--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Ieri sera hanno sfilato le creazioni delle imprenditrici di "Donne in opera" - La quinta edizione dell'iniziativa si è svolta al teatro dell'Unione - FOTO E VIDEO

L’imprenditoria rosa in passerella…

di Maurizia Marcoaldi
Condividi la notizia:

Viterbo - La sfilata di "Donne in opera"Viterbo - La sfilata di "Donne in opera"

Viterbo – La sfilata di “Donne in opera”

Viterbo - Serenella Papalini e il sindaco Giovanni Arena

Viterbo – Serenella Papalini e il sindaco Giovanni Arena

Viterbo - Laura Leo

Viterbo – Laura Leo

Viterbo - Domenico Merlani e Serenella Papalini

Viterbo – Domenico Merlani e Serenella Papalini

Viterbo - La sfilata di "Donne in opera"

Viterbo – La sfilata di “Donne in opera”

Viterbo - La sfilata di "Donne in opera"

Viterbo – La sfilata di “Donne in opera”

Viterbo - La sfilata di "Donne in opera"

Viterbo – La sfilata di “Donne in opera”

Viterbo - La sfilata di "Donne in opera"

Viterbo – La sfilata di “Donne in opera”

Viterbo - La sfilata di "Donne in opera"

Viterbo – La sfilata di “Donne in opera”

Viterbo – Abiti da sposa, linee di gioielli ispirati all’architettura della città di Viterbo, creazioni legate a The young pope. Così “Donne in opera” ha celebrato ieri sera la sua quinta edizione. E lo ha fatto mostrando in passerella tutta la creatività femminile. Per l’iniziativa, organizzata dal Comitato per la promozione dell’imprenditoria femminile della Camera di commercio di Viterbo, è stata scelta quest’anno come location il teatro dell’Unione. L’evento è stato realizzato con il patrocinio del comune di Viterbo.

Il sipario si è alzato alle 21. E il lato rosa dell’imprenditoria ha dato il meglio di sé in passerella. La serata è iniziata con gli accessori. Orecchini, pendenti e borse ispirate alla città di Viterbo e alla sua architettura. Altri accessori hanno puntato tutto sulla ceramica, colorata poi di nero in richiamo delle antiche creazioni etrusche.

A sfilare poi i modelli da sera. Dai più semplici a quelli da cerimonia arricchiti da luminosissime pietre. A seguire gli abiti da giorno e modelle con t-shirt dipinte. Eccentrica ma convincente la linea ispirata ai film ambientati nella Tuscia e in particolare a The young pope. Un mix di colori, volumi e ricami. 

Il gran finale è stato poi quello degli abiti da sposa e da sposo. A sfilare una collezione classica ma anche originale. Una sposa fiabesca, ma anche un po’ etnica.

La location scelta non è una delle più facile, vista la grandezza. Ma ieri sera al teatro dell’Unione c’è stato sold out. La regia della serata è stata affidata, come sempre, alla Background Academy. A presentare l’attrice Laura Leo e a moderare Serenella Papalini, presidente del comitato per la promozione imprenditoria femminile. Nella serata anche inframezzi di contributi, testimonianze e interventi musicali. L’apertura con un messaggio diretto a tutti: “Le donne sono la colonna vertebrale della società”.

A salire sul palco per i saluti il sindaco Giovanni Arena. “Sono qui per ringraziare la camera di commercio per la sinergia con il comune – ha detto il sindaco – Noi come amministrazione ci siamo e vogliamo esservi accanto per valorizzare il vostro lavoro”.

Un saluto a tutte le imprenditrici è stato poi fatto dal presidente della camera di commercio Domenico Merlani. “Le donne – ha detto Merlani – sono il settore trainante della nostra economia e della nostra società. Ecco perché dico grazie a tutte le imprenditrici”.

Quest’anno cinque imprenditrici sono state invitate a salire sul palco per ritirare un riconoscimento. Cinque donne che si sono distinte con il loro lavoro e la loro passione. Accanto a Laura Leo si sono alternate l’imprenditrice delle Terme Salus Tiziana Governatori, la campionessa di pattinaggio Ludovica Delfino, Iside De Cesare e suor Francesca del monastero di Santa Rosa. Il ricordo poi per l’imprenditrice scomparsa Nicoletta Ascenzi e a ritirare il riconoscimento è stata la figlia che dal palco ha ricordato la mamma con una lettera. 

Nel corso della serata anche un omaggio a Santa Rosa e sul palco è salito Mammorappo e Elia Caprera che hanno cantato la canzone “Il facchino”. Ringraziata anche la asl di Viterbo con Laura Leo che ha invitato a salire sul palco alcuni rappresentanti tra cui il direttore sanitario Antonella Proietti. “Una donna può incontrare delle difficoltà nella vita – ha detto Laura Leo in riferimento alla asl – e può dare sicurezza il fatto di sapere che ci sono delle istituzioni pronte ad aiutarti”. Antonella Proietti ha poi presentato il progetto Breast Unit, ossia un centro di senologia e ha dato appuntamento al 4 e 5 ottobre all’inaugurazione di un dipartimento dedicato alla donna e al bambino.

La sfilata di moda è stata curata da Background Academy. A occuparsi del trucco e delle acconciature il Centro Estetico Sharj di Natascia Uggeri, Estetica Chiara di Chiara Cenci, Compagnia della Bellezza di Letizia Segatori, Tagli & Dettagli di Alessia Achilli.

Sul palco le creazioni di Artmerlino, Capodimonte; Cinzia Chiulli Percorsi artistici, Viterbo; Daniela Lai, Viterbo; Italia Garipoli, Tre Croci di Vetralla; Istituto di Moda Fotu, Viterbo; La Temporada di Chiara Sartori, Sutri; LeS di Leoni Sara, di Cura di Vetralla; Merinda Spose, Cura di Vetralla; O.B.B. di Roberta Pietrini, Viterbo; Ricci Sposo, Cura di Vetralla; Sartoria Cavour, Viterbo; Segnali di Moda, Tuscania.

Molti gli ospiti presenti, dal sindaco Giovanni Arena al senatore Umberto Fusco; dall’assessore Antonella Sberna alla consigliera Chiara Frontini. E poi la consigliera Paola Bugiotti, l’assessore Ludovica Salcini, il consigliere Giulio Marini e l’ideatore di Gloria Raffaele Ascenzi.

A fine serata, un riconoscimento, meritato, per tutte le imprenditrici. I saluti con una poesia di Patrizia Pellegrini dedicata alle donne e con Benedetta Moschetti e Laura Leo sulle note di “Quello che le donne non dicono”.


Gallery: Donne in opera 2019


Il comunicato di Cna Viterbo e Civitavecchia

“Piccole imprese con un grande talento. L’evento ‘Donne in opera’, promosso dal comitato per l’imprenditoria femminile della camera di commercio, ha messo sotto i riflettori, ieri sera, le imprese femminili dell’articolata filiera della moda: una realtà che nella Tuscia esprime non grandi numeri ma sicuramente competenza e alta qualità. Alle imprenditrici, che sono state l’anima della serata, vanno il nostro grazie e un forte applauso”. Così Luigia Melaragni, segretaria della Cna di Viterbo e Civitavecchia, presente alla manifestazione al teatro dell’unione di Viterbo.

“La sfilata, coordinata con la consueta bravura dalla Background academy, ha consentito di conoscere ed ammirare il lavoro di aziende, alcune giovanissime, che con passione, seppure spesso con fatica, contribuiscono alla conservazione e alla evoluzione della cultura del made in Italy – prosegue Melaragni -. Cultura che poggia su una straordinaria maestria artigianale. Arte sartoriale; creatività e ricerca, con crescente attenzione alla sostenibilità, nella lavorazione della ceramica, delle fibre naturali e dell’oro vegetale per la produzione di accessori. Professionalità nell’acconciatura e nel make up: una ricchezza che è importante promuovere, aiutando le imprese a connettersi tra loro e sostenendole nell’apertura a potenziali nuovi mercati”.

“Si è detto ieri sera che le donne sono la colonna vertebrale della società. Ecco, investire sulle donne è fondamentale per l’economia del territorio”, conclude la segretaria della Cna.


Condividi la notizia:
22 settembre, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR