--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Venezia - Il ricavato all'ospedale Meyer, per volere dello stesso autore Pietro Pacciani

I disegni del “mostro di Firenze” in vendita per beneficenza

Condividi la notizia:

Uno dei disegni di Pietro Pacciani

Uno dei disegni di Pietro Pacciani

Venezia – Undici disegni di Pietro Pacciani, ribattezzato dai media “il mostro di Firenze”, in vendita per beneficenza. 

La mostra, organizzata da Venice Faktory, è intitolata “One solo show”: vernissage il 20 settembre, ore 19, in via Santa Croce 901. Durerà fino al 20 ottobre. Il ricavato andrà all’ospedale Meyer di Firenze, come Pacciani voleva. 

Centocinquanta le copie che sarà possibile acquistare. Copie perché, su disposizione dello stesso Pacciani, gli originali non sono in vendita.

Sono stati realizzati in carcere, mentre Pacciani attendeva il secondo processo d’appello per i sette duplici omicidi di cui era chiamato a rispondere. Raffigurano per lo più animali – i disegni osceni di Pacciani sono stati in gran parte sequestrati – e sono di proprietà di un criminologo consulente della difesa. 

Pacciani, contadino, era stato arrestato nel ’93 con l’accusa di aver ucciso numerose coppiette. I giornali, all’epoca, coniarono l’espressione di “mostro di Firenze” per riferirsi ai principali indiziati di un lungo elenco di delitti, il primo caso di omicidi seriali in Italia che sconvolse profondamente l’opinione pubblica. Le vittime, infatti, erano sempre giovani che si appartavano per cercare un po’ di intimità. 

Pacciani, condannato in primo grado a sette ergastoli, era stato assolto in appello. Sentenza annullata con rinvio dalla Cassazione a una nuova sezione della Corte d’Assise d’appello. Ma il processo non fu mai celebrato: il contadino morì in carcere prima dell’udienza. E sempre in carcere imparò a disegnare. 


Condividi la notizia:
15 settembre, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR