--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Spettacolo - Si esibirà domenica 18 agosto alle 21,30

Il quartetto di ottoni “Stabat Quater” in concerto al castello di Torre Alfina

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Il quartetto Stabat quater in concerto

Il quartetto Stabat quater in concerto

Acquapendente – Riceviamo e pubblichiamo – Domenica 18 agosto alle 21,30 il quartetto di ottoni “Stabat Quater” terrà un  concerto nel fiabesco Castello di Torre Alfina che si trova nella omonima frazione del comune di Acquapendente.

Il concerto, ad ingresso libero, prevederà un vasto programma di musiche che spazieranno dal barocco
alla musica blues.

Alle trombe: Armando D’Eugenio e Franco Silvestri, al trombone: Matteo Guerrini e all’Euphonium: Stefano Cola.
Un’occasione da non perdere per chi ancora non avesse visitato il Castello di Torre Alfina… buona musica in una location d’eccezione!

Matteo Guerrini  


Alcune notizie sul castello

Sfuggono del tutto le circostanze delle origini del Castello, ma la posizione strategica a guardia di importanti vie di comunicazione, che attraversano anticamente il territorio, ne indica la funzione difensiva in un sistema facente capo a Orvieto.

Una cronaca del ‘500 fa risalire la fondazione della prima torre detta “del Cassero” al VIII secolo, ma le prime testimonianze documentarie compaiono nel Duecento.

Ed è partire da questo periodo che la storia del castello e del borgo si intreccia con quella dei Monaldeschi della Cervara.

Proprio a Sforza Monaldeschi della Cervara, famoso uomo d’armi, si deve l’iniziativa di trasformare l’antica struttura fortificata in elegante residenza di campagna sul modello rinascimentale.

Gli artefici ingaggiati erano gli stessi che lavoravano anche nella cattedrale di Orvieto: Ippolito Scalza per le opere di scultura e architettura e Cesare Nebbia e la sua bottega per la decorazione pittorica.

I Monaldeschi conservarono la proprietà fino alla metà del XVII secolo, quando per via ereditaria passò alla famiglia Bourbon del Monte.

Nel 1880 Guido Bourbon del Monte la vendette al banchiere di Anversa Edoardo Cahen, che avviò un restauro totale del palazzo affidando il progetto all’architetto senese Giuseppe Partini.


Condividi la notizia:
9 agosto, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR