--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Motori - La manifestazione ha preso il via sabato da Bagnoregio e si è conclusa il giorno successivo a Montefiascone

Coppa Marchese del Grillo, 70 equipaggi a spasso per la Tuscia

Condividi la notizia:

Motori - La coppa Marchese del Grillo

Motori – La coppa Marchese del Grillo

Motori - La coppa Marchese del Grillo

Motori – La coppa Marchese del Grillo

Motori - La coppa Marchese del Grillo

Motori – La coppa Marchese del Grillo

Montefiascone – Si è conclusa ieri in piazzale Urbano V a Montefiascone la 24esima edizione della coppa Marchese del Grillo.

Le 70 auto partecipanti con moltissimi equipaggi in costume d’epoca sono state accolte dal sindaco Massimo Paolini, dal vicesindaco Orietta Celeste e dall’assessore Paolo Manzi e dai tamburi del locale corteo storico presente con un gruppo di sbandieratori.

Le auto hanno affascinato il pubblico e impegnato la giuria tecnica che ha dovuto attribuire i premi agli equipaggi con i migliori costumi: tra le auto la Fiat Tipo 1 del 1908 di Antonino Luca, la Singer 9 hp Sport Tourer del 1933 di Leonardo Zacchei, la Gilco sport del 1949 dal grande passato agonistico e la Lancia Aprila Convertibile del 1937 di Gianfranco Brunelli.

La manifestazione aveva preso il via sabato da Bagnoregio dopo che i partecipanti avevano visitato il borgo di Civita per poi trasferirsi in quello fantasma di Celleno e chiudere la prima giornata nel suggestivo borgo di Roccaripesena, il paese delle rose che si erge su una rupe proprio di fronte ad Orvieto. Ovunque tanto entusiasmo e pubblico affascinato dalla variopinta carovana.

A concludere l’evento è stata la cerimonia di premiazione che si è svolta proprio sulle rive del lago di Bolsena alla quale è voluto essere presente il presidente dell’Asi, Alberto Scuro, che dopo aver salutato i partecipanti ed espresso il compiacimento per l’organizzazione dell’evento, ha ricevuto due importanti riconoscimenti: la bandiera della Pace donatagli da Gianfranco Costa, già sindaco di Assisi e fondatore del Centro internazionale della pace e di una adozione onoraria di una pianta di olivo della collezione mondiale degli olivi Olea mundi consegnatagli dal vicesindaco di Lugnano in Teverina Alessandro Dimiziani.

Alla cerimonia finale erano presenti anche il vicesindaco di Montefiascone, Orietta Celeste e gli assessori del comune di Bagnoregio Elena Gentili e Sabrina Crosta, che hanno ricevuto anche loro l’adozione onoraria dell’olivo e la vandiera della Pace. La marchesa Maria Adelaide Capranica del Grillo e la pittrice salentina Arianna Greco hanno ricevuto da Gianfranco Costa la pergamena che le insignisce del titolo di cavalieri della Pace per il millennio un riconoscimento che le impegna a lavorare attivamente a favore dei più sfortunati e per la promozione della fratellanza fra i popoli.

I premi d’ onore, realizzati in ceramica dall’artista bagnorese Sara Arcangeli sono stati attribuiti all’equipaggio Muccifuora a bordo di una Jeep Willis del 1949, ad Alfonso Marucci con signora e figlio su pulmino Volkswagen in abiti da figli dei fiori, a Mauro Trapè, come alfiere dell’associazione Taruffi in completo scozzese molto ben abbinato alla Ford Cortina portata in gara, a Luca Antonino e signora con abiti adeguati alla Fiat Tipo 1 dei primi anni del secolo scorso. Premiati anche i giovane equipaggio di Riccardo Alberti, il viterbese Carlo De Luca e signora, Gianfranco Brunelli con moglie e nipoti e Gianni Morandi nelle vesti di gentleman driver alla guida della sua bellissima barchetta Lanzarone con meccanica Fiat-Stanguellini.

Soddisfazione per tutti gli uomini dell’associazione Taruffi che fanno riferimento al presidente Fabrizio Verzaro che li guida da oltre venti anni e che ricopre un ruolo di grande prestigio nella commissione tecnica nazionale Auto dell’Asi.

A brevissimo il prossimo appuntamento in calendario: domenica 29 settembre in occasione della giornata nazionale del Veicolo d’epoca promossa dall’Asi nel quale verrà presentato il libro “L’autista di Dio” alla presenza dell’ autrice Giada Trebeschi.


Condividi la notizia:
16 settembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR