antoniozzi venne notato da Andrea Anson, all’epoca manager della Columbia, al Maggio musicale fiorentino dove interpretava appunto il sacrestano nella Tosca, sotto la direzione di Zubin Mehta. All’epoca Antoniozzi venne segnalato anche a Lotfi Mansouri, allora General Manager della San Francisco Opera dove canterà per otto anni, interpretando per due volte Leporello, con Samuel Ramey e Dimitri Hvorostovsky come Don Giovanni, Taddeo, con Marilyn Horne, Bartolo, con Frederica Von Stade, Melitone nella Forza del Destino, e i sette personaggi di Death in Venice di Benjamin Britten. Alfonso Antoniozzi è stato inoltre ospite al Metropolitan di New York, così come in diversi altri teatri statunitensi.


Viterbo - Alfonso Antoniozzi

Viterbo – Alfonso Antoniozzi


Alla Scala di Milano ha invece debuttato nel 1993 debutta come Schaunard nella Boheme, quella dello storico allestimento di Franco Zeffirelli. Alla Scala Antoniozzi resterà ininterrottamente fino ai primi anni del duemila.

Attualmente Antoniozzi insegna arte scenica presso i conservatori di Cesena e Trapani e arte del recitativo alla facoltà di MusikTheater dell’Università di Graz in Austria.


Milano - Il teatro alla Scala

Milano – Il teatro alla Scala


Tosca è un’opera lirica in tre atti di Giacomo Puccini, su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica. La prima rappresentazione si tenne a Roma, al Teatro Costanzi, il 14 gennaio 1900. La trama dell’opera si svolge a Roma durante gli avvenimenti della rivoluzione in Francia e la caduta della prima Repubblica Romana. In una data ben precisa, sabato 14 giugno 1800. Il giorno della Battaglia di Marengo tra le truppe francesi dell’Armata di riserva, guidate dal primo console Napoleone Bonaparte e l’esercito austriaco comandato dal generale Michael von Melas. Vinse Napoleone, ripristinando il predominio francese in Italia.

Il 7 dicembre Tosca, interpretata da Anna Netrebko, sarà diretta da Riccardo Chailly per la regia di Davide Livermore.

Daniele Camilli


Condividi la notizia:
8 agosto, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR