--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Dopo il sopralluogo di ieri all'interno della struttura - L'autore è Franco Miele, citato anche da Giorgio De Chirico - FOTO E VIDEO

La soprintendente Margherita Eichberg salva i quadri delle ex Terme Inps

di Daniele Camilli

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:


Viterbo – La soprintendente Margherita Eichberg ha dato ordine di mettere in salvo i quadri di Franco Miele abbandonati da quasi trent’anni all’interno delle ex Terme Inps lungo strada Bagni a Viterbo. Da quando la struttura, costruita negli anni ’50, uno dei pochi esempi di architettura razionalista in città, è stata lasciata lì, a se stessa. Saccheggiata e trasformata più di una volta in una piccola roccaforte per i senza tetto.


Viterbo - Margherita Eichberg

Viterbo – Margherita Eichberg


La decisione è arrivata subito dopo il sopralluogo di Eichberg di ieri mattina. Nel cuore di uno dei più clamorosi casi di abbandono di un edificio pubblico da parte delle istituzioni. La soprintendente, i dipinti erano già stati segnalati a marzo di quest’anno da Tusciaweb, ha dato ordine al comune dei Viterbo, al quale la Regione da anni ha dato in gestione l’intero complesso, di metterli in salvo e tutelarli. E da ieri le opere di Miele non stanno più alla mercé di chiunque. Sono in tutto cinque. Pare però ne manchi uno. Il sesto.


Viterbo - Terme ex Inps - I quadri di Franco Miele

Viterbo – Terme ex Inps – Un quadro di Franco Miele


I dipinti di Franco Miele si trovavano nel salone principale delle ex Terme Inps. Datati 1956. L’autore, nato a Formia nel 1923 e morto a Roma nel 1983, è stato pittore e critico d’arte. Le sue opere vengono ancora vendute. Di lui, Giorgio De Chirico ha scritto: “La Russia di Franco Miele è così nella realtà e allo stesso tempo fuori dalla realtà; è luminosa tra silenzi e solitudini; è concreta ed insieme leggendaria; è quanto mai umana pur nelle trasposizioni della fantasia”. 


Viterbo - Ex Terme Inps

Viterbo – Ex Terme Inps


“La vicenda di Franco Miele – scrive Alessandra Agostinelli sulla rivista Samizdat – è contraddistinta dalla poliedricità dei suoi interessi culturali: pittore, poeta e, al contempo, storico e critico d’arte. La razionalità e il rigore con cui indaga le sue molteplici passioni, porteranno la critica a definirlo un ‘umanista in chiave moderna’”.


Viterbo - Ex Terme Inps

Viterbo – Ex Terme Inps


Non è stato di certo tra i massimi pittori del novecento, però è anch’esso un pezzo d’arte della città. E la soprintendente li ha messi in salvo. Evitando anche che potessero finire su qualche sito di vendita on line a 1300 euro buoni. Il valore stimato di un quadro di Miele via internet da un indirizzo e-commerce. Un altro intervento a tutela dei beni culturali della città di Margherita Eichberg che ha avuto un ruolo importante nella definizione del vincolo di 1600 ettari tra Valle Faul e Paliano, che a giugno ha fermato la chiusura del pozzo delle terme di San Sisto e che, quando era dirigente della soprintendenza a Roma, bloccò il progetto dello stadio di calcio a Tor di Valle a Roma.


Viterbo - Ex Terme Inps

Viterbo – Ex Terme Inps


Le Terme ex Inps sono state abbandonate nel 1992, quando hanno smesso di funzionare. Inaugurate nel 1956, davano lavoro a 105 dipendenti a tempo indeterminato e a 80 stagionali. I posti letto disponibili erano 185. Adesso, eccezion fatta per lo spazio dedicato all’opera d’arte di Alfredo Pirri voluta dall’Arci di Marco Trulli e inaugurata da poco, stanno ancora lì. A marcire.

Daniele Camilli


Multimedia – Fotogallery: I quadri di Franco Miele – Ex Terme Inps nell’abbandono – Viaggio all’interno delle Terme ex Inps – Video: Le spettrali ex Terme Inps – Il saccheggio delle Terme ex Inps 


Condividi la notizia:
11 settembre, 2019

Reportage 3 ... Gli articoli

  1. Il miracolo dell'abbazia medievale di San Giusto
  2. Le ricchezze dimenticate della Madonna dell'Olivo
  3. Una donna sta salvando la chiesa di San Pietro...
  4. "Blitz Caffè, in due mesi ho perso diecimila euro di incassi..."
  5. "Vogliamo recuperare vecchie strutture dandogli nuova vita"
  6. Tre Croci, un paese in via di estinzione...
  7. "Viviamo come se fossimo in carcere..."
  8. La Regione Lazio ha autorizzato una centrale fotovoltaica a Poggio della ginestra
  9. "Siamo pronti a investire anche nella zona del lago di Bolsena"
  10. "Quando Giggi Petroselli dormiva nelle casapaie..."
  11. "Fotovoltaico, Tarquinia ha dato, ha dato, ha dato..."
  12. La marcia della pace dei Sikh per le vie della città
  13. Piansano, Arlena e Tessennano paesi "in vendita"
  14. I cinquant'anni dell'Uomo tigre...
  15. "C'è mancato poco che mi prendesse in pieno..."
  16. Riello, la nascita di un quartiere
  17. "Fotovoltaico, cari sindaci dovevate svegliarvi prima..."
  18. "Rischiamo di essere investiti tutti i giorni..."
  19. "Don Dante era una persona che anche se ti incontrava dopo trent'anni ti diceva... Ciao Paole'!"
  20. "Fotovoltaico, non siamo mica in Arizona..."
  21. "Quel maledetto goal di Magath..."
  22. Crepe nel coro barocco della cattedrale
  23. I laboratori delle Saline dove si ripopola il mare
  24. "Fiaccole, croce e ricciolo erano veramente messi male..."
  25. "E' inutile spendere i soldi per la strada quando intorno tutto muore..."
  26. La Tuscia ha il più alto consumo di suolo pro capite della regione Lazio
  27. La messa è finita...
  28. Parte in quinta il liceo sportivo del Canonica
  29. Ecco che fine ha fatto Viterbo sotterranea...
  30. "Saline, la solita barzelletta all'italiana..."
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR