Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Le lezioni, su 300 ore formative, sono finalizzate a preparare figure professionali in grado di garantire assistenza a persone

Csc, partito il corso per assistente familiare

Condividi la notizia:

Viterbo - Il centro studi criminologici

Viterbo – Il centro studi criminologici

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Si è aperto il 16 settembre alla presenza di Antonella Sberna, assessora con delega ai Servizi sociali del comune di Viterbo, nell’ente formativo accreditato dalla regione Lazio “Csc – centro per gli studi criminologici”, il corso per assistente familiare, profilo professionale riconosciuto dalla regione Lazio.

Il progetto formativo predisposto dall’assessorato nasce nell’ambito degli interventi legati al reddito di inclusione e si svolge in collaborazione con il centro per gli studi criminologici.

Ad accogliere l’assessora Antonella Sberna, per il Csc erano presenti il presidente Marcello Cevoli, Giampiero Lattanzi, direttore dell’area formazione professionale, Valentina Tanini, direttore del dipartimento di psicologia giuridica, Alessia Fuschino, nutrizionista, Stefania Giovannini, tutor del corso e Barbara Buonomo, direttore della segreteria generale.

Sono 25 gli allievi che hanno aderito alla iniziativa formativa e ai quali l’assessora Antonella Sberna ha portato il suo saluto invitando tutti gli iscritti a partecipare attivamente al corso che si configura come una concreta occasione per un inserimento qualificato nel mondo del lavoro.

Il corso, che prevede 300 ore formative distribuite tra didattica e stage presso strutture convenzionate con il centro per gli studi criminologici, è finalizzato a preparare figure professionali in grado di garantire assistenza a persone autosufficienti e non, favorendone il benessere, l’autonomia e la permanenza nel nucleo familiare.

Il corpo docente altamente qualificato, utilizzando coinvolgenti metodologie didattiche, strategie e tecniche al passo con i tempi, alternando alla teoria esercitazioni pratiche e laboratori esperienziali, trasferirà conoscenze e strumenti efficaci che i futuri assistenti familiari potranno impiegare nell’ambito dell’attività lavorativa rivolta ai servizi alla persona. Infatti l’acquisizione della qualifica professionale punta, in base alle richieste del mercato, a incentivare l’occupazione regolare o il reinserimento nel mondo del lavoro.

Il corso si concluderà a febbraio 2020 con un esame finale alla presenza di una commissione appositamente costituita. Al superamento dell’esame verrà rilasciato l’attestato di qualifica di assistente familiare che consentirà l’iscrizione al registro distrettuale degli operatori impiegati nell’assistenza.

Marcello Cevoli
Presidente centro studi criminologici


Condividi la notizia:
20 settembre, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR