--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Le percentuali nello studio di Winpoll-sole 24 ore - "Il M5s recupera rispetto a luglio e il Pd conferma la crescita degli ultimi mesi"

Sondaggio – La Lega paga la crisi di governo, calo al 33,7%

Condividi la notizia:

Matteo Salvini

Matteo Salvini

Roma – La crisi di governo ha i suoi primi effetti. Secondo il sondaggio Winpoll-sole 24 ore, il primo a dover pagare il prezzo della crisi politica è Matteo Salvini e quindi La Lega.

Il sondaggio, pubblicato oggi dal quotidiano economico come indagine sulle intenzioni di voto degli italiani, registra il calo di consensi del Carroccio. In generale si riscontra come la Lega sia scesa di 5 punti in un mese, mentre Pd e M5s sono in leggera risalita.

“Alle europee la Lega aveva preso il 34,3%, nel sondaggio del 30 luglio era stimata al 38,9% e oggi è scesa al 33,7%”, si legge nell’indagine.

Poi il dati sul Movimento cinque stelle e sul Partito democratico. “Il M5s recupera rispetto al sondaggio di luglio e il Pd conferma la crescita che si era già manifestata negli ultimi mesi”.

Dal sondaggio emerge che “nelle intenzioni di voto al 25 agosto il Pd riscuote il 24% dei consensi in aumento di sette decimali di punto rispetto alla rilevazione del 30 luglio e di 1,3 punti rispetto al risultato delle europee”. E poi “il consenso del M5s è nelle intenzioni di voto al 25 agosto del 16%, in ripresa di 1,8 punti percentuali rispetto al sondaggio del 30 luglio, ma sotto di mezzo punto rispetto alle europee”. Ma, viene spiegato, “né l’uno né l’altro beneficiano significativamente del calo della Lega. In proporzione lo fa più Fdi”.

In aggiunta anche il dato sulle preferenze degli elettori rispetto alle soluzioni della crisi. “La maggioranza relativa (il 41%) vorrebbe tornare al voto in autunno”, si legge. 

Rispetto alla soluzione della crisi emerge che gli elettori di Lega e M5s danno ormai per concluso il rapporto con il M5s.  “Solo il 7% degli elettori leghisti e il 16% dei grillini vedono una nuova alleanza gialloverde – si legge –. Il 41% degli interpellati si dichiara favorevole al voto in autunno. Nel dettaglio però solo il 21% degli elettori del Pd vorrebbe le urne mentre il 62% preferisce un governo con il M5s. Dall’altra parte  l’83% degli elettori della Lega vogliono le elezioni insieme a quelli di FdI e di Forza Italia”.

Per quel che riguarda gli elettori del M5s “solo il 22% vuole il voto in autunno, mentre il 43% preferisce un governo con il Pd”. 


Condividi la notizia:
25 agosto, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR