--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - La giornalista Selvaggia Lucarelli scrive su Facebook e afferma che la ragazzina alla kermesse leghista, insieme a Salvini, non è coinvolta nell'inchiesta

“La bambina sul palco di Pontida non c’entra nulla con Bibbiano”

Condividi la notizia:

Selvaggia Lucarelli

Selvaggia Lucarelli

Il post di Selvaggia Lucarelli su Salvini che invita una bambina di Bibbiano sul palco di Pontida

Il post di Selvaggia Lucarelli su Salvini che invita una bambina di Bibbiano sul palco di Pontida

Il post di Selvaggia Lucarelli su Salvini che invita una bambina di Bibbiano sul palco di Pontida

Il post di Selvaggia Lucarelli su Salvini che invita una bambina di Bibbiano sul palco di Pontida

 

Roma – “La bambina sul palco di Pontida non c’entra nulla con Bibbiano”. La giornalista Selvaggia Lucarelli scrive su Facebook e afferma che la bambina sul palco di Pontida, insieme a Salvini, non è coinvolta nel caso di Bibbiano.

Ieri il leader della Lega Matteo Salvini aveva chiuso la kermesse a Pontida invitando a salire sul palco una bambina. Salvini, secondo quanto riportato dall’Adnkronos, aveva presentato la piccola come una delle bambine coinvolte nel caso di Bibbiano, ritornata dai genitori dopo un allontanamento forzato.

Oggi la giornalista Selvaggia Lucarelli sul profilo Facebook ha smentito Salvini. In un primo post la scrittrice afferma le sue perplessità. “Mi comunica un magistrato – si legge – che la bambina Greta portata da Salvini sul palco di Pontida non è menzionata nell’ordinanza del gip di Reggio Emilia riguardante il ‘caso Bibbiano’. Inoltre il suo caso non sarebbe stato neppure tra quelli seguiti dai servizi sociali della Val d’Enza. Spero che Matteo Salvini, per quel che resta della sua reputazione, possa smentire”.

In un post più recente Lucarelli afferma di essere andata più a fondo nella vicenda e di aver contattato la madre della bambina. “Confermo tutto – si legge su Facebook – perché ho parlato con la madre. La bambina di Pontida non c’entra nulla con Bibbiano. Vive in Lombardia e le case famiglia a cui fu affidata erano a Varese e Como”.

E poi l’affondo sul leader leghista. “Salvini – conclude il post – ha strumentalizzato Bibbiano e i bambini in modo indegno”.

Con il “caso Bibbiano” si fa riferimento all’inchiesta circa un presunto traffico di affidi illegali di minori che sarebbero stati strappati con l’inganno alle loro famiglie d’origine a scopo di lucro. L’inchiesta coinvolge, oltre alle famiglie, anche psicologi, politici locali, medici e assistenti sociali. Tra i coinvolti anche il sindaco di Bibbiano, il dem Andrea Carletti. Quest’ultimo elemento in questi mesi ha fatto discutere e per questo alcuni esponenti politici hanno accostato il Pd al caso di Bibbiano. 

“Mi pare che tra i bambini ci sia anche Greta – aveva detto Salvini dal palco – che è questa splendida bimba coi capelli rossi che dopo un anno è stata restituita alla mamma”.

E poi aveva concluso: “Mai più bambini rubati alle famiglie. Mai più bimbi rubati alle mamma e i papà. Mai più bimbi come merce. Chiedo a voi che siete sul prato, nel nome di questi bimbi che sono il nostro futuro, di prendervi per mano. Vi chiedo che la giornata di oggi sia l’inizio di una pacifica, democratica, rivoluzionaria liberazione del nostro paese”.

Una scelta, quella di far salire la bambina sul palco, che aveva acceso varie polemiche. Tra coloro che avevano criticato la decisione anche Carlo Calenda. “Che gente siete voi della Lega – aveva detto – per usare bambini su un palco?”.

 

 


Condividi la notizia:
16 settembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR