--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cellino San Marco - Il cantante era tra i nomi non graditi nel paese - Attaccato per la sua presunta posizione in merito all'appartenenza della Crimea

Al Bano cancellato dalla blacklist dellʼUcraina

Condividi la notizia:

Al Bano

Al Bano

Cellino San Marco – Al Bano cancellato dalla blacklist dellʼUcraina.

“Tutto chiarito col nuovo governo ucraino toglieranno Al Bano dalla blacklist”. A dichiararlo è l’avvocato Cristiano Magaletti, che ha seguito la vicenda per conto del cantante pugliese.

Al Bano si era ritrovato tra i nomi non graditi nel paese a causa della presunta vicinanza alle posizioni russe sull’appartenenza della Crimea. 

L’avvocato ha ringraziato “tutta l’ambasciata ucraina, che ci ha aiutato nel dialogo col governo ucraino, durante le loro elezioni, per chiarire la posizione neutrale dell’artista”.

L’avvocato ha chiarito che “la posizione di Al Bano è unica e forte: le sue competenze sono artistiche, musicali e la sua visione è e sarà sempre pacificista”.

Il cantante di Cellino San Marco ha spiegato il suo pensiero in una nota. “Con questa dichiarazione vorrei specificare e chiarire ciò che ho espresso nel 2014 in merito all’appartenenza della Crimea alla Russia – ha detto Al Bano -. Non mi sono mai interessato della vicenda, essendo un cantante e non un politico. I media locali italiani di allora, senza andare in profondità e senza interessarsi al diritto internazionale su questo caso, mi hanno abbinato dichiarazioni riguardo a questioni che non sono di mia competenza”.

Il cantante ha poi concluso: “Essendo stato coinvolto, senza volerlo, nella questione, mi sono interessato a questa complicata vicenda internazionale e ho preso atto della posizione della comunità internazionale riguardante l’integrità territoriale dell’Ucraina inclusa la Crimea, così come lo affermano i documenti dell’Onu, dell’Ue, della Nato ed altre organizzazioni internazionali, nonché della posizione ufficiale del mio stesso governo Italiano. Spero di essere invitato ed accolto in Ucraina per un grande concerto di pace e musica”. 


Condividi la notizia:
12 settembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR