--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Celebrata la messa in onore di san Matteo, protettore della guardia di finanza - Il vescovo Fumagalli ha ringraziato le fiamme gialle

“Il vostro compito è quello di educare le persone a forti ideali”

di Maurizia Marcoaldi
Condividi la notizia:

Viterbo - La cerimonia per la ricorrenza della festa del patrono della guardia di finanza

Viterbo – La cerimonia per la ricorrenza della festa del patrono della guardia di finanza

Viterbo - Pietro Nocchi e Andrea Pecorari

Viterbo – Pietro Nocchi e Andrea Pecorari

Viterbo - Il vescovo Lino Fumagalli

Viterbo – Il vescovo Lino Fumagalli

Viterbo - Don Pino

Viterbo – Don Pino

Viterbo - Il comandante provinciale delle fiamme gialle di Viterbo Andrea Pecorari

Viterbo – Il comandante provinciale delle fiamme gialle di Viterbo Andrea Pecorari

Viterbo - La cerimonia per la ricorrenza della festa del patrono della guardia di finanza

Viterbo – La cerimonia per la ricorrenza della festa del patrono della guardia di finanza

Viterbo - Il prefetto Giovanni Bruno e il questore Massimo Macera

Viterbo – Il prefetto Giovanni Bruno e il questore Massimo Macera

Viterbo – “Il vostro compito è quello di educare le persone a forti ideali”. Il vescovo di Viterbo Lino Fumagalli in occasione della messa in onore di san Matteo, patrono della guardia di finanza, ha ringraziato le fiamme gialle per l’impegno quotidiano e ha poi ricordato il compito a cui “tutti sono chiamati che è quello di riscoprire i veri valori”. 

La cerimonia, come ogni anno, si è svolta questa mattina nella chiesa di san Sisto. Accanto al vescovo il parroco don Pino. All’appuntamento le maggiori autorità militari e cittadine. 

Il vescovo Fumagalli ha iniziato la funzione religiosa affidando a san Matteo l’operato delle fiamme gialle e in particolare il servizio del nuovo comandante provinciale della guardia di finanza Andrea Pecorari. Poi l’omelia.

“Il vostro lavoro non è facile – ha detto il vescovo –. Ma la comunità ha bisogno di voi, ha bisogno del rispetto delle norme e tutti i cittadini devono contribuire al rispetto e alla riscoperta continua dei valori. Tutti ci dobbiamo impegnare nella cultura del rispetto della diversità degli altri, altrimenti il vostro lavoro sarà sempre più difficile e meno proficuo”.

Poi l’interrogativo del vescovo rivolto a tutti. “‘Come possiamo creare la cultura del bene comune?’ – ha chiesto il vescovo per poi aggiungere -. La risposta è ‘dobbiamo educare le persone ad avere forti ideali. E un esempio di persona con forti ideali è san Matteo, il vostro protettore che era un esattore delle tasse. Seguendo il suo esempio possiamo riscoprire i veri valori. Dobbiamo ricordarci di non tenere al centro solo l’io, ma anche altri ideali altrimenti tutto è più difficile”.

L’augurio poi alle fiamme gialle. “Che il vostro lavoro – ha concluso il vescovo – sia portato avanti nella trasparenza. Che gli ideali siamo portati avanti dal vostro valore e dalla vostra divisa. Impegnamoci tutti per uno stato in cui la giustizia sia condivisa e realizzata. Uno stato dove il rispetto e legalità costituiscano il bene comune, la base per vivere insieme e lavorare bene. Impegnamoci per una giustizia sociale condivisa”. 

Dopo l’omelia, la lettura della preghiera del finanziere.  Al termine della messa il comandante provinciale delle fiamme gialle di Viterbo Andrea Pecorari, alla sua prima cerimonia pubblica ufficiale, ha ringraziato il vescovo e tutti i presenti. 

“In un mondo che ci impone ritmi sempre più frenetici – ha detto Andrea Pecorari – è bene prendersi sempre qualche momento di raccoglimento per riflettere sul perché abbiamo intrapreso questa strada, questo lavoro, questa missione. Credo che la ricorrenza del nostro santo patrono sia uno di questi momenti di riflessione. San Matteo nel corso della sua vita ha intrapreso un grande cambiamento, noi non faremo cambiamenti così grandi ma ci dobbiamo impegnare per mantenere la nostra presenza a tutela dei cittadini, in modo imparziale e disinteressata. Grazie a tutti”. 

Tra le autorità presenti il prefetto Giovanni Bruno, il questore Massimo Macera, il presidente della provincia Pietro Nocchi e l’assessore comunale Claudio Ubertini. 


Multimedia – Gallery: La guardia di finanza celebra san Matteo


Condividi la notizia:
20 settembre, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR