--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - I consiglieri di centrodestra Romoli, Grancini, Bambini e Pellegrini chiedono al presidente della provincia di convocarlo con la regione

“Classi chiuse e carenza di insegnanti, subito un tavolo tecnico”

Condividi la notizia:

Viterbo - Palazzo Gentili

Viterbo – Palazzo Gentili

 

Alessandro Romoli

Alessandro Romoli

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – A pochi giorni dal via dell’inizio scolastico la situazione in alcune classi della nostra provincia appare drammatica. Da una parte, come a San Lorenzo Nuovo, si chiudono classi di prima elementare con bambini di sei anni costretti a spostarsi da un paese all’altro, con la inevitabile preoccupazione delle famiglie e con tutte le implicazioni di ordine logistico che ne derivano, specialmente nei mesi invernali.

Dall’altra leggiamo sui giornali di una consistente carenza di insegnanti nel sostegno e di gravi situazioni di sovraffollamento in alcune classi ove si supera ampiamente il numero consentito dalla legge.

Una legge, che è bene dirlo, profondamente da rivedere in quanto, stante l’attuale tendenza nelle nascite, si ritiene non sia più attuabile a meno che non si voglia chiudere in pochi anni tutte le scuole dei comuni più piccoli; una legge che tratta i bambini come numeri senza tener alcun conto delle situazioni logistiche e strutturali di scuole e comuni.

Si tratta di un problema gravissimo che non va sottaciuto perché crea disagi a centinaia di famiglie, agli insegnanti, costretti a gestire classi con numeri elevatissimi, agli stessi studenti che vedono la didattica passare in secondo piano, sacrificata al rispetto di una legge penalizzante ma soprattutto sacrificata alla carenza di docenti assegnati alla Tuscia dagli organi preposti in numero inferiori a quelli necessari.

A tal proposito abbiamo già chiesto al presidente della provincia di convocare un tavolo tecnico con regione, ufficio scolastico regionale e ufficio scolastico provinciale per cercare una possibile soluzione a questo grave problema che, seppur con sfumature diverse, sta interessando diversi punti della Tuscia. Se anche ci fosse una possibilità su mille di sanare qualche situazione grave non possiamo lasciare nulla d’intentato. La buona scuola passa anche da qui.

Alessandro Romoli
Gianluca Grancini
Carlo Pellegrini
Massimo Bambini
Consiglieri provinciali di centrodestra

 


Condividi la notizia:
6 settembre, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR