--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Spettacolo - Sabato 24 agosto c'è "Sogno di una notte di mezza estate"

Il Teatro mobile porta in scena Shakespeare a Bagnaia

Condividi la notizia:

Artcity - La compagnia Teatro mobile

Artcity – La compagnia Teatro mobile

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Sabato 23 agosto 2019 alle 21, terzo appuntamento a Bagnaia di Viterbo con lo spettacolo “Sogno di una notte di mezza estate” della compagnia dell’associazione Teatro mobile di Roma, sotto la regia di Marcello Cava e con la riscrittura, dalla commedia di William Shakespeare, di Pina Catanzariti.

Lo spettacolo fa parte della rassegna Palcoscenico a cura di Marina Cogotti, realizzata dal Polo museale del Lazio e dall’Istituto del ministero dei Beni e delle attività culturali: un viaggio tra i tesori del Lazio, ben 23 siti d’eccellenza, tra musei, palazzi nobiliari e complessi religiosi, legati da un programma vario, declinato secondo suggestioni dettate dai luoghi.

Questo primo studio sperimentale di Teatro Mobile sul e dal Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare cerca una nuova possibilità per farne a orare il suo mondo tanto ricco di poesia quanto amorale ed insensato. Un viaggio per visitatori-spettatori di questo bosco-labirinto: se il gioco degli specchi del capolavoro shakespeariano produce rifrazioni, queste e solo queste devono essere “captate” dai visitatori come suoni e voci dei misteri notturni, intuendo e scorgendo fatti e visioni estrapolati dal testo originario nella riscrittura di Pina Catanzariti.

Magia, sogno, inganni, iperrealtà e metateatro, dinamiche e intrighi familiari shakesperiani sono infatti gli ingredient che si mescolano in Sogno di una notte di mezza estate del Teatro mobile a Bagnaia di Viterbo.

Un disordine cosmico, mitologico ed erotico sul filo dell’amore inteso come ordine e armonia alla fine del mondo. In realtà descritto nella sua speculare doppiezza: sentimento violento, bestiale e distruttore che nulla crea, ma tutto distrugge e annienta, la maschera sulla realtà, la finzione, le bugie e i tradimenti. Teatro camuffato, antipsicologico e capovolto tra soluzioni atipiche, esilaranti e soprannaturali.

L’appuntamento successivo con la rassegna è per sabato 31 agosto a Palazzo Farnese con Il trespolo tutore dell’Ensemble mare nostrum.

Artcity


Condividi la notizia:
20 agosto, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR