Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Milano Marittima - Il ministro dell'Interno ha poi litigato con Alessandro Di Battista: "È il vacanziero più pagato al mondo, me ne frego dei suoi insulti"

Salvini senza freni: “Io minacciato da una zingaraccia, ma si prepari che arriva la ruspa”

Condividi la notizia:

Matteo Salvini

Matteo Salvini

Milano Marittima – “Vi pare normale che ci sia una zingara di un campo rom abusivo a Milano, una zingaraccia che va a dire ‘Salvini dovrebbe avere un proiettile’?”. Matteo Salvini senza freni durante un’intervista rilasciata a Sky Tg24 da Milano Marittima, dove sta trascorrendo qualche Giorno di vacanza.

“Preparati che arriva la ruspa, amica mia – ha proseguito il ministro dell’Interno -. Proiettile? Tu preparati ad accogliere la ruspa, cara la mia zingara, poi vediamo”.

L’utilizzo del termine dispregiativo “zingaraccia” ha ovviamente suscitato polemiche e condanne, ma Salvini ha insistito: “Roba da matti. Il problema non è una zingara che minaccia di morte il ministro dell’Interno, vivendo in un campo Rom abusivo. Il problema per qualcuno è la parola ‘zingaraccia’. Io vado avanti, fino al raggiungimento dell’obiettivo zero campi Rom in Italia”.

Salvini ha anche litigato con Alessandro Di Battista. Il primo ad attaccare è stato Di Battista: “Uguale al Pd sul Tav e sulle altre mangiatoie. Uguale ai radicali sulle privatizzazioni selvagge e allo stesso tempo sul salvataggio, con denaro pubblico, delle radio di partito. Uguale a Forza Italia sulla giustizia e sull’eterno tentativo di proteggere i colletti bianchi. Questa è la Lega Nord. Un banalissimo partito di sistema capace solo di camuffarsi meglio degli altri. Prima o poi gli italiani se ne renderanno conto”.

La replica del ministro dell’Interno: “Gli insulti del signor Di Battista, il vacanziero più pagato del mondo, non mi interessano. Lottiamo ogni giorno contro mafiosi, spacciatori e scafisti. Abbiamo la fiducia di milioni di italiani, chi se ne frega di Di Battista”.

Sul botta e risposta è intervenuto anche Luigi Di Maio. In difesa di Di Battista. “Non mi interessano le polemiche – ha detto il ministro del Lavoro -, certo trovo curioso che si dia a Di Battista del vacanziero da una spiaggia. Alessandro merita rispetto, così come tutto il M5S”.


Condividi la notizia:
1 agosto, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR