--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Romano Prodi in uno scritto sul Messaggero propone una coalizione sulla falsariga di quella che ha eletto Ursula Von der Leyen come presidente della commissione europea

Prodi: “Sì a un governo Pd – M5s”

Condividi la notizia:

Romano Prodi

Romano Prodi

Roma – “Sì a un governo Pd-M5s”. Romano Prodi in un fondo scritto per il Messaggero propone l’ipotesi di un governo tra Pd e M5s, e parte di Forza Italia per superare la crisi. 

Un governo di legislatura tra le forze che hanno eletto a Strasburgo la nuova presidente della commissione Ursula Von der Leyen. 

Per questo la coalizione proposta dall’ex premier è stata ribattezzata “coalizione Ursula”.

“Bisogna partire – ha scritto Romano Prodi -, dalle ragioni che hanno portato al declino del governo attuale e preparare le basi di una maggioranza costruita attorno a un progetto di lunga durata, sottoscritto in modo preciso da tutti i componenti della coalizione. È un compito difficilissimo ma non impossibile. È stato messo in atto in Germania”.

L’ex premier si è soffermato sul possibile accordo di governo tra Pd, M5s e parte di Fi.

“È chiaro – ha aggiunto Romano Prodi – che l’accordo deve prima di tutto fondarsi sul reinserimento dell’Italia come membro attivo dell’Unione europea. Forse bisognerebbe battezzare questa necessaria coalizione filoeuropea ‘Orsola’, cioè la versione italiana del nome della nuova presidente della commissione europea. Deve essere un accordo duraturo: non per un tempo limitato ma nella prospettiva dell’intera legislatura”.

Infine l’ex premier ha parlato anche della situazione interna del Partito democratico. 

“Ho un’idea ben chiara – ha concluso Romano Prodi – sulla necessità di aprire un dibattito nell’ambito del Partito democratico, così che la posizione prevalente possa portare avanti in modo deciso e fermo le decisioni prese, senza che esse vengano continuamente messe in discussione, anche con ipotesi di scissione”.


Condividi la notizia:
18 agosto, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR