--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - Gli occupati nel settore dei servizi sono la maggioranza in 54 comuni su 60 – Industria preponderante solo nel distretto di Civita Castellana

Lavoro, nella Tuscia domina il terziario

Condividi la notizia:

Lavoro - Suddivisione dell'impiego tra industria e servizi nella Tuscia

Lavoro – Suddivisione dell’impiego tra industria e servizi nella Tuscia

Viterbo – Industria o servizi? Secondo l’indagine pubblicata dal Sole 24 Ore, il mondo del lavoro della Tuscia propende decisamente per il terzo settore.

Nella mappa realizzata sulla base dei dati Istat 2016, in 54 comuni sui 60 che compongono la provincia di Viterbo i lavoratori del settore dei servizi (da cui si escludono quelli finanziari) battono come numero quelli impiegati nell’industria.

Unica eccezione è il distretto di Civita Castellana, dove è preponderante il ruolo dell’industria della ceramica. A Gallese, Corchiano, Fabrica di Roma e Castel Sant’Elia l’impiego risulta fortemente legato al settore produttivo, mentre a Civita Castellana sono molto numerosi anche i lavoratori dei servizi, che equilibrano la situazione (1640 addetti dell’industria e 2612 dei servizi).

Due ulteriori piccole chiazze isolate di azzurro pro-industria si trovano a Tessennano e Barbarano Romano, mentre il resto della mappa tracciata dal Sole 24 Ore si sviluppa sulle varie tonalità di rosso.

I luoghi dove lo squilibrio a favore dei servizi è maggiore si trovano soprattutto nella parte più meridionale della provincia (quella più vicina a Roma) e intorno ai grandi centri, come Viterbo e Tarquinia.


Condividi la notizia:
16 settembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR