--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Piccoli monumenti dedicati a chi ha lasciato la vita in incidenti stradali

Le strade che raccontano la memoria di chi non c’è più

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:


Viterbo – I morti si contano. Soprattutto per strada. Una memoria diffusa. La cimina, la vetrallese, la cassia. Incidenti dove qualcuno ha perso la vita ricordati da fiori e piccoli monumenti a ricordo.

Lungo la via. A fare da contro canto alla sepoltura. Il luogo dove riposano. Il luogo dove sono andati incontro alla fine. Come se l’anima, oppure parte d’essa, fosse ancora lì conservata. La sua immagine. Come se fosse in parte intrappolata. 




Le strade della memoria

Le strade della memoria


Lungo la via il ricordo. Fin dal passato, quando lungo la cassia s’incontravano i mausolei, oggi ancora visibili i ruderi. Oppure i cimiteri urbani, in città fino all’editto di Napoleone che li spostò fuori, per tornare di nuovo ad essere parte integrante del tessuto urbano più di recente. Nelle città che contano, veri e propri quartieri circondati da mura, come il Verano a Roma.


Fotoracconto: Le strade della memoria


Le lapidi in strada sono l’altro lato della medaglia della sepoltura quanto la morte è stata violenta e prematura. Come ogni morte violenta. Quasi fosse una guerra, quella del motore che soltanto sull’asfalto si manifesta. E arrivare la morte, a volte inspiegabile, dovuta a distrazione.


Le strade della memoria

Le strade della memoria


Questi piccoli templi che di volta in volta incontriamo ricordano una vita spezzata. Un monito per chi percorre la strada. Il libro dei morti. Un po’ come il cimitero di Massimiliano Fuksas a Civita Castellana. Su palafitte che, per quel che ne resta, mostrano cassetti e valigie aperte. C’è sempre qualcosa in disordine, lasciato indietro. Quando si muore. Qualcuno che aspetta a pranzo. A casa. O al ritorno da una festa. Una maglietta della Lazio. E soprattutto i fiori. Lasciati lì a resistere, a ricordare. Col tempo che passa e qualche ricordo lasciato lì che scompare.


Le strade della memoria

Le strade della memoria


A volte basta spostare un pò l’erba sul ciglio della carreggiata. Per trovare il monumento a un ragazzo morto in moto nell’84, tanti anni fa. Tra Cura e Tre Croci, vicino Vetralla. I morti d’incidente lungo la Cimina, che quest’anno sono stati tanti. Il mazzo sul guardrail tra Fabrica e Vignanello. La cassia, uno appresso all’altro. Fino a una decina d’anni fa, prima del bivio per il lago Di Vico, i monumenti a figli defunti erano almeno cinque. Su uno, a ridosso di una cisterna romana, stava anche la bandiera albanese col simbolo di Scanderbeg, Giorgio Castriota che nel XV secolo tenne testa ai turchi.


Le strade della memoria

Le strade della memoria


Monumenti che ciascun comune potrebbe fare propri. Potrebbe, basterebbe una delibera d’intenti, dichiararli parte della propria memoria e tutelarli. Ogni tanto, aiutando le famiglie, sistemarli. Come figli che gli sono appartenuti.

Daniele Camilli 


Condividi la notizia:
21 agosto, 2019

Reportage 2 ... Gli articoli

  1. Por la libertad de Josè Pacella - Per la libertà di Josè Pacella
  2. "L'Islam è amore per la vita"
  3. "Pasquinelli e Carloni si devono subito dimettere..."
  4. Il turismo "dimezzato" della città dei papi
  5. "Io e mio figlio siamo vivi per miracolo..."
  6. Sfiorata la strage di mamme e bambini
  7. Commercio, la "strage" di via Saffi
  8. Centoquarantadue soldati francesi sepolti "gloriosamente" lungo la Cassia...
  9. "Possiamo finalmente riavere la nostra libertà..."
  10. "Siamo intrappolati in casa da settimane per colpa di un ascensore..."
  11. "Il fuoco sembrava come una mietitrebbia..."
  12. A cena con i briganti ai piedi di Montefogliano...
  13. "Gli immigrati ci danno lavoro, mancano invece i servizi e il quartiere è dimenticato..."
  14. "La morte di Joshua richiama tutti alle nostre responsabilità..."
  15. Le porte della città vanno di male in peggio...
  16. "Avrei voluto una famiglia e dare ai miei figli tutto ciò che io non ho avuto..."
  17. "Abbiamo voluto riscattare le ex Terme Inps..."
  18. "Scegliamo di essere migliori perché si è scelto di amare..."
  19. "Dedicheremo il prossimo anno scolastico a Joshua Anyanwu..."
  20. "I soldi non ci sono... e i saldi non funzionano"
  21. Il Lazio tra le regioni con il più alto numero di morti sul lavoro, la Tuscia tra le province
  22. Vanno salvati gli affreschi dimenticati di Santa Maria delle Fortezze
  23. Venticinque milioni e mezzo di "tasse occulte" nella Tuscia
  24. Torna alla luce un fontanile del XVI secolo
  25. "Il festival di Modena avrebbe fatto meglio a invitare altre persone"
  26. Sotto "controllo" il cantiere di Belcolle
  27. "Una volta lavoravano marito e moglie, adesso la crisi si è ripresa tutto..."
  28. "Alla fine ce l'hanno cavata!"
  29. Benvenuti nella savana
  30. "E' un mese che siamo senza gas e mio marito è disabile"
  31. "La comunità islamica è parte integrante della nostra società"
  32. La battaglia di Ferento
  33. Pratogiardino Lucio Battisti nel degrado e nel più completo abbandono
  34. La città invasa dall'erba...
  35. "Le fontane erano il simbolo del buon funzionamento del comune"
  36. "Sui diritti umani non si può abbassare la guardia"
  37. Il tempo delle ciliegie vince quello della pioggia
  38. Gli studenti del Ruffini "processano" la violenza di genere
  39. "Viviamo in un paese dove associazioni a delinquere fasciste tentano di dividere i poveri..."
  40. "Sono quattro mesi che siamo "carcerati"..."
  41. Piazza del comune gremita per costruire una città migliore
  42. "Non parlava con nessuno, abitava qui e ogni tanto prendeva l'auto della donna con cui viveva"
  43. "Mezzetti ha offeso le forze armate, ha fatto bene il generale Riccò a lasciare la cerimonia"
  44. "Se non mi spiegano dove ho offeso l'esercito, sono dei cialtroni e dei mascalzoni..."
  45. "C'hanno messo una crocetta e quel tedesco sul terreno nostro è sotterrato..."
  46. "Il tempo com'è, bono o cattivo, noi venimo sempre qui da Pucciarella..."
  47. La "faccia" sporca della città
  48. Una linea d'abbigliamento e un logo per rafforzare l'identità della scuola
  49. La Pasqua al rallentatore nella città dei papi
  50. La processione del Cristo morto illumina Bagnaia
  51. "Frammenti di vita per riuscire a stare insieme..."
  52. "Chi ha fatto del male pagherà..."
  53. "Va fatto un restauro complessivo di tutte le fontane storiche e monumentali"
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR