--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Notaristefano (Viterbo 2020) su tutte le furie per l'assenza del dirigente

“Assistenza domiciliare, estremamente grave che sia saltata la commissione”

Condividi la notizia:

Patrizia Notaristefano (Viterbo 2020)

Patrizia Notaristefano (Viterbo 2020)

Viterbo – (g.f.) – “L’assenza del dirigente è estremamente grave”. In quarta commissione salta il punto sulle tariffe per l’assistenza domiciliare e Patrizia Notaristefano (Viterbo 2020) salta su tutte le furie.

Una sfortunata concomitanza ha fatto sì che non ci fossero assessora ai Servizi sociali e dirigente. La prima giustificata. Chiamata in procura per la lettera minatoria ricevuta, Antonella Sberna non ce l’ha fatta a essere presente.

Ma a mandare su tutte le furie l’opposizione è l’assenza pure del dirigente. “Estremamente grave – tuona Notaristefano – l’assessora ci mancherebbe, ha un problema da affrontare, è stata chiamata in procura, ma è inaccettabile che il dottor Rossetti non sia qui.

Ieri era in consiglio comunale era presente quando si è detto che oggi avremmo affrontato l’argomento. La commissione è convocata da giorni”. Ma non c’è. È in ferie, fa sapere il presidente di commissione Stefano Caporossi.

Per Giulio Marini (FI) è opportuno spostare la commissione, anche perché la presenza del dirigente incide fino a un certo punto. La modulazione delle tariffe è questione politica. Serve l’assessora.

“In parte condivido quanto affermato da Notaristefano – spiega il capogruppo della Lega Andrea Micci – quando si convoca una commissione, assessore e dirigente è bene che ci siano, ma stamani Sberna era impossibilitata”.

Siccome le tariffe sono state rimodulate per venire incontro agli utenti, Lina Delle Monache vorrebbe anche il ragioniere capo Rasi. Non c’è manco lei.

Non resta che rinviare e come fa notare Sergio Insogna (Fondazione) non prima d’avere chiesto scusa ai cittadini interessati al provvedimento e che magari si aspettavano risposte.

Alcuni erano presenti. Dovranno pazientare ancora.


Condividi la notizia:
19 settembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR