--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Il salvataggio è stato effettuato dalla guardia di finanza - Nel frattempo la Open arms si potrebbe dirigere verso le Baleari

Migranti, nuovo sbarco a Lampedusa

Teverina-Buskers-560x60-sett-19

Condividi la notizia:

Unità navale della guardia di finanza

Unità navale della guardia di finanza

Lampedusa – E’ in corso un nuovo sbarco di migranti sull’isola di Lampedusa. Una motovedetta della guardia di finanza ha salvato un gruppo di persone e le ha trasbordate sulla sua imbarcazione per poi portarle sulla costa. 

Nel frattempo la situazione riguardante la Open arms si complica. La Spagna in un primo momento aveva offerto un porto per lo sbarco, indicando quello di Algeciras.

Per la ong spagnola l’offerta non era da prendere in considerazione perché ci sarebbe voluto troppo tempo per raggiungere quel porto e la situzione a bordo della nave non lo avrebbe permesso. 

Così la seconda offerta. il premier Pedro Sanchez ha indicato un altro porto, quello di Minorca nelle Baleari.

Sembrerebbe che la Open arms abbia accettato questa soluzione, ma chiede tutele da entrambi i paesi, Italia e Spagna.  “Dopo 18 giorni di stallo, Italia e Spagna sembrano finalmente aver trovato un accordo, decisione che ci appare del tutto incomprensibile – dice Riccardo Gatti, presidente di Open Arms – Con la nostra imbarcazione a 800 metri dalla costa di Lampedusa, gli Stati europei stanno chiedendo a una piccola Ong come la nostra di affrontare 590 miglia e tre giorni di navigazione in condizioni metereologiche peraltro avverse, con 107 persone stremate a bordo e 19 volontari molto provati che da più di 24 giorni provano a garantire quei diritti che l’Europa nega”

Riccardo Gatti chiede poi le tutele. “Se davvero un accordo è stato trovato – aggiunge – è indispensabile che Italia e Spagna si assumano la responsabilità di garantire, mettendo a dispozione tutti i mezzi necessari, che queste persone finalmente sbarchino in un porto sicuro”.

La Open Arms potrebbe quindi dirigersi verso le Baleari, accompagnata da navi della guardia costiera italiana messe ieri a disposizione dal ministro Toninelli. 


Condividi la notizia:
19 agosto, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR