--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Vetralla - Leccio secolare crollato sull'area giochi - Monia Napoleone racconta i drammatici momenti che l'hanno vista protagonista - Lei e la sua amica stavano sedute su una panchina - Il bambino di 9 anni era invece sceso da poco dallo scivolo dove si è abbattuto un ramo - FOTO E VIDEO

“Io e mio figlio siamo vivi per miracolo…”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:


Vetralla – Lei, la sua amica e il figlio non sono stati schiacciati dal leccio caduto alla villa di Vetralla per puro caso. Un colpo di fortuna. Una pura casualità.

Lei si chiama Monia Napoleone e il 13 agosto stava tranquillamente seduta su una panchina del parco comunale a tener d’occhio i figli quando il leccio all’ingresso del parco dedicato a Pietro Canonica è venuto giù prendendo in pieno una panchina e lo scivolo dei bambini. Sotterrando Monia e la sua amica sotto una marea di rami e foglie. Ferendole. Tant’è vero che sono dovute andare all’ospedale dove gli sono state fatte tac e lastre riscontrando a entrambe diverse contusioni sul corpo.


Vetralla - Albero caduto alla Villa

Vetralla – Albero caduto alla Villa


Una tragedia sfiorata. Una strage che per poco non ha coinvolto mamme e bambini. Martedì 13 agosto. Quando all’improvviso, attorno alle 18, nel pieno della festa di Sant’Ippolito, un leccio secolare è crollato addosso all’area giochi del parco comunale.

“Io e la mia amica – racconta Monia Napoleone – eravamo sedute sulla panchina di legno. C’era la processione, aspettavamo quella. E, come facciamo tutti i giorni, portato i bambini alla villa. Ci siamo messe sedute sulla panchina come sempre, come tantissime mamme fanno. Io, la mia amica e mio figlio siamo vivi per miracolo”.


Vetralla - Albero caduto alla Villa

Vetralla – Albero caduto alla Villa


Monia ha 39 anni due figli. Una ragazza di 12 anni e un bambino di 9. Vive a Vetralla da 15, da quando s’è sposata. La sua amica, 42 anni, ha una femmina. Sempre di 12 anni.

“A un certo punto – racconta la signora Napoleone – abbiamo sentito uno scricchiolio forte. Il tempo di alzare gli occhi per capire da dove arrivava il rumore e ci siamo visti venire addosso il leccio. Ci siamo trovate in mezzo ai rami. L’istinto è stato quello di scappare, con la mia amica che gridava il nome del figlio che stava sullo scivolo. Ci siamo trovate sommerse da rami e foglie senza renderci immediatamente conto di quello che era successo. Più mi muovevo e più mi incastravo tra i rami”.

Tutt’att0rno, il caos. “Quando le persone si sono rese conto della situazione, si sono buttate in mezzo ai rami a cercare i figli”.


Vetralla - Albero caduto alla Villa

Vetralla – Albero caduto alla Villa


Primo colpo di fortuna. Di solito Monia e la sua amica si siedono sulla panchina di ferro che è stata presa in pieno dall’albero. Piegata in due.

“Martedì – prosegue il racconto Monia – abbiamo deciso di cambiare panchina. Normalmente ci sediamo su quella dove è crollato il leccio, perché abbiamo le figlie più grandi che fanno avanti e indietro dal parco. E da quella panchina vediamo bene cosa fanno. Quel giorno, invece, davanti alla panchina dove ci mettiamo c’era il gonfiabile e abbiamo deciso di cambiare per stare più comode. Tanto i figli, proprio perché passava la processione, stavano lì intorno”.


Vetralla - Lo scivolo colpito dal leccio crollato

Vetralla – Lo scivolo colpito dal leccio crollato


Seconda casualità. I figli. I loro. E quelli degli altri. “Nella zona dove stanno i giochi e le giostre – sottolinea Monia Napoleone – ci saranno stati una ventina di bambini. Poco prima che la pianta cadesse si sono spostati per vedere passare la processione e gli sbandieratori. Mio figlio però è rimasto. E appena un istante prima si era spostato dallo scivolo all’altalena. Quando l’albero è crollato stava sull’altalena. Mia figlia e quella della mia amica davanti al bar che sta a pochi metri. Dove è caduto l’albero c’era anche un bambino di due anni, sempre vicino alle altalene. Se l’albero fosse caduto la sera prima, quando c’era i fuochi, o in un qualsiasi altro giorno…poteva esserci una strage, un massacro”.


Vetralla - La panchina colpita dal leccio crollato

Vetralla – La panchina colpita dal leccio crollato


Terzo colpo di fortuna. “Un altro bambino – ricorda Monia – stava invece sotto la struttura dello scivolo. Sotto al piccolo ponte in legno”.


Vetralla - Il leccio crollato sui giochi dei bambini

Vetralla – Il leccio crollato sui giochi dei bambini


I primi soccorsi. “Quando siamo riuscite a uscire fuori – ha detto la signora Napoleone – c’era un uomo della protezione civile che stava cercando di scansare i rami per farci venire fuori. Una volta uscite, le persone che stavano lì attorno avevano trovato i nostri figli, mettendoceli davanti. Solo a quel punto ci siamo rasserenate. La mia amica aveva il sangue sullo stinco, il piede gonfio e la fronte scorticata. A me faceva male il ginocchio e la spalla, e avevo una botta sulla fronte. Poi ci hanno fatto sedere sulla panchina e ci hanno portato il ghiaccio”.

A quel punto, chi era presente,”ha chiamato subito subito il 118. Sono arrivati e ci hanno guardato. Dopo se ne sono andati e sono ritornati successivamente. Poi è arrivato un carabiniere che ha chiamato nuovamente l’ambulanza che ci ha portato a Belcolle dove c’hanno fatto la tac alla testa e le lastre. A me al piede e alla mia amica alla spalla”.


Vetralla - Il leccio crollato sui giochi dei bambini

Vetralla – Il leccio crollato sui giochi dei bambini


Pare inoltre che qualcuno si sia messo anche a litigare. “E’ tanto che si dice che quella pianta fosse secca – aggiunge Monia Napoleone -. Tant’è vero che quando è venuta giù una signora si è messa a litigare con un’altra persona che non conosco gridandogli: ‘Ecco, l’ho detto tante volte. Avete aspettato che cascasse giù!’. Qualcun altro le ha risposto: ‘Ma state zitta!”. A quel punto si sono messi a litigare. Gli stessi carabinieri sono andati a calmare la situazione. Si vedeva che quella pianta era malata. Molte mamme lo avevano sottolineato più volte. Ma non è stato fatto mai niente”.


Vetralla - Il leccio crollato sui giochi dei bambini

Vetralla – Il leccio crollato sui giochi dei bambini


“E’ stato un momento di panico – conclude infine Monia -, un incubo. Io quando ne parlo, ancora tremo”.

Daniele Camilli


 Multimedia – Fotocronaca: Il crollo del leccioIl leccio crollato sui giochi dei bambiniIl secondo leccio in fin di vita – Video: Il leccio che poteva fare una strageLa seconda pianta a rischioL’intervento del presidente del consiglio Pietro Carloni

Articoli: Sfiorata la strage di mamme e bambini – Crolla leccio secolare nel parco cittadino, ferite due donne – Movimento cinque stelle: “L’ultima perizia su quell’albero è del 2015”  – Sfiorata la tragedia a Vetralla, crolla leccio secolare nella villa comunale


Condividi la notizia:
16 agosto, 2019

Reportage 2 ... Gli articoli

  1. Por la libertad de Josè Pacella - Per la libertà di Josè Pacella
  2. "L'Islam è amore per la vita"
  3. Le strade che raccontano la memoria di chi non c'è più
  4. "Pasquinelli e Carloni si devono subito dimettere..."
  5. Il turismo "dimezzato" della città dei papi
  6. Sfiorata la strage di mamme e bambini
  7. Commercio, la "strage" di via Saffi
  8. Centoquarantadue soldati francesi sepolti "gloriosamente" lungo la Cassia...
  9. "Possiamo finalmente riavere la nostra libertà..."
  10. "Siamo intrappolati in casa da settimane per colpa di un ascensore..."
  11. "Il fuoco sembrava come una mietitrebbia..."
  12. A cena con i briganti ai piedi di Montefogliano...
  13. "Gli immigrati ci danno lavoro, mancano invece i servizi e il quartiere è dimenticato..."
  14. "La morte di Joshua richiama tutti alle nostre responsabilità..."
  15. Le porte della città vanno di male in peggio...
  16. "Avrei voluto una famiglia e dare ai miei figli tutto ciò che io non ho avuto..."
  17. "Abbiamo voluto riscattare le ex Terme Inps..."
  18. "Scegliamo di essere migliori perché si è scelto di amare..."
  19. "Dedicheremo il prossimo anno scolastico a Joshua Anyanwu..."
  20. "I soldi non ci sono... e i saldi non funzionano"
  21. Il Lazio tra le regioni con il più alto numero di morti sul lavoro, la Tuscia tra le province
  22. Vanno salvati gli affreschi dimenticati di Santa Maria delle Fortezze
  23. Venticinque milioni e mezzo di "tasse occulte" nella Tuscia
  24. Torna alla luce un fontanile del XVI secolo
  25. "Il festival di Modena avrebbe fatto meglio a invitare altre persone"
  26. Sotto "controllo" il cantiere di Belcolle
  27. "Una volta lavoravano marito e moglie, adesso la crisi si è ripresa tutto..."
  28. "Alla fine ce l'hanno cavata!"
  29. Benvenuti nella savana
  30. "E' un mese che siamo senza gas e mio marito è disabile"
  31. "La comunità islamica è parte integrante della nostra società"
  32. La battaglia di Ferento
  33. Pratogiardino Lucio Battisti nel degrado e nel più completo abbandono
  34. La città invasa dall'erba...
  35. "Le fontane erano il simbolo del buon funzionamento del comune"
  36. "Sui diritti umani non si può abbassare la guardia"
  37. Il tempo delle ciliegie vince quello della pioggia
  38. Gli studenti del Ruffini "processano" la violenza di genere
  39. "Viviamo in un paese dove associazioni a delinquere fasciste tentano di dividere i poveri..."
  40. "Sono quattro mesi che siamo "carcerati"..."
  41. Piazza del comune gremita per costruire una città migliore
  42. "Non parlava con nessuno, abitava qui e ogni tanto prendeva l'auto della donna con cui viveva"
  43. "Mezzetti ha offeso le forze armate, ha fatto bene il generale Riccò a lasciare la cerimonia"
  44. "Se non mi spiegano dove ho offeso l'esercito, sono dei cialtroni e dei mascalzoni..."
  45. "C'hanno messo una crocetta e quel tedesco sul terreno nostro è sotterrato..."
  46. "Il tempo com'è, bono o cattivo, noi venimo sempre qui da Pucciarella..."
  47. La "faccia" sporca della città
  48. Una linea d'abbigliamento e un logo per rafforzare l'identità della scuola
  49. La Pasqua al rallentatore nella città dei papi
  50. La processione del Cristo morto illumina Bagnaia
  51. "Frammenti di vita per riuscire a stare insieme..."
  52. "Chi ha fatto del male pagherà..."
  53. "Va fatto un restauro complessivo di tutte le fontane storiche e monumentali"
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR